INPS: finalmente arriva l’indennità di disoccupazione per i collaboratori



L’INPS, con circolare n. 74 del 26 maggio 2009, fornisce chiarimenti circa l’indennità di disoccupazione una tantum da corrispondere a favore dei collaboratori coordinati e continuativi (di cui all’ 61, comma 1, del decreto legislativo 10 settembre 2003 n. 276 e successive modificazioni) disciplinata dall’articolo 19 del D.L. 185/2008, convertito con modifiche dalla Legge 2/2009 e dall’articolo 7-ter del D.L. 5/2009 convertito dalla Legge 33/2009.

In allegato ho inserito la circolare INPS che spiega tutti i criteri di ammissione all’indennità e il modello da compilare in ogni parte da presentare all’INPS nel caso in cui si ritenga di avere tutti i requisiti validi per l’ammissione all’indennità.

Per aver diritto all’indennnità devono sussistere, in via congiunta, le seguenti condizioni:

  • monocommittenza: i collaboratori devono svolgere la propria attività esclusivamente per un unico committente e tale caratteristica riguarda l’ultimo rapporto di lavoro, quello per il quale si è verificato l’evento di “fine lavoro” (rilevabile dalle denunce glac/m);
  • dato reddituale riferito all’anno precedente: per il 2009 (primo anno di erogazione del beneficio) si deve considerare il reddito 2008 che deve essere compreso tra 5.000 euro e 13.819 euro (minimale di reddito 2008);
  • accredito contributivo: come recita l’ art 19, comma 2 lettera b) ed e) nell’anno precedente (es. 2008) devono essere accreditati almeno 3 mesi (lettera b) e non devono risultare accreditati almeno 2 mesi (lettera e). Pertanto, nell’anno precedente devono risultare accreditati non meno di 3 mesi, ma non più di 10. Il reddito del 2008 deve essere compreso tra 5.000 euro e 11.516,00 euro (pari ad una contribuzione IVS di 2.764 euro);
  • accredito contributivo nell’anno di riferimento: devono essere accreditati presso la relativa gestione separata, nell’anno di riferimento, almeno tre mesi (es. per il 2009, con un minimale vigente di 14.240,00 euro, il reddito per avere tre mesi di accredito deve essere di almeno 3.560,00 euro).

Fonti:

Nel messaggio INPS del 16 settembre 2009 n. 20629, l’INPS fornisce precisazioni in merito al requisito del reddito del lavoratori con contratti di cococo e cocopro ai fini della percezione della indennità “una tantum” di disoccupazione.

L’importo minimo di 5.000 euro riferito all’anno precedente è stabilito dall’art. 2, comma 19 della legge n. 2/2009. Pertanto nell’ipotesi in cui il reddito percepito dall’interessato sia inferiore a 5.000 euro, non è possibile procedere all’erogazione dell’indennità.

Reddito massimo

Qualora il lavoratore abbia i requisiti previsti per l’accredito contributivo nell’anno precedente (e cioè almeno 3 mesi, l’indennità potrà essere erogata anche se il reddito conseguito nel 2008 superi l’importo di euro 11.516 (indicato a titolo esemplificativo al punto 1.2 della circ. 74), ma sia comunque al di sotto o pari a 12.667 euro, ovvero al di sotto dell’importo utile all’accredito di undici mesi nel 2008. In relazione alla determinazione di tale maggior importo si invitano le Sedi a rivedere le eventuali domande d’indennità respinte per reddito eccedente gli 11.516 euro.

Mesi accreditati

Con riguardo al requisito dei mesi accreditati va considerato che prima di poter visualizzare i contributi non risultino ancora in estratto-conto si può visualizzare la situazione del collaboratore e del committente, entrando nella procedura “mensilizzazione” della Gestione separata, secondo le modalità già indicate nel messaggio n. 12768 del 22/5/2007.

Se anche tale verifica non dà risultato positivo ma il richiedente produce documenti che attestano il versamento dei contributi, si rende necessario contattare il committente al fine di individuare e risolvere il problema del mancato accredito (ad esempio: mancato invio dell’e-mens; mancato abbinamento tra il versamento effettuato con F24 e l’e-mens; etc.).

(Messaggio INPS 16/09/2009, n. 20629)

Fonte: www.portalavoro.regione.lazio.it

Link: indennità di disoccupazione



Articoli correlati



  • Luca

    ciao Claudia, anch’io ho presentato la domanda per ricevere la tantum, il 23/08, il 30% lo prendi sul reddito dell’anno precedente, nel tuo caso, così come nel mio del 2011, deve rientrare nell’intervallo come reddito 2011, 5000 euro minimo e 20000 euro massimo, e comunque ricevi al massimo 4000 euro non puoi avere il 30% di 20000 euro), devi aver percepito almeno tre mensilità nel 2011 ed una nel 2012, la domanda si presenta all’inps dopo aver scaricato il modello SR92 dal sito, la funzionaria dell’inps mi ha detto che in un mese ti ritrovi i soldi sul conto, ciao

  • CLAUDIA

    Salve a tutti…..dunque sono venuta a conoscenza della domanda di disoccupazione UNA TANTUM da qualche mese,e siccome a Giugno 2012,cioè tra 30 giorni esatti scadrà il mio contratto,mi stò informando per vedere se ho tutti i requisiti per averla. Dovrei rientrarci,l’unico mio dubbio è il seguente:il mio contratto qst anno va da Settembre 2011 a Giugno 2012….quindi se nn ho capito male dovrò presentare domanda 60 giorni dopo la scadenza contratto,cioè più o meno intorno ad Agosto. Lo scorso anno però il mio contratto nn ha avuto la sospensione estiva,cioè andava da Gennaio 2011 a Dicembre 2011. Il mio dubbio è:la domanda di disoccupazione che andrò a fare a Settembre 2012 prende in considerazione il contratto di qst anno,cioè quello che mi scade a Giugno 2012,e nn quello dell’anno precedente,in cui nn avendo una sospensione estiva in teoria nn risultavo disoccupata???Scusate la poca chiarezza,spero che qualcuno abbia capito e mi possa rispondere.Aspetto notizie

  • Rocco

    Salve a tutti,
    ho lavorato come Co.co.pro. da fine gennaio 2009 al 31 dicembre 2010. Scaduto l’ultimo contratto non mi è stato più rinnovato e da allora non ho più lavorato.
    Vorrei sapere se ho diritto a qualche indennità di disoccupazione anche se sono trascorsi 2 anni dalla scadenza del contratto! Certo, mi rendo conto che è un po’ tardi, ma posso fare ancora qualcosa???
    Grazie mille!

  • anna

    Sale..una domanda..io ho un contratto di collaborazione continuativa che si rinnova annualmente.da gennaio 2010 sempre con la stessa societa’.nei mesi di maggio giugno luglio agosto settembre 2011 ho collaborato con un altra societa’ nn dello stesso settore.mi spiego meglio:fino ad aprile 2011 ho lavorato con la prima societa’,poi ho mandato le dimissioni ma mai accettate,quindi sono rimasta con il contratto in sospensione,da maggio a settembre ho collaborato con quest altra azienda ed ad ottobre 2011 ho ripreso la “vecchia”..adesso le cose vanno malissimo,guadagno x lavorare.
    LA MIA DOMANDA:devo essere licenziata per poter percepire l indennita’ di disoccupazione e sopratutto NE HO IL DIRITTO????GRAZIE MILLE Anna.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Maria, per aver diritto ad una tantum ci sono almeno 3 regole fondamentali, il reddito dev'essere arrivato da un solo committente, devi aver percepito almeno 5000 di compensi, devi aver lavorato almeno 3 mesi e massimo 10. Comunque per ogni altro dubbio e per vedere che fine ha fatto la tua gestione separata ti consiglio di rivolgerti ad un buon patronato!

  • MARIA

    Salve a tutti…chiedo per favore un piccolo consiglio.Ho lavorato 4 mesi in un call center come collaboratrice a progetto percependo un mensile lordo di 500 euro.Volevo chiedere l'una tantum ma andando all'inps con le buste paga mi han detto che non risulta versato nessun contributo eppure io firmavo un contratto mese per mese.Un amico mi ha detto di fare una lettera all'azienda presso cui lavoravo.Come devo comportarmi?E soprattutto rientro in questa una tantum?vi ringrazio tutti,MARIA

  • veronica

    Ma che gliene frega al tuo titolare dei soldi che ti da l'Inps?????? E poi scusa ma l'indennità dei co co pro è l'una tantum. Quindi non puoi averla presa per 4 mesi ma in una sola volta!

