Bonus Irpef di 80 euro: come si applica

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Una piccola guida al Bonus Irpef di 80 euro introdotto con Dl 66/2014 del 26 aprile 2014

In questi giorni e fino a fine giugno circa 10 milioni di lavoratori italiani stanno ricevendo il celebre bonus di 80 euro in busta paga, così come stabilito con Dl 66/2014 del Governo presieduto da Matteo Renzi.

Leggi anche: Bonus di 80 euro, il testo del Decreto Irpef in Gazzetta Ufficiale

Abbiamo già ampiamente parlato di questo bonus e comunque i dubbi rimangono molti, soprattutto in vista del doppio passaggio fra Camera e Senato che dovranno convertire in Legge il Decreto per renderlo definitivamente efficace, anche se ormai la linea intrapresa dal Governo, anche per precedenti Decreti è quella della fiducia, quindi non dovrebbero esserci grosse novità.

Chiarimenti sono arrivati tramite due circolari dell’Agenzia delle Entrate, la Circolare 8/E del 28/04/2014 e la circolare 9/E del 14/05/2014 che ha approfondito il Dl 66/2014 proprio in vista della sua applicazione da parte delle aziende. Ricordiamo infatti che uno dei punti cruciali del bonus è comprendere se e quando questo viene applicato.

Leggi anche: Bonus di 80 euro, le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

Senza scendere troppo nel dettaglio, per i più curiosi rimandiamo alla lettura delle circolari dell’Agenzia delle Entrate, fissiamo brevemente quali sono i principi base del bonus e le modalità di applicazione in busta paga.

Importo del bonus e redditi da considerare

Così come riportato nella tabella seguente il bonus spetta a tutti i lavoratori dipendenti e assimilati con un reddito annuo lordo, al netto del reddito dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze, compreso fra gli 8.000 e i 24.000 €, mentre andrà a scendere fino a scomparire per la fascia di reddito compreso fra 24.001 e 26.000 €.

Il bonus spetta quindi ai contribuenti che percepiscono:

  • redditi di lavoro dipendente di cui all’art. 49 del T.U.I.R. comma 1 e comma 2 lett. b);
  • redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, di cui al comma 1 dell’art. 50, del T.U.I.R appartenenti alle seguenti categorie:
    • compensi percepiti dai lavoratori soci delle cooperative (lett. a);
    • indennità e compensi percepiti a carico di terzi dai lavoratori dipendenti per incarichi svolti in relazione a tale qualità (lett. b);
    • somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o addestramento professionale (lett. c);
    • redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (lett. c-bis);
    • remunerazioni dei sacerdoti (lett. d);
    • prestazioni pensionistiche di cui al d.lgs. n. 124 del 1993 comunque erogate (lett. h-bis);
    • compensi per lavori socialmente utili in conformità a specifiche disposizioni normative (lett. l).

Il contribuente deve avere un reddito da lavoro dipendente o assimilato che superi la soglia della capienza, cioè le detrazioni da lavoro dipendente non devono superare l’importo dell’imposta Irpef. Non influiscono nel calcolo dell’imposta le detrazioni per familiari a carico.

A questo reddito vanno aggiunti poi gli altri redditi, così come stabilito dal TUIR per determinare il reddito complessivo.

Se il reddito complessivo non supera il 24.000 € il contribuente (capiente) avrà diritto al bonus di 80 €; se il reddito complessivo è compreso tra 24.000 e 26.000 euro il credito spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 26.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 2.000 euro.

Nel calcolo del reddito complessivo vanno inclusi *:

  • i redditi di unità immobiliari che non siano adibiti ad abitazione principale anche se regolati con cedolare secca;
  • redditi per prestazioni a sostegno del reddito (ASpI, mini-ASpI, Cassa Integrazione, mobilità ecc.);
  • le prestazioni pensionistiche complementari e le pensioni integrative qualificate come fondi di previdenza complementare;
  • i redditi da pensione pensioni di ogni genere e gli assegni ad esse equiparati;
  • i redditi da lavoro autonomo, anche occasionale;
  • i redditi diversi.

Vanno invece esclusi dal reddito complessivo *:

  • il reddito derivante dall’abitazione principale e relative pertinenze;
  • i redditi assoggettati all’imposta sostitutiva per gli incrementi di produttività (fino a 3.000 euro);

Sono inoltre esclusi dal bonus i titolari di redditi professionali ed in ogni caso i redditi prodotti da titolari di partita IVA in forma autonoma o d’impresa e redditi derivanti da attività politica (es. assessori, gettoni di presenza nei vari consigli comunali, provinciali ecc.)

