Bonus TV satellitare 2022: con il decreto Aiuti bis lo sconto aumenta. I requisiti

Il bonus TV satellitare sale a 50 euro per comprare apparecchi ad hoc. La novità è inclusa nel decreto Aiuti bis, approvato il 4 agosto.


Nonostante i progressi della tecnologia, il servizio del digitale terrestre non si sta rivelando all’altezza in varie zone del nostro paese. La scarsa qualità del segnale non consente talvolta la visione dei programmi TV, e questo non soltanto in località montane della penisola, ma anche in quartieri di grandi città. Ma oggi attivo un bonus TV satellitare molto interessante e di cui parleremo di seguito.

Non vi sono dubbi a riguardo: non ricevere il segnale del digitale terrestre, o non riceverlo con buona qualità, significa non riuscire a vedere le trasmissioni di proprio gradimento o interesse. E per dare una soluzione a questo disagio, in molte zone non si può far altro che comprare ed installare apparati di ricezione satellitare, che possano comunque garantire la trasmissione delle emittenti.

Ecco perché, in quest’ottica, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha disposto un ulteriore finanziamento pari a circa 10 milioni di euro per dare una risposta alla questione digitale terrestre. Il provvedimento di riferimento è ancora una volta il decreto Aiuti bis.

Vediamone allora alcuni aspetti di indubbio rilievo proprio in tema di trasmissioni televisive e bonus TV satellitare, ovvero una agevolazione ad hoc per risolvere il problema della visione dei canali. I dettagli.

Leggi anche: bonus 200 euro partite Iva, finalmente il decreto attuativo. Requisiti, beneficiari e domanda

Bonus TV satellitare: novità nel decreto Aiuti bis

Abbiamo anticipato che lo stanziamento, nel quadro del decreto Aiuti bis, sarà pari a dieci milioni di euro. Ma come saranno suddivisi? Ecco in sintesi la situazione, alla luce di una nota ufficiale del MISE che ha fatto il punto:

  • 7,5 milioni di euro saranno messi a disposizione per alzare il valore del bonus TV satellitare e decoder fino a 50 euro, per comprare apparati satellitari di ricezione della TV. Ciò permetterà agli interessati di accedere all’offerta televisiva in chiaro e di vedere i canali satellitari;
  • prevista e autorizzata anche la spesa pari a 2,5 milioni di euro per quest’anno, con riferimento all’adeguamento degli impianti di trasmissione che sono autorizzati alla riattivazione, poiché non soggetti a interferenze.

L’iniziativa in oggetto permetterà di vedere i programmi televisivi anche a coloro che stanno avendo problemi con il digitale terrestre: saranno appunto le trasmissione satellitari a fungere da escamotage, grazie all’acquisto degli appositi apparati, scontati grazie al bonus TV satellitare.

Ricordiamo infatti il problema dei non pochi impianti vecchi e e non compatibili con le nuove frequenze e la tecnologia DVB-T2. Il punto è che molti, anche a seguito dell’acquisto dei decoder o delle TV adeguate ai nuovi standard di trasmissione, non sono riusciti finora a visualizzare i canali televisivi.

Perciò, grazie all’iniziativa bonus TV satellitare, anche chi vive in zone montane o con bassa ricezione potrà continuare a vedere la televisione a seguito dello switch-off al nuovo digitale. Basterà acquistare un apparato satellitare, facendo valere lo sconto in oggetto.

Detta agevolazione si affianca e non sostituisce il contributo per la rottamazione fino a 100 euro.

Bonus TV satellitare: i 3 requisiti per ottenerlo

Come accennato in apertura, non ricevere in casa propria il segnale del digitale terrestre implica l’impossibilità di riuscire a vedere i canali televisivi e i propri programmi preferiti. L’apparato satellitare rappresenta allora un modo per vedere comunque le trasmissioni delle emittenti e, per comprarne uno, in aiuto è giunto in aiuto il Ministero dello Sviluppo Economico, che ha appunto portato a 50 euro il valore del bonus TV satellitare.

Attenzione però ai requisiti per accedere a quest’agevolazione per l’acquisto. Quali sono? Eccoli di seguito:

  • il cittadino deve essere incluso nella fascia ISEE dei 20mila euro all’anno;
  • la residenza deve essere nel nostro paese;
  • l’interessato deve aver rispettato gli obblighi di pagamento del canone Rai.

Questi tre requisiti debbono sussistere contemporaneamente, altrimenti l’interessato non potrà usufruire del bonus TV satellitare, per compensare il problema del digitale terrestre.

Leggi anche: incentivi auto elettriche e colonnine di ricarica. Novità con il decreto Aiuti bis

L’autodichiarazione per sfruttare il bonus TV satellitare

Interessante notare altresì che il beneficiario non dovrà fare alcuna richiesta per sfruttare il meccanismo dell’agevolazione, in quanto basterà compilare un modulo di autodichiarazione ad hoc – da consegnare al momento dell’acquisto presso il negoziante. Quest’ultimo poi avrà a sua volta il compito di applicare lo sconto in fase di pagamento.

Ricordiamo infine che nella richiesta di applicazione dello sconto il cittadino dovrà autodichiarare di essere incluso nella fascia ISEE dei 20mila euro.

Inoltre dovrà dichiarare che, all’interno dello stesso nucleo familiare, nessun altro componente ha già sfruttato il bonus TV.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email