Agile ex Eutelia: si aprono le patrie galere per i signori dei call center

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Finiti in manette i vertici di Agile ex Eutelia, per bancarotta fraudelanta. Una vera organizzazione con lo scopo di azzerare aziende e lavoratori.

Finalmente un pò di giustizia; l’odissea del gruppo Agile ex Eutelia fa un passo in avanti in più: 8 ordinanze di custodia cautelare in carcere per i vertici di Agile, con l’accusa di bancarotta fraudelenta, per aver provocato il fallimento del call center con un crac di oltre 11 milioni di euro.

Si spalancano dunque le porte del carcere per Pio Piccini, Leonardo Pizzichi (ex presidente di Eutelia), Claudio Massa, Marco Fenu, Salvatore Cammalleri, Antonangelo Liori (ex direttore del quotidiano L’Unione Sarda) e Isacco Landi. Non e’ stato raggiunto dal provvedimento Samuele Landi, ex Ad di Eutelia, perchè a Dubai.

Si proprio lui, il sig. Landi che il 10 novembre dell’anno scorso era entrato nella sede romana di Eutelia, occupata dai lavoratori, capeggiando un gruppo di vigilantes e minacciando i dipendenti. Anche questo episodio è entrato nei capi di imputazione.

Ciò che sconvolge è la consapevolezza e la malignità con cui questi signori hanno voluto il fallimento di Agile. Nell’ordinanza il GIP scrive a chiare lettere che lor signori «hanno acquistato diverse società organizzando una colossale operazione dolosa con l’obiettivo di provocare, tra l’altro, il fallimento di Agile». “È stata fatta – è scritto nell’ordinanza – un’operazione di svuotamento attraverso operazione di distrazione, pagamenti a privati e società, privi di una oggettiva giustificazione per 12 milioni di euro”

L’organizzazione ha agito «con lo scopo di spogliare Agile dei suoi asset, svuotando la cassa, caricandola di debiti e sottraendo garanzie ai creditori, soprattutto ai 1.992 lavoratori messi in strada».

E mentre costoro, accumulavano ricchezza, compravano elicotteri, barche, ville, etc etc, quasi 2000 lavoratori si ritrovavano per strada. Tutto e solo sulle spalle di lavoratori onesti! Gli unici a rimetterci in questa assurda vicenda.

Nel frattempo Eutelia è stata ammessa all’amministrazione straordinaria; ora però bisogna garantire la piena occupazione di questi lavoratori. Perchè qui non c’entra la crisi, la difficile situazione economica europea, qui si parla di 8 persone che deliberatamente hanno rovinato una società in buona salute solo per incrementare il proprio conto in banca!

Fonte: www.corriere.it www.ansa.it, www.repubblica.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti