Interpelli del Ministero del Lavoro di dicembre 2016

0
Richiedi una consulenza su questo argomento


Interpelli del Ministero del Lavoro sull'assunzione dei disabili in somministrazione e sulla procedura di dimissioni online presso i Consulenti del Lavoro.

Lo scorso 30 dicembre la Direzione Generale per l’Attività Ispettiva ha pubblicato due nuovi interpelli del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali su quesiti posti da Assolavoro (Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro) e Confimi Industria.

Gli interpelli del Ministero del Lavoro sono il numero 23 e 24 del 2016 e riguardano rispettivamente l’assunzione dei disabili in somministrazione di lavoro e la nuova procedura di dimissioni telematiche presso i Consulenti del Lavoro.

Leggi anche: Dimissioni online dai Consulenti del Lavoro, ecco come fare

Interpello n. 23/2016 del 30 dicembre 2016

Istanza: somministrazione di lavoro e assunzione disabili – incremento occupazionale netto
Destinatario: Assolavoro

L’Assolavoro ha interrogato il Ministero del Lavoro per sapere se, in caso di assunzione di un lavoratore disabile in somministrazione, in presenza dei requisiti per gli incentivi, l’incremento occupazionale netto sulla media dei lavoratori occupati nei dodici mesi precedenti, deve essere riferita all’Agenzia del lavoro oppure all’impresa utilizzatrice.

Per il Ministero il calcolo dell’incremento deve essere effettuato rispetto ai lavoratori occupati dall’impresa utilizzatrice (cfr. INPS circ. n. 99/2016 p. 5.3.).

  Interpello n. 23/2016 del 30 dicembre 2016 (374,9 KiB, 60 download)

Interpello n. 24/2016 del 30 dicembre 2016

Istanza: procedura di presentazione telematica delle dimissioni – soggetti abilitati
Destinatario: Confimi Industria

La Confimi chiede chiede se nell’ambito della locuzione consulenti del lavoro, così come riportato dalla nuova procedura di dimissioni telematiche, possano ricomprendersi gli altri professionisti di cui all’art. 1, comma 1, della L. n. 12/1979 (avvocati, dottori commercialisti, ragionieri ecc.) nonché “le imprese considerate artigiane […]”.

Il Ministero del Lavoro conferma la linea interpretativa tenuta finora, ribadendo che le dimissioni online possono essere date solo presso i Consulenti del Lavoro in senso stretto, non ricomprendo quindi tutti i professionisti e le associazioni abilitati ad effettuare gli adempimenti di cui all’art. 1 della L. n. 12/1979.

  Interpello n. 24/2016 del 30 dicembre 2016 (356,7 KiB, 228 download)

consulenza
Share.

About Author

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti.