Bonus PC (computer, tablet e internet): cos’è, come funziona, quando scade

Il bonus PC (computer, tablet e internet) per le famiglie è scaduto lo scorso novembre; c'è invece tutto il 2022 per il bonus internet PMI.


Diciamo sin da subito per chiarezza che il Bonus PC (computer, tablet e internet) si divide in due fasi: la prima riguardava il voucher fino a 500 euro scaduta nel 2021 per l’acquisto di PC, ovvero computer portatili e tablet, e per l’acquisto di connessione internet veloce per le famiglie con ISEE fino a 20 mila euro (scaduta lo scorso anno). La seconda fase riguarda invece il bonus internet per le PMI, ovvero il voucher digitalizzazione  fino a 2500 euro riservato alle imprese per il potenziamento della rete internet aziendale (ancora in corso nel 2022). Lo scopo evidente è quello di sostenere economicamente determinate categorie o fasce di popolazione, che debbono fare i conti con spese talvolta necessarie – e dunque non rinviabili – per poter svolgere le proprie attività quotidiane.

Ci soffermeremo di seguito sul bonus 500 euro per l’acquisto di pc, tablet e connessione internet a banda larga. L’agevolazione erogata per la prima volta nel 2020 è stata riproposta anche per il 2021 (la domanda è scaduta a novembre 2021). Per maggiori informazioni invece sul voucher internet fino a 2500 per le imprese si faccia riferimento ad altra guida.

Vediamo i dettagli.

Bonus PC (computer, tablet e internet): cos’è, come funziona e quando scade

Il bonus PC  per l’acquisto di computer, tablet e connettività internet è nato come incentivo per favorire l’iter di digitalizzazione sul territorio italiano e per garantire un supporto a quei nuclei familiari che non possono sostenere spese consistenti, specialmente in considerazione degli effetti legati alla pandemia da coronavirus.

In considerazione di attività oggi diffuse molto più che nel recente passato, come smart working e didattica a distanza, il bonus PC e tablet rappresenta comunque un’agevolazione di rilievo, essendo di fatto un contributo corrispondente a 500 euro, rivolto a quelle famiglie che hanno un ISEE corrente, alla data della richiesta, non al di sopra dei 20mila euro all’anno.

Purtroppo la misura non è stata prorogata al 2022 e la domanda per ottenere il citato bonus è scaduta lo scorso novembre 2021.

Come usare il bonus PC per le famiglie

Ricordiamo ancora che il voucher poteva essere usato per:

  1. usufruire di una connessione internet ultraveloce;
  2. acquistare un pc (fisso o portatile) o un tablet.

In altre parole, il bonus internet in oggetto consente di dotarsi di:

  1. una connessione internet all’avanguardia;
  2. di un pc
  3. o di un tablet

con uno sconto sul totale delle spese, che è di fatto erogato con questa agevolazione.

Bonus PC e internet, a chi spetta

Come accennato, i destinatari della misura sono costituiti dalle famiglie con un reddito Isee non superiore a 20mila euro. Altro requisito per poter sfruttare questo bonus è correlato alla velocità della connessione che il beneficiario intende scegliere, che dovrà essere di almeno 30 Mbit/s in download e 15 Mbit/s in upload.

Lo ribadiamo per chiarezza: l’incentivo non sarà dato direttamente all’utente (come succede invece per altri tipi di bonus), ma andrà richiesto all’operatore di telefonia in fase di sottoscrizione del contratto internet.

Inoltre, se il beneficiario vive in un’area raggiunta da più di un operatore che offre connessioni veloci, sarà possibile domandare il passaggio alla banda ultralarga sia all’operatore già attivo sia a uno diverso per sfruttare il bonus internet. Si può altresì sfruttare il bonus pc e tablet e poi compiere il passaggio a un altro operatore; sfruttando l’eventuale parte restante del bonus, a condizione che la velocità di connessione sia almeno corrispondente a quella del contratto anteriore. E senza che il recesso da quest’ultimo produca dei costi.

Non solo, per poter godere dell’agevolazione gli operatori devono altresì assicurare che i contratti decadano alla scadenza della durata dell’offerta.

Bonus computer: come spenderlo?

Per ottenere il bonus PC e tablet, bisognava dunque firmare un contratto, di minimo un anno, con un operatore telefonico accreditato presso Infratel Italia, giacchè che l’acquisto di PC e tablet deve compiersi contestualmente all’attivazione della rete web.

Attenzione però ai dettagli pratici di funzionamento dell’agevolazione. Infatti, il citato bonus può arrivare fino a un massimo di 500 euro suddivisi in:

  • bonus internet di 200 euro di sconto per la stipula di un contratto o il potenziamento della connessione web;
  • bonus computer e tablet di 300 euro per l’acquisto di un tablet o di un pc.

Il MISE Ministero dello Sviluppo Economico ha rimarcato che  gli apparecchi acquistati con il bonus PC e tablet non sono da intendersi assegnati con la nota formula del comodato d’uso. Sono invece da considerarsi a tutti gli effetti di proprietà dei beneficiari dell’agevolazione in oggetto, per sempre.

Ricordiamo infine che i fondi stanziati sono pari a circa 204 milioni di euro, valevoli fino ad esaurimento dei fondi stessi. Si rimarca altresì che a  maggio 2021 erano stati attivati oltre 137mila voucher ed era stato sfruttato circa il 40,5% dei fondi disponibili in totale.

Bonus Internet 2022: cos’è e come funziona il voucher internet imprese, Partite IVA e PMI

Come detto in premessa diverso è il bonus internet per le partita IVA. Per maggiori informazioni si faccia riferimento a questa guida.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email