Bando Isi INAIL, Click Day il 14 giugno per l’invio delle domande online

Dal 7 giugno le imprese possono prelevare il codice identificativo del Bando ISI INAIL 2017 per l’invio nel click day del 14 giugno 2018.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Anche quest’anno si avvicina la fatidica data del click day relativamente al bando ISI INAIL, dal 7 giugno 2018 infatti le imprese possono effettuare il download del codice identificativo per l’inoltro telematico delle domande che è previsto il 14 giugno 2018.

Come detto a partire dal 7 giugno 2018, le imprese che hanno già aderito al bando con la presentazione dei progetti, che hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato definitivamente la propria domanda possono accedere alla fase successiva. Possono accedere quindi nuovamente alla procedura online per effettuare il download del proprio codice identificativo.

Questo codice è molto importante in quanto permetterà di accedere il 14 giugno 2018 al Click Day 2018. Si tratta del giorno dedicato all’inoltro telematico delle domande. Come previsto dall’INAIL il click day si svolgerà in un’unica sessione dalle ore 16.00 alle ore 16.30. Pertanto solo i più veloci (e i più fortunati aggiungiamo noi) potranno inviare la domanda definitiva.

L’INAIL ha predisposto una pagina informativa dedicata al Bando Isi 2017 dove sono pubblicate le regole tecniche per l’inoltro delle domande online. Vi ricordiamo infine che l’Istituto ha altresì pubblicato recentemente una serie di FAQ sul Bando ISI proprio per venire incontro alle richieste più frequenti. Le trovate pubblicate qui di seguito.

FAQ ISI 2017 INAIL
» 297,1 KiB - 36 hits - 8 giugno 2018

Bando ISI INAIL 2017

Il bando ISI Inail 2017 prevede diverse tipologie di progetti finanziabili. Sono destinatarie di questo particolare finanziamento le imprese, anche individuali, che sono ubicate in ciascun territorio regionale e sono iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Il totale del bando è di circa 249,4 milioni di euro e la novità di quest’anno è che non c’è una suddivisione fra agricoltura e gli altri settori. I finanziamenti riguardano quindi i seguenti assi:

  • 100 milioni per progetti di investimento e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • 44 milioni per progetti finalizzati alla riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi;
  • 60 milioni per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • 10 milioni per progetti di micro e piccole imprese appartenenti a specifici settori di attività;
  • 35 milioni per progetti di micro e piccole imprese operanti nella produzione agricola primaria.

Lo scopo principale del Bando ISI è quello di permettere alle aziende di effettuare investimenti in salute e sicurezza sul lavoro accedendo ad un finanziamento a fondo perduto che coprirà una grossa parte della spesa. Per approfondimenti vi rimandiamo alla nostra scheda video di presentazione.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.