Bonus 200 euro, quante volte viene pagato

Per quanti mesi viene pagato il bonus 200 euro? Quanti bonus può ricevere la stessa famiglia? Se si hanno più lavori si prendono più bonus?


Quante volte viene pagato il bonus 200 euro? Il pagamento è ormai prossimo, ma sono molti i dubbi ancora presenti fra i beneficiari; ad esempio ci si chiede se il pagamento viene ripetuto per più mesi e se sì per quanti mesi dura? O ancora: se nello stesso nucleo familiare vi sono più aventi diritto a quanti di loro spetta il bonus? E’ possibile cumularlo se ho più rapporti di lavoro? Ad esempio, se marito e moglie sono entrambi lavoratori, questi prenderanno singolarmente il bonus oppure per ogni nucleo familiare spetta un accredito soltanto? E poi: se nello stesso nucleo familiare c’è un percettore di reddito di cittadinanza, cosa succede? Il numero dei figli a carico incide sull’importo accreditato?

Sono queste alcune delle domande pervenute in redazione nell’ultimo periodo, perchè se da un lato la normativa appare abbastanza semplice e scontata, dall’altro, come sempre, vi sono sfaccettature della norma che lasciano spazio a possibili interpretazioni.

Ecco le risposte ai casi pratici appena esposti, ma prima ricordiamo in breve a chi spetta il bonus.

Bonus 200 euro, a chi spetta

Rientrano tra i beneficiari del bonus 200 euro, ex decreto numero 50 del 2022, decreto Aiuti:

  • pensionati con decorrenza entro il 30 giugno 2022, residenti in Italia e a carico dell’Inps o di altre gestione previdenziali no Inps;
  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori domestici (Colf e badanti);
  • percettori del reddito di cittadinanza;
  • beneficiari dell’indennità di disoccupazione (NASpI e DIS-COLL);
  • percettori dell’indennità di disoccupazione agricola;
  • titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (Co.co.co);
  • lavoratori dipendenti stagionali del settore del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dipendenti stagionali;
  • ecc.

Ad ogni modo, qui trovi la lista completa dei beneficiari.

Bonus 200 euro, quante volte viene pagato

Passiamo ora a vedere un po’ di FAQ.

Quanti mesi dura il bonus 200 euro?

Il bonus è una tantum: ciò vuol dire che ogni soggetto beneficiario riceverà un unico accredito e inoltre non ci saranno più pagamenti mensili, ma uno solo.

Quanti bonus 200 euro può ricevere una persona che svolge più lavori o ha diversi redditi?

Leggendo il testo del decreto Aiuti, articoli 31, 32 e 33, viene fuori che:

  • i pensionati hanno diritto al bonus una sola volta, anche nel caso in cui svolgano attività lavorativa;
  • per i lavoratori dipendenti, l’indennità spetta una sola volta, anche nel caso in cui siano titolari di più rapporti di lavoro;
  • per i percettori di reddito di cittadinanza, il bonus non è corrisposto nei nuclei in cui è presente almeno un beneficiario delle indennità a qualsiasi titolo (pensionato, dipendente, ecc.).

E’ comunque certo che ciascun soggetto ha diritto a un solo bonus. Dunque, si può ricevere un solo bonus o a titolo di pensionato o di lavoratore dipendente oppure per titolare di partita IVA o ancora se si rientra in una delle altre categorie ammesse dalla norma.

Pertanto se una persona:

  • ha due rapporti di lavoro dipendente,
  • oppure è dipendente e anche pensionato,
  • oppure è dipendente e titolare di partita IVA

ha comunque diritto a percepire il pagamento di 200 euro una sola volta.

Quanti bonus di 200 euro può ricevere lo stesso nucleo familiare?

Per quanto riguarda lo stesso nucleo familiare è corretto affermare che:

  • se marito e moglie sono entrambi lavoratori o rientrano in altre categorie ammesse al bonus, prenderanno singolarmente il bonus (200 + 200) se in possesso dei requisiti. Quindi lo stesso nucleo familiare può percepire anche più di un bonus;
  • il numero dei figli a carico non incide sull’importo del bonus spettante;
  • chi percepisce il reddito di cittadinanza riceverà l’accredito sulla carta RDC solo se nel nucleo familiare non vi è altro soggetto che ha diritto al bonus ad altro titolo;
  • più rapporti di lavoro per lo stesso soggetto (come detto prima), danno diritto ad un solo bonus. La stessa cosa vale laddove il contribuente sia al contempo pensionato e lavoratore autonomo. In tale caso spetterà un solo bonus di 200 euro.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email