Ministero del lavoro: fondi alle regioni per gli ammortizzatori sociali in deroga

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale 4 decreti del Ministero del lavoro per lo stanziamento di fondi a quattro regioni per gli ammortizzatori sociali in deroga.

Sulla Gazzetta Ufficiale nr. 227 dello scorso 28 settembre, sono stati pubblicati 4 decreti del Ministero del lavoro per l’assegnazione ad alcune regioni dei fondi necessari agli ammortizzatori sociali in deroga.

Le regioni interessate sono quattro: Calabria, Sicilia, Toscana ed Emilia Romagna.

Rispettivamente, le somme erogate sono così ripartite:

  • 70 milioni  per la regione Emilia-Romagna;
  • 50 milioni  per la Sicilia;
  • 100 milioni per la Toscana;
  • 50 milioni per la Calabria

Tali risorse finanziarie serviranno per la concessione o  proroga,  in  deroga  alla  vigente  normativa,   di   trattamenti di   cassa  integrazione guadagni, ordinaria e/o straordinaria, di mobilita’, di  disoccupazione  speciale  ai  lavoratori  a  tempo   determinato   ed  indeterminato, con inclusione  degli  apprendisti  e  dei  lavoratori somministrati, delle imprese ubicate nelle Regioni medesime.

Il numero dei lavoratori destinatari dei trattamenti, l’utilizzo temporale dei trattamenti medesimi ed il riparto delle risorse tra le situazioni di crisi occupazionale saranno definiti e modulati in accordi quadro da stipularsi tra le varie regioni interessate, d’intesa con le parti sociali.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • MARIALUISA COLONNA ROMANO

    NON CAPISCO PERCHE’ VENGANO EROGATI FONDI ALLE REGIONI (LA MIA E’ IL VENETO) CHE, A SEGUITO DI STRANE ASSEGNAZIONI DEL COMPITO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE, POI LI DISTRIBUISCONO AD ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E AD ALTRI ENTI, I CUI RUOLI ISTITUZIONALI NON HANNO NULLA A CHE VEDERE CON L’ISTRUZIONE.
    MI SEMBREREBBE INVECE PIU’ OPPORTUNO AFFIDARE INCARICO E FONDI ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E ALL’UNIVERSITA’ CHE, COME NOTO, SONO IN GROSSE DIFFICOLTA’.

    • Antonio

      Quanto hai ragione Marialuisa, credo che questo sia uno dei rivoli (anzi fiumi in piena) da dove fuoriescono e si perdono soldi pubblici…