* I redditi inclusi ed esclusi come sopra indicati non sono comunque tutti quelli indicati nella normativa ma sono riportati a titolo d’esempio. Per maggiori dettagli fare riferimento alle Circolari dell’Agenzia delle Entrate riportate a fondo pagina.

Va inoltre precisato che anche ai titolari di trattamenti a sostegno del reddito spetta il bonus (pagato direttamente dall’INPS come vedremo in seguito). Fra le prestazioni rientrano:

  • indennità di disoccupazione ASpI e MiniASpI di cui all’art. 2 della legge n. 92/2012;
  • indennità di mobilità ordinaria di cui all’art. 7 della legge n. 223/1991;
  • trattamenti di disoccupazione speciali per l’edilizia di cui all’art. 11 della legge 223/1991,di cui all’ art. 3 comma 3 del decreto legge n. 299/1994 convertito in legge n. 451/1994;
  • sussidi per lavoratori socialmente utili, sussidi straordinari o speciali, sussidi erogati in attivazione di programmi di Welfare to Work;
  • crediti da lavoro di cui agli artt. 1 e 2 del d.lgs. n. 80/1992 (cd. ultime tre mensilità) pagati a carico del Fondo di garanzia;
  • indennità di maternità per congedo obbligatorio di cui agli artt. 16, 17 e 26 del d.lgs. n. 151/2001;
  • congedo obbligatorio del padre ai sensi dell’art. 4, comma 24, lett. a) della legge 28 giugno 2012, n. 92.

Leggi anche: Il bonus di 80 euro sarà anche per disoccupati e cassintegrati

Tabella bonus irpef 80 euro

Tabella bonus irpef 80 euro

Chi paga il bonus

Per percepire il bonus il contribuente non deve fare alcuna richiesta, in quanto questo scatta in automatico e il sostituto d’imposta è tenuto a versarlo nel momento in cui quest’ultimo, dai calcoli effettuati ritiene che il contribuente ne abbia diritto.

Vi sono comunque casi specifici in cui è prevista una richiesta scritta da parte del contribuente:

  • nel caso di due o più rapporti di lavoro part-time il contribuente che ritenga di avere diritto al bonus può comunicare per iscritto ai suoi datori di lavoro di avere diritto al bonus e farsi versare da solo uno dei titolari il bonus;
  • nel caso di diversi contratti a termine con diversi titolari il contribuente può chiedere all’ultimo titolare il conguaglio del bonus spettante;
  • lo stesso vale per i lavoratori con contratti co.co.pro. o co.co.co. con più committenti.
  • nel caso in cui il contribuente si accorga che per effetto di più redditi superi la soglia dei 24.000 o dei 26.000 € deve comunicare al proprio sostituto d’imposta di non avere diritto al bonus ed eventualmente di voler restituire la somma già indebitamente percepita.

Casi specifici riguardano inoltre:

  • colf e badanti, in questo caso anche se il lavoratore ha diritto al bonus, il “datore di lavoro” non essendo sostituto d’imposta non è tenuto a corrispondere il bonus;
  • i percettori di prestazioni a sostegno del reddito che per effetto di reddito da lavoro e prestazione ritengono di superare la soglia di capienza possono comunicare all’INPS o al datore di lavoro di aver diritto al bonus.

Ricapitolando quindi il bonus può essere pagato:

  • dal datore di lavoro in busta paga o dal committente per i co.co.pro. e co.co.co.;
  • direttamente dall’INPS per i percettori di prestazioni a sostegno del reddito;
  • direttamente dal fisco: nei casi in cui il contribuente ha diritto al bonus ma non lo ha percepito durante l’anno, come per esempio per colf e badanti, potrà chiederne il conguaglio nella dichiarazione dei redditi del 2015.

Per il datore di lavoro / committente / sostituto d’imposta

Il datore di lavoro o il committente o qualunque altro sostituto d’imposta, è tenuto ad erogare automaticamente il bonus di 80 euro nel cedolino paga senza che il contribuente ne faccia richiesta. Tuttavia a lui è affidato il compito, non poco gravoso, di effettuare il calcolo sulla base dei dati in proprio possesso del diritto per il contribuente al bonus.

La circolare n.8/E dell’Agenzia delle Entrate del 28/04/2014, precisa che “i sostituti di imposta, devono determinare la spettanza del credito e il relativo importo sulla base dei dati reddituali a loro disposizione effettuando le verifiche di spettanza del credito e del relativo importo, in base al reddito previsionale e alle detrazioni riferiti alle somme e ai valori che il sostituto corrisponderà durante l’anno, nonché in base ai dati di cui entri in possesso, ad esempio, per effetto di comunicazioni da parte del lavoratore, relative ai redditi provenienti da altri rapporti di lavoro intercorsi nell’anno 2014”.

A meno che, aggiungiamo noi, non sia il percipiente a dichiarare per iscritto di non aver diritto al bonus in base a quanto detto prima.

Il sostituto d’imposta potrà recuperare il Bonus di 80 erogato direttamente nell’F24 riportando i crediti con il codice tributo 1655 denominato “Recupero da parte dei sostituti d’imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66”

Leggi anche: Bonus 80 euro, codice tributo per il recupero in F24

Nel caso in cui le somme a debito non bastino a recuperare il bonus erogato e riportato a credito nell’F24 mensile, il sostituto d’imposta potrà recuperare la parte mancante dai contributi INPS a debito.

Calcolo del bonus mensile

Per i lavoratori a tempo indeterminato che lavorano 365 presso la stessa azienda, il sostituto d’imposta dovrà procedere al calcolo del Bonus dovuto e poi dividere l’importo per 245 (numero di giorni che vanno dal 1 maggio al 31 dicembre 2014) e successivamente determinare l’importo che il sostituto deve erogare in ciascun periodo di paga.

Per questo motivo non in tutti i mesi l’importo del bonus irpef in busta paga sarà di 80.00 €, ma l’importo varierà in base al numero dei giorni che compongono il mese di riferimento. Per il mese di maggio l’importo è di 80,98 euro (640 / 254 x 31).

Se il periodo di lavoro nell’anno 2014 è inferiore a 365 giorni, l’importo del credito spettante, come precedentemente determinato, deve essere parametrato al numero dei giorni di lavoro dell’anno, calcolati tenendo conto delle regole ordinariamente applicabili per l’applicazione delle detrazioni previste dall’art. 13 del TUIR.

Ad esempio, un lavoratore il cui reddito complessivo è di euro 22.000 e che:

  • ha cessato il rapporto di lavoro il 30 aprile 2014 (120 giorni di lavoro nel 2014) avrà diritto soltanto a parte del credito, pari a euro 640/365 x 120 = euro 210,41;
  • ha iniziato un rapporto di lavoro a tempo indeterminato il 3 giugno 2014 (212 giorni di lavoro del 2014) avrà diritto soltanto a parte del credito, in quanto euro 640/365 x 212 = euro 371,73.

Allegati

  DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 (834,0 KiB, 3.714 download)
  Dl 24 aprile 2014, n. 66 - Circolare Inps (1,2 MiB, 3.572 download)
  Codice tributo di recupero del Credito Irpef (336,7 KiB, 1.721 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • enniozz

    Buongiorno, mi è arrivato oggi il rateo dell’Aspi relativo al mese di maggio di € 1.012 come nei mesi precedenti. Del bonus irpef di 80 euro, neanche l’ombra.
    Sono in ASPI dal 7 Gennaio 2014 fino al 6 Gennaio 2015.
    Ma non doveva essere l’INPS, in automatico, a dover erogare?
    Qualcuno può darmi una spiegazione.
    Grazie mille.

    • ciao Ennioz, la normativa dice che nei casi in cui vi siano problemi tecnici il bonus può essere spostato al mese di giugno. Quindi penso che riceverai il bonus e l’arretrato in unica soluzione nel prossimo rateo di ASpI in quanto credo che i calcoli dell’Inps sono molto macchinosi e qualsiasi variazione ha bisogno di molto tempo per essere digerita dal sistema. Comunque il credito non andrà perso in nessun caso, in quanto male che vada potrai recuperarlo col 730 dell’anno prossimo.

      Io comunque un salto all’Inps al tuo posto lo farei 😉

      • claudio

        che assurdita’! io sto a cassa integrale e non arrivo agli ottomila euro all’anno cio vuol dire che gli 80 euro non mi toccano? chi mi puo rispondere?

  • paolo

    buongiorno e grazie per il prezioso articolo. due dubbi:
    caso a) persona che nel 2013 ha un cud sopra i 26mila euro, mentre nel 2014 ha un cud di poco inferiore ai 24mila euro. Conta il reddito 2014, giusto?
    caso b) persone che nel 2014 ha un reddito da part-time inferiore ai 24mila (molto inferiore) e contemporaneamente una pensione da vedova. sul lavoro dipendente, per non dover pagare forti conguagli a fine anno, il consulente del lavoro ha sempre azzerato destrazioni etc. Avrebbe diritto a 80 euro? perché non sono arrivati? deve fare una dichiarazione, ha sbagliato consulente?

    • Marco Porcio Catone

      a. il reddito che conta è quello previsto per il 2014.
      b. se il reddito da lavoro dipendente supera gli 8174 € lordi e il reddito complessivo non supera i 24/26 mila euro allora il bonus a mio avviso spetta.

  • naty

    Buongiorno, sono in maternita facoltativa e dovrei avere bonus anche io , devo compilare qualche foglio per averlo ?? Oppure mi viene messo in automatico nella busta paga ? E nella busta come viene indicato ? Grazie

    • Marco Porcio Catone

      non devi compilare nessun foglio, se superi il reddito minimo annuale allora il bonus deve essere erogato automaticamente dal datore di lavoro. Nella busta paga c’è un rigo a parte che dice più o meno questo “Dl 66/2014 credito erogato”

      • daniela maremonti

        scusate anche io dovrei richiedere la maternità facoltativa. A tal proposito volevo capire, prendendo € 900.00 netti in busta paga a quanto ammonta il compenso durante la maternità, e a quanto ammonta il bonus? grazie mille.

        • bispensiero

          Il compenso durante la maternità facoltativa è pari al 30%, il bonus è sempre lo stesso, l’importante è che superi il minimale di 8174 € lordi annuali e i 365 di giorni di paga.

  • Alessandra

    Buongiorno, cosa accade se il datore di lavoro aggiunge gli 80 euro in busta paga, ma lascia invariato lo stipendio? Quindi in pratica non li dà?

    • butred77

      come fa a non darli? Se sono in busta paga il totale deve per forza aumentare, a meno che non siano variate altre voci di paga.

      • Alessandra

        In pratica io ho concordato un netto diverso dal contratto collettivo, ma che è comunque inferiore ai 1400 euro. Lui ha lasciato il netto pari a quello concordato e gli 80 euro li ha messi come detrazione all’azienda. Non so se sono stata chiara.

        • Carmine

          Anch’io mi ritrovo nella tua stessa situazione… qualcuno sa dirci se è legale questo comportamento?? E come fare per averli??

          • Francesca

            Ciao a tutti anche per me è la stessa cosa, siete riusciti in qualche modo a venirne a capo? Come ci dobbiamo comportare?

  • eugenio

    buondì,un dipendente con reddito di circa 11500€ ha diritto per intero la bonus anche se l’irpef che paga è azzerata da detrazioni lav. dip. e 36€ mensili di detrazioni familiari a carico? Oppure il bonus è riparametrato al massimo dei 36€ dell’irpef annullata dalla detrazioni familiari a carico?

    • butred77

      ciao per quanto riguarda le detrazioni per familiari a carico queste non vanno inserite nel conteggio e non influiscono sul bonus, anche se dovessero azzerare l’irpef da pagare.

      Per le detrazioni da lavoro dipendente con un reddito di 11500 € non credo che le detrazioni da lav. dip. riescano ad azzerare l’irpef, quindi il contribuente è capiente e ha diritto al bonus.

      • eugenio

        Grazie della risposta. La mia preoccupazione era che come parte di irpef extra detrazioni lavoro dipendenti,ho solo 36€ che poi mi vengono azzerate per det. familiari a carico.
        Pensavo quindi che anche il Bonus dovesse tener conto che avevo solo 36€ di irpef e quindi fosse riparametrato a tale cifra.

  • andrea1969

    è possibile percepire il bonus di 640 euro in un’unica soluzione ?

    • butred77

      l’Agenzia delle Entrate dice di no.. credo che al massimo si possa arrivare a percepire una somma più alta delle 80 € in sede di conguaglio a fine anno o in dichiarazione dei redditi, ma comunque mai in anticipo

  • Ettore

    Per gli aventi indennità ASPI, l’INPS non ha ancora approvato gli 80 euro del decreto Renzi, ultime notizie avute oggi dall’INPS. Difatti oggi ho percepito la stessa cifra di aprile senza nessun aumento dei famosi 80. E’ una vergogna

    • butred77

      ciao Ettore l’Agenzia delle entrate ha chiaramente detto che anche per le indennità di disoccupazione spetta il bonus Irpef, sempre che il reddito presunto rientri nella fascia di reddito stabilita, quindi dev’essere premura dell’interessato far pervenire all’Inps le informazioni necessarie, ad esempio consegnando il CUD del lavoro precedente. In ogni caso l’INPS ha già recepito la normativa in quanto è stata emanata una circolare a riguardo, la numero 67 del 29/05/2014 che puoi anche scaricare da questo articolo.

      Sono quasi certo che per la mole di calcoli che l’inps si trova a fare, il conteggio del bonus irpef arriverà nei prossimi mesi con gli arretrati. In ogni caso il bonus non va perso, ma chi ne ha diritto e non ne ha usufruito potrà recuperarlo con la dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo.

  • nicol

    buongiorno. vorrei capire una cosa se il mio titolare fa una proiezione dichiarando che non superero’ la soglia di 8000 euro, cosa succede se a fione anno la supero§? posso poi recuperare il bonus o no? se si occorre presentare qualche dichiaraz da parte del mio datore di lavoro? i datori d lavoro sono un po furbetti. grazie in anticipo

    • bispensiero

      potrai recuperare il bonus nella dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo.

  • Egidio da Ronche

    É possibile che nessuno spieghi se esiste un sistema UNIVOCO di come si calcola il reddito “annuo” per verificare se si ha diritto o meno al bonus degli 80 euro/mese quando siamo nel mese di maggio o di giugno e quindi un reddito presunto ?

    • bispensiero

      il reddito totale è quello della dichiarazione dei redditi per intenderci. Il reddito per il bonus è quello da lavoro dipendente o assimilato (tranne la pensione) compreso fra 8174 € e 24/26000 €

  • simone

    Primo gennaio in aspi 15 febbraio fino 15 maggio lavorato adesso ancora in aspi percepito 66 euro nella ultima busta ora che succede

    • bispensiero

      succede che in teoria dovrebbe continuare a versarti il bonus l’INPS. Ma gli devi comunicare tutti i redditi avuti nel 2014.

  • mitche

    Con un imponibile di 7.067euro e detrazioni per i figli di 1.777euro, quindi ho diritto al bonus IRPEF (credo di doverli sommare)? Per un pelo, ma ne ho diritto, giusto? Ed è corretto che, lavorando 16 ore a settimana, mi vengano dati 32euro anzichè 80? Se ho capito tutto giusto, dovrei avere diritto alla quota intera (checché se ne dica, farebbe una bella differenza x me!)

    • bispensiero

      conta il reddito lordo. Se il reddito lordo da lavoro dipendente supera gli 8147 allora hai diritto al bonus. Non c’entrano le detrazioni per familiari. Comunque a questo punto per evitare errori ti consiglio di rivolgerti ad un CAF.

  • amarilli

    buon giorno sono in CIG da aprile con anticipo della cassa da parte dell’azienda la quale dice che nn ho diritto dal bonus xche lo scorso anno 2013 il mio cud superava la cifra del tetto max. Ma io sono in cassa fino a giugno ed oltre ed il mio reddito 2014 non supererà mai la soglia .
    Domando quindi su che reddito di si deve fare il calcolo 2013 o stima 2014

    • bispensiero

      alla tua azienda devi dire che conta il reddito presunto del 2014, quindi se l’anno scorso hai superato la soglia ma quest’anno il reddito è evidentemente più basso l’azienda è tenuta a darti il bonus. Comunque potrai eventualmente recuperarlo con la dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo.

  • massimilano

    buongiorno io mi son trovato in busta paga gli 80 euro , siccome ho una partita iva (cod51190) reddito tassato alla fonte , con un reddito annuo di circa 1200 euro di lordo che dichiaro sul modello unico e sommato al lavoro dipendente non supera 24000 euro mi spetta il bonus ho è meglio chiudere partita iva ?? grazie

    • bispensiero

      ciao Massimiliano, il bonus ti spetta ma andrebbe riproporzionato. Attenzione perchè nel tuo caso devi essere tu a comunicare al datore di lavoro che pensi di superare il tetto dei 24 mila euro.

