Sostegno all’inclusione Attiva SIA, come inviare la domanda all’INPS

Con messaggio 3451 del 30 agosto l'INPS comunica le modalità di trasmissione delle domande di Sostegno all'inclusione Attiva da parte dei Comuni.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA) partirà il prossimo 2 settembre, come già detto si tratta di un sussidio economico alle famiglie economicamente svantaggiate nelle quali siano presenti minorenni, figli disabili o donne in stato di gravidanza accertata.

Il Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA) sarà erogato sotto forma di carta acquisti o social card e l’importo mensile andrà dagli 80 ai 400 euro mensili in base ai requisiti del richiedente. Esso è inoltre subordinato ad un progetto di collaborazione, predisposto dai servizi sociali dei Comuni, in collaborazione con centri per l’impiego, servizi sanitari e scuole nonché con soggetti privati ed enti no profit.

Sostegno all’inclusione Attiva SIA, modalità di invio della domanda all’INPS

Con messaggio 3451 del 30 agosto l’INPS riassume prima le principali caratteristiche del SIA e poi comunica le modalità di trasmissione delle domande all’INPS da parte dei Comuni. Il sistema informatico Inps per il SIA prevede i seguenti canali alternativi per l’invio delle domande da parte dei Comuni:

  • invio tramite file in formato xml, collegandosi online alla procedura “SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva)” resa disponibile nella sezione “Servizi Online” – “Enti pubblici e previdenziali” del portale INPS;
  • acquisizione manuale online, collegandosi alla procedura “SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva)” nella sezione “Servizi Online” – “Enti pubblici e previdenziali”;
  • invio in cooperazione applicativa, dalla porta di dominio o sistema dell’Ente in grado di colloquiare con la porta di dominio Inps secondo le regole del Sistema Pubblico di Connettività (SPC), con formato basato sulla busta e-Gov e le medesime specifiche relative al formato xml di cui al citato messaggio Inps 3275;
  • invio attraverso la piattaforma SGAte. In quest’ultimo caso l’acquisizione delle domande può avvenire da parte degli Enti regolarmente accreditati e delegati dai Comuni su SGAte.

Per conoscere tutto sul Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA) vi invitiamo a leggere la circolare n. 133 del 19 luglio 2016, il messaggio n. 3275 del 2 agosto 2016 e il messaggio n. 3322 del 5 agosto 2016.

Leggi anche: INPS: al via la SIA, nuova social card 2016 ecco di cosa si tratta

Leggi anche: Modulo di domanda SIA, Sostegno all’inclusione attiva INPS

Messaggio INPS numero 3451 del 30-08-2016
» 91,4 KiB - 524 hits - 31 agosto 2016

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.