Quattordicesima stipendio: cos’è, come si calcola e a chi spetta

Cos'è e come funziona la quattordicesima stipendio? Quali sono le particolarità, quando arriva e come calcolarla

La quattordicesima mensilità dello stipendio è un esempio di “retribuzione differita”. Significa che il suo ammontare non viene erogato ogni mese, ma matura ogni mese di lavoro e viene pagata in un’unica soluzione secondo le scadenze previste dai singoli contratti collettivi.

L’importo a titolo di quattordicesima è quindi il risultato della somma dei singoli ratei che il dipendente matura per ogni mese in cui è in forza all’azienda. Il periodo di maturazione della quattordicesima di norma decorre da luglio a giugno dell’anno successivo.

Nel corso del rapporto possono verificarsi eventi che non danno diritto alla maturazione della quattordicesima. Se ad esempio nel mese di aprile 2020 il dipendente (in forza all’azienda da gennaio 2015) si è assentato in aspettativa non retribuita, in sede di liquidazione della quattordicesima l’interessato avrà diritto a undici ratei anziché dodici.

La quattordicesima, come la tredicesima, si definisce anche mensilità aggiuntiva perché addizionale rispetto alle dodici ordinarie, relative ai singoli mesi di calendario dell’anno. Analizziamo la questione nel dettaglio.

Quattordicesima stipendio: disciplina

L’ammontare della quattordicesima e la scadenza entro cui dev’essere riconosciuta vengono disciplinate dai singoli CCNL.

Sono tuttavia ammesse condizioni di maggior favore da parte dei contratti aziendali.

Ad esempio, se il contratto collettivo non prevede la quattordicesima, l’azienda può decidere di erogarla, disciplinandola in un apposito accordo interno.

Quattordicesima mensilità dello stipendio: quanto spetta

L’ammontare della quattordicesima è di norma pari alla retribuzione prevista per il mese di erogazione. Se ad esempio la liquidazione avviene entro il 30 giugno di ogni anno, la quattordicesima sarà pari alla retribuzione di giugno.

Facciamo l’esempio di un dipendente assunto in data 1º gennaio 2015. Il CCNL prevede la liquidazione della quattordicesima entro il 30 giugno 2020. L’interessato ha maturato tutti e dodici i ratei pertanto ha diritto all’ammontare pieno della mensilità aggiuntiva.

Ipotizziamo che nella busta paga di maggio 2020 la sua retribuzione mensile lorda sia stata pari a 2.050,00 euro. A giugno, in virtù di uno scatto di anzianità, la sua retribuzione passa a 2.080,00 euro. In sede di liquidazione della quattordicesima gli spetterà pertanto una somma pari a 2.080,00 euro.

Esempio di calcolo quattordicesima

Fanno eccezione a questa regola i dipendenti che nel corso del periodo di maturazione hanno variato l’orario di lavoro passando da part-time a full-time o viceversa. In questo caso nell’importo della quattordicesima si dovrà tener conto della retribuzione ridotta dei mesi in cui il dipendente è stato a tempo parziale.

Prendiamo il caso del dipendente dell’esempio precedente. Il periodo di maturazione della quattordicesima è luglio 2019 – giugno 2020. Dei mesi interessati, sei sono stati lavorati in regime di part-time al 50% e i restanti full-time.

Il calcolo è il seguente:

  • retribuzione part-time mensile 2.050,00 / 2 = 1.025 euro;
  • importo della quattordicesima per i mesi di part-time (1.025/12) * 6 mesi = 512,50 euro;
  • retribuzione full-time mensile 2.080 euro;
  • importo della quattordicesima per i mesi di full-time (2.080/12) * 6 mesi = 1.040,00 euro.

L’importo totale della quattordicesima da erogare a giugno 2020 sarà il risultato della somma di 512,50 + 1.040,00 = 1.552,50 euro.

Quando arriva la quattordicesima

Come anticipato, la quattordicesima dev’essere versata ai dipendenti secondo la scadenza prevista dal CCNL applicato.

Ad esempio il CCNL Commercio e terziario – Confcommercio prevede l’erogazione della quattordicesima entro il 1º luglio di ogni anno. Per contro, il CCNL Pulizia fissa la scadenza al 15 luglio.

