APE, ecco cos’è l’Anticipo Pensioni

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'APE Anticipo Pensioni è un progetto a cui il Governo sta lavorando per consentire dal 2017 a chi ha almeno 63 anni di andare in pensione in anticipo

In questi giorni si fa un gran parlare di pensioni e in particolare di Ape, ovvero di anticipo pensioni. APE è l’acronimo di Anticipo pensionistico ed è un progetto sperimentale a cui il Governo sta lavorando in concerto con i sindacati, per consentire, dal 2017, a chi ha raggiunto almeno i 63 anni di età di andare in anticipo in pensione.

In realtà non si hanno certezze su questa novità normativa, ma le informazioni sono state riferite dai sindacati a seguito dell’incontro con il Governo, avuto il 12 settembre. Quindi rimandiamo ad una esamina più dettagliata del futuro provvedimento quando se ne avrà almeno una bozza definitiva.

APE Anticipo Pensioni, i requisiti

Per prima cosa possiamo dire che il nuovo provvedimento coinvolgerà sia i lavoratori dipendenti e autonomi del privato che quelli del pubblico impiego. I soggetti interessati dovranno avere compiuto almeno 63 anni durante i primi due anni di sperimentazione, ovvero nel biennio 2017-2018, per poter chiedere l’anticipo che sarà di massimo 3 anni e 7 mesi. Quindi in questa prima fase sperimentale riguarderà i nati fino al 1954. Il progetto sperimentale potrà poi essere prorogato sulla base dei risultati ottenuti.

APE Anticipo Pensioni, cos’è

In pratica si tratterà di un “prestito mensile” che arriverà agli interessati da parte di banche e assicurazioni attraverso l’Inps, quindi i soggetti richiedenti potranno andare in pensione con un massimo di 3 anni e 7 mesi di anticipo, durante i quali percepiranno il “prestito mensile” sotto forma di pensione.

Gli stessi dovranno poi restituire a rate questo prestito, attraverso una decurtazione mensile dalla pensione per 20 anni a partire dalla data di pensionamento reale, ovvero secondo la norma vigente, sino al completo rimborso del capitale e degli interessi alle banche che hanno fornito la pensione anticipata. La parte di interessi varierà a seconda della pensione a cui si ha diritto.

APE Anticipo Pensioni, agevolazioni per i più bisognosi

Gli interessi dovrebbero azzerarsi per le pensioni inferiori a 1200 euro mensili, ovvero per le fasce più bisognose. Altra agevolazione riguarderanno i disoccupati di lungo corso e coloro che assistono un disabile.

Agevolazioni riguarderanno infine le attività usuranti facendo rientrare probabilmente categorie come i lavoratori dell’edilizia, gli insegnanti d’asilo e gli infermieri.

L’incontro definitivo fra Governo e Sindacati dovrebbe essere fissato al 21 settembre prossimo a seguito del quale si dovrebbero avere notizie più certe su questo importante provvedimento.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • PAOLO PILLONI

    Buona sera, vorrei porro un quesito riguardo L’APE agevolata; sono disoccupato 5 anni con 35 anni di contributi versati e verificati con l’ecocert, INPS; compio 63 anni al 19/01/2017; volendo richiedere L’APE agevolata, nei vincoli viene anche inserito il reddito anche di mia moglie che lavora ?.
    Nella dichiarazione del reddito (730) inseriamo il reddito di mia moglie, la casa ed il mio (a zero reddito) ?