Bonus affitti decreto ristori-bis: zone rosse con credito fino a dicembre

Novità per il bonus affitti contenute nel decreto ristori-bis per le imprese che svolgono attività nelle zone rosse

Novità per il Bonus affitti nel decreto ristori-bis: per le imprese che svolgono nelle zone rosse una delle attività ammesse al contributo a fondo perduto, il bonus affitti spetterà anche per i mesi di ottobre, novembre e dicembre. Per gli stessi mesi, il bonus è riconosciuto anche all’agenzie di viaggio e ai tour operator.

Sono queste le novità previste dal decreto ristori-bis in materia di credito d’imposta locazioni.

Ecco in chiaro e nello specifico le novità e i soggetti interessati.

Bonus affitti decreto ristori-bis: novità

Il decreto ristori-bis interviene sul credito d’imposta canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e di affitto d’azienda. In considerazione del perpetrarsi dell’emergenza economica-sanitaria da covid-19.

Infatti, per le imprese che operano nei settori riportati nell’allegato 2 del D.L. 149/2020, decreto Ristori-bis nonchè per le imprese che svolgono le attività di cui ai codici ATECO 79.1, 79.11 e 79.12 (agenzie di viaggio e tour operator) il bonus affitti, art.28 del D.L. 34/2020 e successivo decreto Ristori (non confondiamolo con il Ristori-bis), spetta anche per gli ultimi mesi dell’anno.

Il riferimento è ai mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Tale novità è contenuta all’art. 4 del decreto Ristori-bis.

Affinché spetti il credito d’imposta, le imprese sopra individuate devono operare:

nella aree del territorio nazionale, caratterizzate, da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto, individuate con le ordinanze del Ministro della salute adottate ai sensi dell’articolo 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020.

In sintesi, il riferimento è alle c.d zone rosse.

Il credito d’imposta è sempre pari al 60% del canone di locazione pagato ( ci deve essere l’esborso)  nei suddetti mesi. E’ possibile cedere il credito d’imposta in favore del proprietario dell’immobile.

download   DECRETO-LEGGE 9 novembre 2020, n. 149
       » 139,2 KiB - 1.061 download
download   DECRETO-LEGGE 9 novembre 2020, n. 149 - Allegati 1 e 2
       » 93,6 KiB - 1.026 download

Credito d’imposta locazioni: il precedente intervento del decreto ristori

Anche il primo decreto Ristori, D.L. 137/2020, era intervenuto ampliando la platea e la portata del bonus affitti. Ciò, in funzione delle previsioni di cui al DPCM 24 ottobre 2020.

Infatti, il decreto ristoro, all’art.8  ha esteso l’agevolazione ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020.

Ma, anche in questo caso, non parliamo di un’estensione generalizzata.

Difatti, l’estensione opera:

  • indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente e
  • per le sole imprese dei settori la cui attività, è stata sospesa con il DPCM del 24 ottobre 2020.

Nello specifico, all’allegato 1 del decreto , sono individuati i settori economici interessati dalle novità

Le imprese che svolgono le attività elencate nello stesso allegato,  beneficiano dell’estensione del credito fino al 31 dicembre 2020 se presentano:

  • un calo del fatturato di almeno il 50% nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020,
  • rispetto ai corrispondenti mesi del 2019.

Ancora non si parlava e non era stata dunque attuata la differenziazione per zone gialle, arancioni o rosse.

Bonus affitto, la normativa originaria e le prime modifiche

A prevedere il bonus affitti per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e di affitto d’azienda è stato l’art 28 del D.L. 34/2020, c.d. decreto Crescita. Da non confondere con il bonus negozi e botteghe dell’art.65 del D.L. 18/2020, Cura Italia.

Il credito d’imposta per i mesi di marzo, aprile, maggio, ammonta:

  • al 60% del canone locazione degli immobili ad uso non abitativo;
  • al 30%  del canone nei casi contratti di affitto d’azienda.

Gli immobili  devono essere utilizzati nello svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.

Non rileva la categoria catastale ma la sua effettiva destinazione di utilizzo.

Requisiti richiesti

Ai fini dell’ottenimento del bonus, i soggetti beneficiari:

  1. nel periodo d’imposta 2019 devono presentare ricavi non superiori a 5 milioni di euro e
  2. una diminuzione del fatturato/corrispettivi nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020 del 50% rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente.

Il raffronto del fatturato va fatto mese per mese ossia si confronta marzo 2020 con marzo 2019, aprile 2020 com aprile 2019 e così via.

Ad ogni modo, alle imprese esercenti attività di commercio al dettaglio, con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto, il credito d’imposta spetta, rispettivamente:

  • nelle misure del 20% dei canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo;
  • del 10%

Indicazioni rinvenibili al comma 3-bis dell’art.28 del D.L. 34/2020.

Particolari indicazioni sono previste per le strutture alberghiere, agenzie di viaggio e turismo e  tour operator.

Per loro, il credito di imposta spetta indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente.

Specifici chiarimenti sul bonus affitti, in prima battuta, sono stati dati dall’Agenzia delle entrate con la circolare n° 14/e 2020.

Il D.L. Agosto

Il D.L. 104/2020, D.L. Agosto è intervenuto sul bonus affitti apportando alcune modifiche.

Grazie al D.L. Agosto sono ammessi al bonus:

In particolare,  il bonus viene riconosciuto:

  • indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente,
  • anche e strutture termali.

Oltre che come già previsto a quelle alberghiere e agrituristiche, alle agenzie di viaggio e turismo e ai tour operator.

Inoltre, l’agevolazione spetta per tutti i beneficiari, oltre che per i mesi di marzo, aprile e maggio, anche per quello di giugno.

Per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale spetta con riferimento a ciascuno dei mesi di aprile, maggio, giugno e luglio.

Ancora, per le imprese turistico ricettive (non stagionali), il credito d’imposta spetta sino al 31 dicembre 2020.

Sempre per tali imprese, il credito d’imposta relativo all’affitto d’azienda è determinato nella misura del 50% anziché del 30%.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679