Concorso Guardia di Finanza 2022, per 1175 allievi marescialli

Il bando di concorso pubblico Guardia di Finanza, pubblicato il 18 febbraio in GU, prevede ben 1175 posti allievo maresciallo. I dettagli.


Il Concorso Guardia di Finanza 2022, per 1175 allievi marescialli è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 febbraio 2022. Ci riferiamo alla selezione Guardia di Finanza per l’anno accademico 2022-2023, finalizzata all’ammissione di 1175 allievi marescialli al corso ad hoc, tenuto alla Scuola ispettori e sovrintendenti Guardia di Finanza. Si tratta dunque di un concorso non mirato ad assegnare posti di lavoro, ma ad individuare coloro che potranno intraprendere il percorso formativo di allievo maresciallo.

Di seguito tutti i dettagli sull’articolazione delle prove, sui requisiti e su come fare domanda.

Concorso Guardia di Finanza 2022, per 1175 allievi marescialli: la suddivisione dei posti

Anzitutto, rimarchiamo qual è la distribuzione dei posti in concorso, ossia un totale di 1175:

  • 1133 sono destinati al contingente ordinario;
  • 42 sono invece collegati al contingente di mare dei quali:
    – 35 per la specializzazione ‘tecnico di macchine’ (TDM);
    – 7 per la specializzazione ‘nocchiere abilitato al comando’ (NAC).

Il bando di concorso in oggetto deve intendersi per titoli ed esami, e ciò significa che in questa tipologia di selezione – onde formare la graduatoria –  si terrà conto non soltanto delle votazioni ottenute nell’ambito delle prove d’esame, ma anche dei titoli conseguiti.

Leggi anche: concorso Ispettorato del Lavoro per 1249 posti, bando in GU

Concorso pubblico Guardia di Finanza: i requisiti per partecipare alla selezi0ne

In base a quanto precisato nel bando di concorso Guardia di Finanza, tutti coloro che intendono partecipare alle selezioni, dovranno possedere –  alla data di scadenza del bando – i seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • età compresa tra i 17 e i 25 anni;
  • se in minore età alla data di presentazione della domanda, l’assenso dei genitori o del genitore esercente in modo esclusivo la potestà o del tutore per contrarre l’arruolamento volontario nella Guardia di finanza;
  • pieno godimento dei diritti civili e politici;
  • possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado, che permetta l’iscrizione a corsi di laurea previsti dalle Università statali o legalmente riconosciute;
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego presso una PA, licenziati dal lavoro alle dipendenze delle PA dopo un procedimento disciplinare ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da anteriore arruolamento nelle Forze armate e di polizia, a eccezione, per il contingente ordinario, dei proscioglimenti per inattitudine al volo o alla vita di bordo e, per il contingente di mare, dei proscioglimenti per inattitudine al volo;
  • non ammissione a prestare il servizio civile nazionale quali obiettori di coscienza ovvero abbiano rinunciato a tale status, ai sensi dell’art. 636, comma 3, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
  • non essere stati dimessi, per motivi disciplinari o per inattitudine alla vita militare, da accademie, scuole, istituti di formazione delle Forze armate e di polizia;
  • alla data dell’effettivo incorporamento, non siano imputati, non siano stati condannati, né abbiano ottenuto l’applicazione della pena ai sensi dell’art. 444 codice di procedura penale per delitti non colposi, né siano o siano stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • non siano, alla data dell’effettivo incorporamento, in situazioni comunque incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato di ispettore della Guardia di finanza.

Concorso aperto ai diplomati

Abbiamo detto che tra i requisiti vi è anche il possesso del diploma, ma nel bando è consentita la partecipazione anche agli interessati che, pur non essendo in possesso del previsto diploma alla data di scadenza per la presentazione delle domande, lo ottengano nell’anno scolastico 2021/2022. Per il resto nessuna particolare novità rispetto alle liste di requisiti solitamente pubblicate.

L’iter del concorso allievi marescialli Guardia di Finanza in sintesi

Come risulta chiaramente indicato nel bando di concorso, l’iter di selezione comporta lo svolgimento delle seguenti fasi:

  • prova scritta di preselezione, ossia un questionario a risposta multipla di cultura generale;
  • prova scritta di cultura generale;
  • test di efficienza fisica;
  • accertamento dell’idoneità psico-fisica;
  • accertamento dell’idoneità attitudinale;
  • prova orale;
  • prova facoltativa di conoscenza di una lingua straniera;
  • valutazione dei titoli.

Le materie da studiare per sostenere le prove

In particolare la prova scritta di preselezione consiste in un questionario con cento domande a risposta multipla, relative alle abilità nell’uso della lingua italiana, alle capacità logico-matematiche, alla conoscenza della storia ed educazione civica ed alla conoscenza della lingua inglese e dell’informatica. Essa si svolgerà dal prossimo 28 marzo.

Per quanto riguarda coloro che oltrepasseranno la prima fase di preselezione, vi sarà accesso alla prova scritta, che avrà luogo il giorno 22 aprile 2022. Detta prova durerà 4 ore e consisterà nello svolgimento di una prova di composizione italiana unica per tutti i partecipanti al concorso Guardia di Finanza.

Come sopra indicato, previste altresì prove di efficienza fisica e l’accertamento dell’idoneità al percorso formativo di allievo maresciallo.

Coloro che supereranno questi step, potranno sostenere le prove orali, che verteranno sulle seguenti materie: storia ed educazione civica, matematica, geografia.

Leggi anche: concorso esercito VFP1 con 6mila posti in palio, i dettagli

Come fare domanda: scadenze e modalità

Sul piano della domanda per partecipare al concorso pubblico Guardia di Finanza per 1175 allievi marescialli, occorre ricordare che la domanda di partecipazione alla selezione dovrà essere effettuata entro le ore 12 del 21 marzo 2022.

Inoltre, detta domanda deve essere compilata soltanto con la procedura telematica di cui al portale attivo all’indirizzo concorsi.gdf.gov.it, considerando con attenzione le istruzioni del sistema automatizzato. Sarà necessaria la registrazione al portale dedicato e la compilazione del form della domanda di partecipazione, in tutte le parti in cui è richiesta.

Ribadiamo infine che i candidati ammessi svolgeranno la prova scritta di preselezione a partire dal prossimo 28 marzo.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email