12° Forum Lavoro, Jobs Act e le novità lavoro 2015

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


E' in pieno svolgimento la dodicesima edizione del Forum lavoro 2015, il programma e i link per seguire l'evento in diretta

E’ in pieno svolgimento la dodicesima edizione del Forum lavoro 2015. L’atteso evento a cura del Consiglio Nazionale e della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro consentirà di approfondire, alla presenza di autorevoli relatori, tutte le novità introdotte dai Decreti attuativi del Jobs Act e le numerose novità del lavoro 2015.

Sul sito dei Consulenti del Lavoro è possibile visionare una apposita pagina dedicata all’evento con tutti i materiali utili, quali video, programmi e slides di presentazione dei vari interventi della mattinata.

Il Forum Lavoro coincide con l’entrata in vigore degli ultimi 4 decreti attuativi del Jobs Act, e proprio su questi temi sarà incentrato l’intero dibattito, che può essere seguito in diretta sul canale satellitare 897 di Sky e su Rete Oro o in streaming sul sito de il Sole 24 Ore.

Il programma del Forum Lavoro 2015

  • La disciplina delle Cococo e la Riforma delle sanzioni – Relatore Enzo De Fusco
  • La riforma della maznioni – Giuseppe Buscema
  • La nuova disciplina del part-time e del lavoro intermittente – Paolo Pizzuti
  • Il tempo determinato e la somministrazione – Gianni Marcantonio
  • L’apprendistato e i voucher – Emiliana Dal Bon
  • Il Durc On Line e le altre novità previdenziali – Vincenzo Silvestri
  • Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione – Paolo Stern
  • Controllo a distanza dei dipendenti – Pasquale Staropoli
  • Cigo/Cigs/Fondi – I nuovi ammortizzatori sociali – Luca Caratti
  • Le semplificazioni in materia di lavoro – Luca De Compandri

Moderatori Rosario De Luca, Ignazio Marino, Valentina Palano

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • Albip

    buongiorno a tutti.

    l’art. 5 della legge Renzi così recita:

    Revoca del licenziamento

    1. Nell’ipotesi di revoca del licenziamento, purche’ effettuata

    entro il termine di quindici giorni dalla comunicazione al datore di

    lavoro dell’impugnazione del medesimo, il rapporto di lavoro si

    intende ripristinato senza soluzione di continuità, con diritto del

    lavoratore alla retribuzione maturata nel periodo precedente alla

    revoca, e non trovano applicazione i regimi sanzionatori previsti dal

    presente decreto.

    Mi chiedo:

    se a seguito dell’impugnazione del licenziamento a mezzo di racc.ta o
    pec scritta dal suo legale, che precedentemente ha studiato la vicenda,
    dato pareri legali e scritto anche altra missiva con cui contestava gli
    addebiti preliminari alla sanzione del licenziamento da parte del
    datore, un lavoratore viene reintegrato come da art. 5 sopra riportato,
    le spese legali per l’attività svolta dal suddetto legale che ha
    determinato la revoca del licenziamento suddetto, chi le deve pagare? il
    lavoratore reintegrato o il datore che ha revocato il licenziamento?

    il d. l.vo nulla dice in merito, mi pare.

    grazie per le vs preziose risposte