Voucher baby sitter e asili nido 2016, istruzioni INPS

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'INPS ha pubblicato l'avviso per l’erogazione dei contributi per l’acquisto dei servizi per l’infanzia, cosiddetti voucher baby sitter e asili nido 2016

L’INPS comunica che è stato pubblicato l’avviso con le istruzioni per l’erogazione dei contributi per l’acquisto dei servizi per l’infanzia, cosiddetti voucher baby sitter e asili nido 2016, di cui all’art. 4, comma 24, lettera b) della legge 28 giugno 2012, n. 92.

Leggi anche: Voucher per baby sitter o asili nido, circolare INPS

Il beneficio è stato introdotto in via sperimentale per il triennio 2013-2015 dalla cosiddetta Legge Fornero, ovvero la 92/2012 per dare alle lavoratrici madri una valida alternativa al congedo parentale.

La Legge di Stabilità 2016 ne ha prorogato la validità anche al 2016 ma nel limite degli stanziamenti di 20 milioni di euro.

Le lavoratrici ammesse al beneficio potranno richiedere un contributo economico utilizzabile alternativamente:

  • per il servizio di baby-sitter;
  • per far fronte agli oneri degli asili nido pubblici o privati accreditati.

Voucher baby sitter e asili nido 2016, durata, beneficiari e importo.

Chi è ammesso alla presentazione della domanda?

Sono ammesse alla presentazione della domanda di Voucher baby sitter e asili nido 2016 le madri lavoratrici aventi diritto al congedo parentale, dipendenti pubbliche o private, oppure iscritte alla gestione separata che siano ancora negli undici mesi successivi al termine del periodo di congedo di maternità obbligatorio.

Inoltre posso accedere alla domanda anche le lavoratrici che abbiano già usufruito in parte del congedo parentale. In tal caso, il contributo potrà essere richiesto per un numero di mesi pari ai mesi di congedo parentale non ancora usufruiti.

Lavoratrici non ammesse

Non sono ammesse alla presentazione della domanda:

  • le lavoratrici che non hanno diritto al congedo parentale come ad esempio le lavoratrici domestiche;
  • le lavoratrici autonome, fino all’emanazione dell’atteso apposito Decreto interministeriale, ad oggi non ancora pubblicato;
  • le lavoratrici in fase di gestazione;
  • le madri lavoratrici già esentate totalmente dal pagamento di oneri degli asili nido pubblici o privati accreditati.

Misura e durata del Beneficio

Il contributo è pari ad un importo massimo di 600,00 euro mensili ed è erogato per un periodo massimo di 6 mesi, solo per frazioni mensili intere, in alternativa alla fruizione di altrettanti mesi di congedo parentale ai quali la lavoratrice, di conseguenza, rinuncia. Inoltre il periodo di congedo deve essere inteso come continuativo e per mensilità piene.

Per le lavoratrici part-time il contributo va riproporzionato in base ad una apposita tabella rilasciata dall’INPS.

Come e quando presentare domanda

La domanda per accedere ai voucher baby sitter e asili nido 2016 va presentata all’INPS esclusivamente:

  • attraverso i servizi telematici di questo portale, accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo. Il servizio d’invio delle domande è disponibile attraverso il seguente percorso: www.inps.it > Servizi per il cittadino > Autenticazione con PIN > Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito > Voucher o contributo per l’acquisto dei servizi per l’infanzia.
  • attraverso i Patronati.

La domanda può essere presentata dal 1 febbraio al 31 dicembre 2016 o comunque fino ad esaurimento dei 20 milioni di euro stanziati dalla Legge di Stabilità 2016.

Per maggiori informazioni e per reperire gli allegati: www.inps.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti