Riforma Pensioni 2022, ultime novità: le ipotesi per il dopo quota 100

Stop a quota 100 per il 2022 e ritorno graduale alla “Riforma Fornero” entro il 2024. Proroghe Opzione Donna, Ape Social e lavori gravosi.


Quota 100 è ormai giunto al capolinea, ma vediamo quali sono ultime novità in merito alla Riforma Pensioni 2022 da includere probabilmente in Legge di Bilancio oppure in un apposito Decreto, ma solo dal prossimo anno. Il sistema di pensionamento anticipato, introdotto dal DL 4/2019 per il triennio 2019-2021, cesserà alla fine di quest’anno. Infatti, il premier Mario Draghi ha più volte confermato che “quota 100” non sarà prorogato per il 2022, prevedendo un ritorno graduale alla normalità. Dunque, si prospetta un ritorno – seppur graduale – alla “Riforma Fornero” (L. n. 92/2012) con Pensione Anticipata e di Vecchiaia quali normali uscite dal lavoro. Le forze politiche di maggioranza sono quindi al lavoro per pianificare quello che sarà lo schema finale con un nuovo sistema a Quote.

L’ipotesi più accreditata è un mix di quote (102, 103 e 104), congelando il requisito contributivo a 38 anni. Quindi, quello che sarà modificato è il requisito anagrafico che, da 62 anni, salirà a 64, 65 e 66 anni. Tuttavia, sarebbero previste alcune “deroghe” a questo meccanismo: ossia i lavoratori fragili (disabili, disoccupati, ecc,) e ampliamento dei lavoratori gravosi con proroga dell’APE sociale.

Andiamo in ordine e vediamo quindi in dettaglio tutte le ipotesi al vaglio del Governo e come si evolverà la Riforma delle pensioni 2022.

Riforma Pensioni 2022, ultime novità: il nuovo sistema delle quote

Come anticipato, sembra ormai scontato il ritorno alla Riforma Fornero. Quello che è da definire, riguarda solamente il passaggio da quota 100 alla Riforma Fornero. Le ipotesi degli ultimi giorni parlano di un mix di quote per rendere la fine di quota 100 meno amara.

Quindi, l’Esecutivo sta pensando di scaglionare il passaggio nel seguente modo:

  • per il 2022: Quota 102 con età pensionabile 63 anni + 39 di contributi;
  • 2023: Quota 103 con età 63 + 40 di contributi oppure 64 + 39 anni di contributi.
  • 2024: ritorno alla Riforma Fornero.

Altra ipotesi è quella di “quote flessibili” nel senso di un’età fissa a 64 anni d’età nel triennio 2022-2024 con il requisito contributivo che contemporaneamente si alza da 38 a 40 anni. Si avrebbe quindi una quota 102 nel 2022, 103 nel 2023, 104 nel 2024.

Tutte le varie proposte vanno inserite in un quadro di risorse disponibili per non più di 1 miliardo e mezzo in tre anni, 600 milioni nel 2022.

Pensioni: proroga Ape sociale, lavori gravosi e opzione donna

Tra le altre novità possibili in tema di pensioni 2022, vi è il rinnovo della Ape sociale, l’indennità ponte a carico dello Stato dai 63 anni per alcune categorie di lavoratori svantaggiati (disabili, disoccupati, occupati in mansioni gravose, caregiver).

Inoltre, è quasi certo anche l’ampliamento delle categorie di lavoratori con mansioni usuranti o gravose già messo a punto dai tecnici ministeriali anche per lo specifico anticipo pensionistico che li riguarda.

Rientra tra le proroghe per il prossimo anno anche il sistema dell’opzione donna, con uscita prevista a 58/59 anni (a seconda che si stratti di lavoratrice dipendente o autonoma), oltre a 35 anni di contributi, ma in base al sistema di calcolo contributivo.

Contratto di espansione

Probabile anche la proroga del “contratto di espansione” che prevede in caso di ristrutturazioni aziendali l’esodo anticipato per i lavoratori a 60 mesi dalla età per la pensione, in parte finanziato dalle imprese.

Si ricorda che l’art. 39 del D.L. n. 73/2021, convertito con modificazioni in L. n. 106/2021, ha previsto che, a decorrere dal 26 maggio 2021 e per tutto l’anno 2021, il limite minimo di unità lavorative per accedere al trattamento di agevolazione all’esodo è ridotto ad almeno 100 dipendenti (in luogo della soglia di 250 dipendenti prevista, da ultimo, dall’art. 1, co. 349, della L. n. 178/2020).

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti.