Rivalutazione delle pensioni per l’anno 2014

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'INPS ha reso noti i criteri di rivalutazione delle pensioni in base all'indice di perequazione automatica, stabilito in via previsionale, per l'anno 2014

Con Circolare numero 7 del 17 gennaio 2014 l’INPS ha reso note le rivalutazioni dei trattamenti pensionistici in base all’indice di perequazione automatica da attribuire alle pensioni, in via previsionale, per l’anno 2014 così come indicato dal decreto del 20 novembre 2013, emanato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 280 del 29 novembre 2013.

La Legge di stabilità 2014 ha individuato i criteri di applicazione della rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici innovazione i meccanismi già esistenti, correlando la percentuale di rivalutazione all’importo complessivo del trattamento pensionistico complessivo, e non più alle fasce di importo all’interno del trattamento complessivo.

Leggi anche: Legge di Stabilità 2014 in Gazzetta Ufficiale, il testo integrale

Indice di rivalutazione per l’anno 2014

Il decreto del 20 novembre 2013, emanato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 280 del 29 novembre 2013, ha fissato nella misura del 1,2% l’aumento di perequazione automatica da attribuire alle pensioni, in via previsionale, per l’anno 2014.

Inoltre ha confermato nella misura del 3,0% l’aumento definitivo di perequazione automatica per l’anno 2013.

Disciplina applicata in via provvisoria alla rivalutazione delle pensioni per l’anno 2014

L’art. 12 del disegno di Legge di stabilità n. 1120/2013 aveva stabilito che per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, fosse riconosciuta come di seguito in tabella:

 

 

 

Dal 1° gennaio 2014:

Fino a 3 volte il TM 1,2 % fino a €  1.486,29
Fascia di garanzia * oltre € 1.486,29 e fino a € 1.488,06 sono garantiti 1.504,13
Oltre 3 e fino a 4 volte il TM 1,08  % oltre € 1.486,29 e fino a € 1.981,72
Fascia di garanzia * oltre € 1.981,72 e fino a € 1.985,25 sono garantiti 2.003,12
Oltre 4 e fino a 5 volte il TM 0,90 % oltre € 1.981,72 e fino a € 2.477,15
Fascia di garanzia* oltre € 2.477,15 e fino a € 2.484,53 sono garantiti 2.499,44
Oltre 5 e fino a 6 volte il TM 0,60 % oltre € 2.477,15 e fino a € 2.972,58
Oltre € 2. 972,58 Importo fisso Aumento di 17,84

*Le fasce di garanzia sono applicate quando, calcolando la perequazione con la percentuale della fascia di appartenenza, il risultato ottenuto è inferiore al limite della fascia precedente perequato.

Testo completo circolare: www.inps.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti