Cashback di Natale 150 euro al via: come funziona (guida aggiornata)

Al via dall'8 dicembre il cashback di Natale, ovvero il rimborso fino a 150 euro per le spese effettuate nei negozi fisici a dicembre.

Cashback di Natale 150 euro al via: è partita regolarmente, seppur con qualche disagio nelle prime ore, la nuova iniziativa voluta dal Governo, per dare una “spintarella” agli acquisiti Natalizi con carta presso i negozi fisici. Gli acquisti dall’8 dicembre e fino al 31 dicembre saranno premiati con un rimborso sul conto corrente fino ad un massimo di 150 euro (procapite e non a famiglia), come regolamento pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 28 novembre (Decreto attuativo del MEF).

Per gli acquisti con carta nei negozi fisici spetterà un rimborso del 10%, per un tetto massimo di spesa pari a 1.500 euro. Ci sono comunque una serie di regole e di pratiche da seguire per accedere al cashback natalizio, quindi l’accredito non sarà automatico, ma spetterà solo previa registrazione con App Io e SPID e attivazione del servizio.

Il rimborso sarà accreditato direttamente in conto corrente, prevedibilmente entro il mese di febbraio del prossimo anno. Affinché si riceva il rimborso, è necessario fare la spesa nei negozi fisici e pagare con strumenti tracciabili, quali carte di credito, bancomat, assegni ecc. Gli acquisti dovranno essere almeno 10 (quindi non basterà fare un solo acquisto da 1500 euro) e con importi massimi di 150 euro a scontrino.

Vediamo in breve cos’è il Bonus Extra Cashback di Natale, come funziona e come si ottiene.

Cashback di Natale: come funziona il bonus sugli acquisti

Cashback di NataleL’operazione cashback è iniziata già l’8 dicembre, pertanto per gli acquisti fatti sotto le feste si può ottenere un rimborso in conto corrente fino ad un massimo di 150 euro procapite; ciò significa che si possono ottenere anche più bonus nello stesso nucleo familiare abilitando più App IO e più carte e IBAN.

Il Bonus Extra Cashback di Natale sarà accreditato sul proprio IBAN previa registrazione al servizio e se si effettuano almeno 10 scontrini per un massimo di 1500 euro con carta, nei negozi fisici entro il mese di dicembre. Ogni scontrino sarà considerato per un massimo di 150 euro: ciò significa che per scontrini di importo superiore sarà riconosciuto comunque un credito massimo di 15 euro, ove sussistano gli altri requisiti.

Attenzione, è bene sapere che:

  1. bisogna scaricare e registrarsi al servizio tramite App IO e poi registrare i metodi di pagamento e il proprio IBAN per l’accredito;
  2. gli acquisti devono essere pagati tramite:
    1. carte di credito, debito o prepagate,
    2. bancoposta o postepay,
    3. bancomat,
    4. altri strumenti di pagamento digitali come paypal, ApplePay ecc. (funzione in arrivo)
  3. non sono premiati gli acquisti on line, ma solo nei negozi fisici;
  4. servono almeno 10 scontrini;
  5. per ogni singolo acquisto ci spetta un cashback massimo pari a 15 euro (150*10%);
  6. superata la soglia di 150 euro per singolo acquisto non otterremmo un cashback aggiuntivo (es. scontrino 200 euro = cashback massimo 15 euro);
  7. il cashback massimo che possiamo ricevere sul totale degli acquisti di dicembre è pari a 150 euro (1500*10%); ma si potrà partecipare anche per importi minori, infatti la soglia di 150 euro rappresenta il massimo da ottenere (es. 10 acquisti per un totale di 900 euro danno diritto ad un bonus caschback di 90 euro).

Dunque ai fini del cashback, il singolo acquisto fatto concorre solo fino alla soglia di 150 euro. Non sono previste esclusioni circa gli acquisti agevolabili. Senza distinzione tra beni e servizi.

In pratica,  se ci si reca ad esempio a comprare un regalo in un negozio di abbigliamento o a fare la spesa al supermercato o ancora se si paga l’idraulico che ha riparato un guasto in casa, spetterà il cashback. Il bonus cashback spetta anche se si paga tramite le app di pagamento quali Satispay, Google Pay, Apple Pay ecc.

Bonus Extra Cashback di Natale: un esempio pratico

Ipotizziamo che nel mese di dicembre spendo  in totale tra carte di credito e bancomat 950 euro così suddivisi:

  1. 180 €;
  2. 150 €;
  3. 45 €;
  4. 70 €;
  5. 35 €;
  6. 25 €;
  7. 350 €;
  8. 95 €;
  9. 100 €;
  10. 100 €;

In totale ho effettuato 10 acquisti per € 1150 euro.

A quanto ammonta il cashback di Natale che riceverò sul conto corrente? In totale riceviamo un rimborso di 92 euro.