  • roberta

    ok grazie:-)

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    ciao Claudio, senza vedere neanche una carta è impossibile provare a fare il calcolo di quanto dovrebbe spettarti, di solito i calcoli dell'INPS sono certi, ma se hai dei forti dubbi puoi sempre chiedere spiegazione allo sportello. Non è che le 380 € sono riferite ad un periodo inferiore al mese? Spesso la prima indennità è bassa e poi si recupera la differenza alla fine.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    ma sei iscritto alla gestione separata?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Roberta, l'INPS dovrà darti risposta scritta alla tua domanda di disoccupazione una tantum, su questa potrai eventualmente presentare domanda di riesame. Io comunque per stare certo, mi affiderei ad un patronato, magari esperto di cocopro… so per certo che l'INCA di solito tratta questo genere di pratiche.

  • claudio

    io ho un problema praticamente a me hanno riconosciuto una disoccupazione pari a 380 euro, ma io in busta paga come importo netto guadagnavo 1227 euro. ora vorrei capire xkè se l'inps si prende i contributi su 1227 euro a me xkè devono essere riconosciuti sulla paga base di 694 euro?

  • Flagella Pasquale

    Prendo una indennità di disoccupazione dal mese di Agosto 2011in seguito ad un licenziamento ,Dal mese di Ottobre l'INPS mi ha sospeso l'indennità in quanto risulta che lavoro presso una Associazione Sportiva Dilettantistica. Dal 10 Ottobre presto l'attività di istruttore di BodY Building presso una palestra ma senza alcun vincolo di orario nè di subordinazione . Percepisco compensi forfettari in base alle ore lavorative , quando mi chiamano e tali compensi non sono assoggettati a ritenute in quanto tale lvoro rientra nell'ambito di un rapporto sportivo dilettantistico come previsto dall'art. 67 co.1 lett. m) del Tuir e successive integrazioni. Inoltre per ogni compenso che ricevo autocertifico che non supero la franchigia di €.7.500,00 annue prevista dal art. 69 co. 2 del Tuir .
    Gradirei sapere se mi spetta la continuità dell'indennità di disoccupazione pur avendo questa spesce di lavoro. Grazie per la Risposta.

  • roberta

    salve volevo avere un'informazione, ho fatto la domanda per l'una tantum a settembre 2011, il mio contratto scadeva a giugno 2011, nella presentazione della domandina mi è stato richiesto il CUD 2010, ora mi viene detto verbalmente che non mi spetta visto che per l'anno 2011 non ho nessun contributo versato, alla mia domanda rispetto al cud presentato, mi è stato risposto che loro controllano per l'anno in corso se ci sono contributi versati tramite pc è solo per questo motivo non mi è stato chiesto di presentare la busta paga.
    Ho tutti i presupposti richiesti nella domanda l'unico problema sono i contributi 2011 (A loro dire, visto che non sono stati versati)
    in base alla circolare del 7/10/2011 n. 3040 dovevano controllare il reddito 2009/2010.
    Se è come dicono loro quanti mesi servono nel 2011? Sono validi solo se si versano per il periodo gen/feb/marz ?
    grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Dave, suppongo di si, ma sull'altro rapporto… comunque ti consiglio di chiedere direttamente all'INPS anche al numero verde 803164, oppure rivolgerti ad un patronato… il migliore in questo ramo dovrebbe essere il NIDIL CGIL

  • dave

    Salve, espongo il mio problema:
    sono stato sotto co co pro per 3 anni (con proroghe).
    Scaduto l'ultimo contratto la mia società mi fa firmare un altro co co pro MA per un altra società.
    dopo un mese vengo licenziato.
    Mi spetta l'indennità?

  • michele

    x i lavoratori autonomi e prevista la disoccupazione

  • Veronica

    Espongo brevemente il mio dubbio: nel corso di quest'anno (2011) ho percepito per i primi 4 mesi (da gennaio ad aprile) l'indennità di disoccupazione per i collaboratori a progetto. A metà giugno sono stata assunta presso un'azienda con contratto di sostituzione. Ho l'obbligo di comunicare al mio nuovo datore di lavoro il reddito che ho percepito dall'Inps?Ringrazio anticipatamente per le eventuali risposte!

  • jo'

    salve vorrei avere la certezza una volta per tutte……..se con un contratto a progetto posso rikiedere i requisiti ridotti……….grazie

  • jo'

    salve vorrei avere la certezza una volta per tutte……..se con un contratto a progetto posso rikiedere i requisiti ridotti……….grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Non so risponderti, forse ti conviene andare da un patronato..

  • schiano rosa

    quanti anni ci vogliono per ricevere il pagamento per superstiti..

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    C'era stata nel 2010 in via sperimentale una circolare che ti sarebbe servita, però ora che siamo a marzo sono scaduti i termini per richiedere l'ordinaria, tu che disoccupazione hai chiesto?