Assenze e maturazione della quattordicesima

La quattordicesima matura per un arco temporale di dodici mesi definito dal contratto collettivo applicato. Di norma, l’intervallo decorre dal mese di luglio a giugno dell’anno successivo. Ad esempio, con la quattordicesima 2020 saranno liquidati gli importi maturati da luglio 2019 a giugno 2020.

Nel conteggio si considerano i mesi in cui il dipendente è stato in forza presso l’azienda, eccezion fatta per quelle assenze che non consentono la maturazione della quattordicesima, come ad esempio:

  • assenze non retribuite;
  • assenze ingiustificate;
  • sospensione dal lavoro e dalla retribuzione;
  • aspettativa non retribuita;
  • congedo parentale;
  • cassa integrazione pagata direttamente dall’INPS al dipendente;
  • sciopero.

Per contro, esistono tutta una serie di assenze in cui la quattordicesima matura regolarmente:

  • ferie;
  • permessi per festività soppresse o per riduzione dell’orario di lavoro;
  • permessi Legge 104/1992;
  • malattia;
  • maternità;
  • infortunio sul lavoro;
  • donazione sangue;
  • cassa integrazione anticipata dall’azienda in busta paga (in base a quanto previsto dall’accordo sindacale).

A fronte delle assenze che non consentono la maturazione del rateo mensile o di periodi parzialmente in forza presso l’azienda è necessario assumere l’importo totale della quattordicesima e riproporzionarlo.

Leggi anche: Quattordicesima mensilità: come si calcola e a chi spetta

Esempio maturazione quattordicesima

Facciamo l’esempio del dipendente Caio assunto il 1º settembre 2019. Ipotizzando che l’importo totale della quattordicesima 2020 sia pari a 1.700 euro lordi è necessario riconteggiare l’importo in funzione dei mesi in forza presso l’azienda:

  • (1.700,00 / 12) * 10 = 1.416,67 euro.

Al contrario, se Caio fosse stato assunto il 16 settembre 2019 avrebbe maturato nove ratei anziché dieci, dal momento che si considerano solo i periodi superiori a quindici giorni. Questo vale anche per le assenze che non consentono la maturazione della quattordicesima. Sempre Caio avrebbe maturato un rateo in meno se a dicembre 2019 si fosse assentato in aspettativa dal 1º al 18 dicembre.

Contribuzione e tassazione della quattordicesima

Le somme riconosciute a titolo di quattordicesima sono soggette a contributi e tassazione IRPEF al pari della retribuzione ordinaria mensile.

La tassazione sulla quattordicesima varia in funzione del momento in cui viene liquidata, fatto salvo il conteggio definitivo dell’IRPEF in sede di conguaglio di fine anno o di cessazione del rapporto.

In particolare le trattenute fiscali sulla quattordicesima sono inferiori se la stessa viene erogata in un cedolino a parte, rispetto alla liquidazione unitamente alla retribuzione ordinaria mensile.

Tuttavia, l’effetto della minor tassazione viene in parte mitigato perché in caso di liquidazione “in solitaria” non si applicano le detrazioni da lavoro dipendente o per carichi di famiglia, la cui funzione è quella di abbassare l’imposta a carico del lavoratore.

Indennità INPS

Un caso particolare riguarda la liquidazione delle indennità a carico dell’INPS. Nelle ipotesi in cui l’azienda è tenuta ad integrare quanto a carico dell’Istituto, la stessa liquida la tredicesima e la quattordicesima senza operare alcuna decurtazione.

Al contrario, quando non è previsto l’intervento dell’azienda e l’INPS calcola l’indennità considerando anche le mensilità aggiuntive, il datore sottrae dall’importo a suo carico quanto corrisposto dall’ente.

Chi è escluso dalla quattordicesima

Oltre ai dipendenti cui si applicano CCNL che non prevedono la quattordicesima mensilità, questa non spetta altresì a:

  • lavoratori con contratto di lavoro intermittente (si riconosce un importo mensile in sostituzione delle mensilità aggiuntive);
  • lavoratori autonomi e parasubordinati;
  • tirocinanti e stagisti.
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679