Infatti, ai singoli acquisti corrisponde il seguente cashback (10% su un max di spesa singola di 150€):

  1. 15 euro (180 € di acquisto);
  2. 15 euro (150 € di acquisto);
  3. 4,50 € (45 € di acquisto);
  4. 7 € (70 € di acquisto);
  5. 3,50 ( 35 € di acquisto);
  6. 2,50 € (25 € di acquisto);
  7. 15  € (350 € di acquisto);
  8. 9,50 € (95 € di acquisto);
  9. 10 € (100 € di acquisto);
  10. 10 € (100 € di acquisto);

Come possiamo vedere, oltre 150 euro il singolo acquisto non comporta un cashback aggiuntivo.

Ad esempio se faccio un pagamento  di 300 euro, il cashback che otteniamo è sempre pari a 15 euro.

La domanda a questo punto sorge spontanea, è possibile frazionare il pagamento del singolo acquisto (150 + 150) e avere due bonus? La risposta è negativa in quanto al singolo acquisto deve corrispondere un unico scontrino e un solo pagamento (es. un bene del valore di 300 euro non può essere diviso in due scontrini). Nulla vieta tuttavia che, ove possibile, si fanno due scontrini da 150 euro con relativi pagamenti (ad esempio acquisto di due beni da 150 euro l’uno nello stesso negozio).

App IO cashback di Natale: cos’è e come funziona

L’adesione al sistema del Cashback avviene tramite l’APP IO con iscrizione tramite SPID o CIE 3.0 (la stessa App utilizzata per il bonus vacanze). Il Programma di rimborso è realizzato attraverso il “Sistema Cashback”, predisposto e gestito dalla società PagoPA S.p.a.

Colui che intende aderire dovrà indicare il suo IBAN nonchè gli strumenti di pagamento tracciabili di cui intende avvalersi.

Maggiori info: https://io.italia.it/cashback/

All’interno dell’App IO si dovrà quindi:

  1. dichiarare di voler aderire al sistema cliccando sul pulsante Cashback e seguendo le istruzioni;
  2. accedere al portafoglio e comunicare i metodi di pagamento abilitati (carte di credito, carte di debito, prepagate ecc.)
  3. comunicare anche il codice IBAN del conto sul quale si vuole ricevere il rimborso.

Si accede all’APP tramite i dispositivi Apple e Android. Il rimborso del cashback dovrebbe avvenire a Febbraio 2021 attraverso un bonifico bancario.

Leggi anche: App IO, cos’è e come funziona

Il cashback di Stato

Il cashback di Natale anticipa quello che sarà il cashback di Stato (o ordinario) che entrerà a regime dal 1° gennaio 2021, così come previsto dalla Legge 145/2019.

L’intento del Governo è quello di limitare la circolazione del contante e i pagamento in nero; è chiaro infatti che ad un pagamento tracciato deve per forza corrispondere uno scontrino fiscale o una fattura.

A seguire, il decreto Agosto è intervenuto sulle disposizioni normative di cui al  “cashback”:

  • incrementando  la dotazione del fondo per il finanziamento delle misure premiali per l’utilizzo strumenti di pagamento elettronici,
  • di 2,2 milioni per l’anno 2020 e di 1 miliardo e 750 milioni di euro per l’anno 2020.

Regolamento CashBack di Stato Natale (Decreto MEF 156/2020)

Il Decreto attuativo del MEF è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 28 novembre. Si tratta del Decreto MEF 156/2020 recante il Regolamento Cashback di Natale.

download   Decreto MEF 156-2020 Regolamento Cashback di Natale
       » 82,6 KiB - 1.990 download

Cashback Decreto Agosto

Il decreto Agosto aveva previsto (con una modifica alla Legge di bilancio 2020) che, entro 45 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione dello stesso decreto (avvenuta 13 ottobre) il Ministro dell’economia e delle finanze (MEF) sentito il Garante per la protezione dei dati personali, emani uno o più decreti al fine di stabilire:

  • le condizioni e le modalità attuative del meccanismo del cashback di Natale,
  • inclusi le forme di adesione volontaria e i criteri per l’attribuzione del rimborso anche in relazione ai volumi ed alla frequenza degli acquisti,
  • gli strumenti di pagamento elettronici nonchè
  • le attività rilevanti ai fini dell’attribuzione del rimborso.

Il tutto, nei limiti dello stanziamento delle risorse sopra individuate.

Il cashback di Stato ordinario: come funziona?

Anche per il cashback orinario sono premiati gli acquisti elettronici ossia tracciabili.

In particolare, coloro che, entro un semestre effettuano almeno 50 acquisiti pagando con strumenti di pagamento elettronici, avranno diritto ad un rimborso del 10% su una spesa max di 1.5oo euro (150 euro).

In un anno si potrà maturare:

  • un rimborso pari a 300 euro
  • su almeno 100 acquisti.

Considerando un limite di spesa agevolato annuo pari a 3.000 euro (1.500 1° trimestre + 1500 2° trimestre). La singola operazione, sarà agevolata fino ad un massimale di spesa pari a 150 euro.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679