  • claudio minielli

    Scusate ho sbagliato perchè il primo contratto era a tempo indeterminato e ho lavorato per 7 anni, poi per il resto è tutto esatto quanto sopra riferito. Scusate ancora e grazie.

  • claudio minielli

    Salve, a luglio 2010 ho dato le dimissioni da un'azienda presso cui avevo un contratto a tempo determinato; sempre a luglio 2010 sono stato assunto presso un'altra azienda con un co.co.co. di durata 6 mesi fino al 31/12/10; tale azienda è venuta meno agli accordi e ha fatto cessare la durata del co.co.co. Poi ho presentato domanda di disoccupazione ordinaria all'inps ma mi è stata respinta perchè mi hanno detto che siccome ho dato le dimissioni non posso usufruire della disoccupazione ordinaria. Ma è possibile che non posso sfruttare nessuna disoccupazione, neanche quella prevista per i co.co.co? Vi prego inviatemi una risposta certa.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Antonio, purtroppo non esiste più nulla, gli ammortizzatori come la disoccupazione hanno un termine oltre il quale non si può andare….

  • antonio

    scusate, se usciro' fuori tema, io il lavoro l'ho perso nel marzo del 2008, avendo superato i 50 anni, ho percepito la disoccupazione per un anno, ho cercato lavoro in tutte le maniere possibili, ma vista l'età e la situazione attuale non sono riuscito a trovare nulla, e mai possibile che non esistano altre forme di ammortizzatori sociali per chi come me e ridotto a mangiare alla caritas, cordialmente vi saluto,

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Roberto, dovrai sicuramente fare ricorso, però ti consiglio di farti assistere da un sindacato o da da un avvocato.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Ilario, solo nel 2010 in via sperimentale avresti potuto usufruire dell'ordinaria facendo valere anche la contribuzione del cocopro, per ora invece puoi fare sicuramente la disoccupazione con requisiti ridotti, invece per l'una tantum prevista per i cocopro non credo tu abbia i requisiti. Comunque ti consiglio di rivolgerti ad un patronato o direttamente all'inps.

  • roberto

    salve,
    2 anni fa ho presentato domanda di disoccupazione ma mi è stata rifiutata perchè mancavano i contributi da parte della mia ditta, così ho inviato l'ispettorato del lavoro a controllare i pagamenti…e dopo un mese ,Dicembre 2010, mi è giunta una lettera dove c'era scritto che gli ispettori hanno controllato e i pagamenti sono stati effettuati regolarmente dalla ditta. Purtroppo a me la disoccupazione non è ancora arrivata. ora informandomi meglio dall' incaricato dell' Inps mi ha detto che Manca il Durc e quindi niente disoccupazione… Ma com'è possibile? Ho perso la disoccupazione? possibile? come posso Fare per prendere la disoccupazione.. ? Aiutatemi per favore…Grazie in anticipo…

  • Ilario

    Salve, io ho avuto un contratto a tempo determinato dal 22/10/2008 fino al 31/07/2010 e poi mi è stato fatto un contratto a progetto dal 04/08/2010 fino al 31/12/2010 con lo stesso committente, vorrei sapere se devo fare la domanda di disoccupazione ordinaria visto che ho sicuramente lavorato per 52 settimane negli ultimi due annii oppure presentare questa per i collaboratori visto che negli ultimi tre mesi ho avuto quel tipo di contratto?
    Grazie
    Ilario

  • croccosud

    io non ho svolto solo stage e collaborazioni occasionaloi nel 2009, per cui arrivo ai 5000 euro. vorrei fare domanda a fine giugno 2010 per cessione rapporto di collaborazione, secondo voi posso accedere?grazie

  • Antonio Maroscia

    Si Luca, più che debole è nato già morto… hanno inserito diversi vincoli che di per se ne escludono l’applicazione a buona parte dei casi, per di più coloro che ne hanno diritto prenderanno quest’anno una miseria (20% del totale una tantum) e chi ne usufruirà, suo malgrado, l’anno prossimo prenderà addirittura il 10% del lordo percepito… praticamente spiccioli!

  • http://www.afi-ipl.org Luca

    Mi sembra un po’ debole come ammortizzatore sociale. C’è da dire che una gran parte dei collaboratori rimane, purtroppo, di fatti esclusa di fronte alle condizioni che devono sussistere….

Cerca nel sito

Newsletter

Se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli inserisci la tua email nel box qui sotto



A BREVE RICEVERAI UNA EMAIL PER DARE CONFERMA D'ISCRIZIONE

Google+