Isee precompilato 2019: cos’è, come funziona e quando arriva

Dal peossimo 1° settembre 2019 i contribuenti che daranno il loro consenso potanno ottenere il nuovo modello ISEE precompilato. Ecco cosa c'è da sapere.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Tra le tantissime novità per l’anno in corso, è previsto a breve anche la partenza del nuovo modello Isee precompilato 2019. L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente precompilato, sarà reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate e l’Inps dal 1° settembre 2019. Quindi a partire da tale data, tutti i contribuenti interessati alle agevolazioni fiscali ed eventuali bonus, potranno utilizzare il nuovo modello precompilato.

Per poterne usufruire, i contribuenti interessati dovranno rilasciare il proprio consenso al trattamento dei propri dati personali, all’INPS e l’Agenzia delle Entrate. Ma vediamo nel dettaglio cos’è e come funziona il modello Isee, quali sono le nuove scadenze e i vantaggi per le famiglie.

Cos’è l’Isee precompilato 2019

Il modello Isee precompilato è una delle novità introdotte dalla precedente legge di bilancio. Tale novità diventerà obbligatoria per tutti i cittadini e famiglie italiane dal 1° settembre 2019. L’obiettivo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente precompilato, è quello di velocizzare il suo rilascio.

Infatti, se prima bisognava attendere 10 giorni lavorativi dal rilascio della DSU per poter ricevere il modello Isee, con questa novità, il rilascio dell’indicatore dei redditi sarà immediato e sarà possibile rettificare i dati mancanti oppure errati.

Leggi anche: Isee 2019: calcolo e documenti necessari per la richiesta

Tutto questo è possibile grazie alle informazioni già presenti nei database dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate. Infatti, per la sua compilazione saranno utilizzate le informazioni relative al proprio patrimonio mobiliare, veicoli posseduti da ogni componente della famiglia ed eventuali redditi posseduti dal nucleo familiare, mentre eventuali informazioni riguardanti la retribuzione saranno fornite direttamente dai datori di lavoro.

I contribuenti non dovranno fare altro che accettare oppure modificare con i dati non inseriti il proprio modello Isee. Inoltre, ricordiamo che, per permettere all’Agenzia delle Entrate e all’Inps di poter utilizzare i dati personali, reddituali e patrimoniali, bisognerà rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali.

Consenso dei dati

Sarà possibile rilasciare il proprio consenso del trattamento dei dati attraverso diverse modalità:

  • Apposita dichiarazione da consegnare a mano presso gli uffici Inps;
  • Attraverso i Caf o patronati;
  • Online tramite il sito web dell’INPS.

Come funziona il modello Isee precompilato

Tutti i cittadini italiani e le famiglie che sono in possesso del codice PIN Inps, potranno richiedere il rilascio del modello Isee direttamente dalla piattaforma online dell’Istituto oppure tramite il sito web dell’Agenzia delle Entrate, inserendo i dati richiesti.

Inseriti i dati personali all’interno del form presente sul portale web, l’INPS procederà con il confronto dei dati in suo possesso e con quelli forniti dall’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche: Bonus ISEE basso 2019: agevolazioni e aiuti per il nuovo anno

Terminate le dovute analisi da parte delll’Inps, sarà possibile visionare la fascia di reddito Isee direttamente online oppure recandosi ad un Caf.

Quali saranno i dati già precompilati? 

I dati presenti all’interno dell’Isee precompilato 2019 sono i seguenti:

  • Redditi del nucleo familiare;
  • Patrimonio mobiliare e immobiliare;
  • Giacenza media di ogni conto corrente;
  • Il numero dei componenti della famiglia;
  • Altri dati rilasciati dalla Banca all’Inps e Agenzia delle Entrate.

Scadenze modello Isee 2019

Tutti i modelli Isee rilasciati prima del 1° settembre 2019, saranno validi fino al 31 agosto 2019. Dal 1° settembre 2019, data in cui sarà obbligatorio il modello Isee precompilato, tutti gli ISEE saranno validi fino al 31 agosto 2020., quindi avranno una validità annuale.

I vantaggi del modello Isee precompilato

I vantaggi previsti per le famiglie che adotteranno il nuovo modello della dichiarazione sostitutiva Unica precompilato (DSU) e Isee precompilato sono i seguenti:

  • Rilascio più veloce rispetto al vecchio modello;
  • Superare le difficoltà inerenti al rilascio dei documenti necessari per la compilazione della DSU, come ad esempio la giacenza media;
  • Meno documenti da presentare.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.