  • Davide

    Buongiorno,
    io ho un contratto a tempo indeterminato da gennaio 2014 e il mio RAL è di 27000. Ho percepito nella busta paga di maggio 78,13 €. Credo non mi spettino, a quanto dice il DL.
    La società mi ha chiesto di scrivere un documento che attesti il mio diritto di ricevere il bonus o meno.
    Cosa succede se io dichiaro di averne diritto e invece non lo avevo?? Mi verranno detratti in busta paga di gennaio 2015? O dovrò restituirli in sede di 730 a giugno 2015? Dovrò pagare una mora su quanto ricevuto senza averne diritto? E se invece dichiaro di non averne diritto (non ricevendo più il bonus in busta paga) e invece ne avevo diritto, mi verranno dati poi tutti insieme i soldi del bonus??Come funziona insomma?
    Grazie mille

    • bispensiero

      se percepirai il bonus e alla fine non ne avrai diritto dovrai restituirlo integralmente con la prossima dichiarazione dei redditi o con il conguaglio di fine anno.

      • Davide

        Grazie mille,
        e se invece dichiarassi di non averne diritto, ma invece ne avevo (per esempio, perdo il lavoro tra 1 mese e a fine anno non ho il RAL preventivato) con la dichiarazione dei redditi mi viene dato il bonus??
        grazie ancora

        • bispensiero

          stessa cosa al contrario 😉

          • Davide

            Grazie mille
            un ultima cosa, ma le fasce di cui parla il DL sono al lordo, non al netto. Giusto?

          • bispensiero

            Esatto..

  • alex

    Ciao, io avevo un cud 2013 che superava i 26000, ed in effetti non ho percepito gli 80€. Credo che il mio cud 2014 sarà nettamente più basso… li percepirò nel 2015 oppure li ho persi?

    • spartacus

      Il reddito del 2013 non ha nessuna rilevanza, conta il reddito (presunto) del 2014. Se dalla tua busta paga mensile, al netto della sola detrazione da lavoro dipendente, risulta un’imposta netta a debito superiore agli 80 €, il bonus ti spetta: Se l’imposta netta è minore di 80 € ti spetta un bonus uguale all’imposta; se infine non risulta un imposta a debito non ci sarà nessun bonus.

  • ZAPATA

    ma per chi è monoreddito con famiglia di cinque persone con redditto che non arriva a 32.000euro niente 80euro, chi e solo con reddito di poco meno 24.000euro vanno le 80euro al mese; 2 conviventi che lavorano e guadagnano appena meno di 24.00euro a testa sommando sono circa 48.000euro percepiscono 160euro in più al mese,che geni questi grandi dottori dell’economia che fanno le leggi.

    • spartacus

      Io l’ho sempre detto: un ordigno nucleare mentre sono in seduta comune e ci liberiamo di questi parassiti per sempre.

  • Antonio

    Se dovessimo solamente considerare l’aumento del reddito di 80 euro le buste paga di quegli italiani che “ancora” lavorano è positivo. Ma se gli italiani avessero meno egoismo e cinismo e avessero pensato al reddito di cittadinanza( 1000 euro circa al mese) per chi non ha nessun reddito ne dà lavoro ne da disoccupazione, sarebbe stata una cosa davvero da grande statista e da Grande italiano che vuol bene i suoi connazionali, come dovrebbe essere un Paese unito. Invece no: è solo stato uno spot elettorale (azzeccato) ma ha messo in evidenza come il popolo italiano, nella sua grande maggioranza, è un popolo senza morale; molto cinico e straffottente, ma sopratutto, cosa che fa veramente male agli italiani ( e sono milioni) onesti, vedere una Nazione che si venderebbe per un piatto di lenticchie, perdonando ai nostri mascalzoni politici, anni e anni di ruberie e crimini mettendo in ginocchio il nostro miserabile Paese. E’ proprio vero: questo Paese non conosce dignità! Diceva il Grande Albert Einstein: Quando una in una persona o in un popolo, si abbassa il senso della dignità, quel popolo non uscirà mai dalle macerie e si affiderà, come schiavo, al potente di turno.

    • ciao Antonio, purtroppo queste sono scelte politiche che noi ci troviamo sulle spalle, belle e confezionate e poco possiamo fare a riguardo, magari un giorno anche il reddito di cittadinanza verrà preso in considerazione in Italia. Spero anch’io molto presto.

  • Gregorio

    Volevo sapere come mi devo comporyare sul fatto che l inps mi ha inviato il bonus ed il datore di lavoro mi ha gia versatoiversatoil primo mese nella busta paga di maggio!!!!!

    • l’importante è che il conteggio finale del bonus non deve superare i 640 euro. Per tutelarti fai una comunicazione scritta all’azienda dicendo che hai già percepito la somma x per credito irpef dl 66/2014 dall’Inps.

      • spartacus

        Ah buono a sapersi perché mia moglie ha avuto il bonus dall’inps per il periodo dell’aspi (fino ad aprile) e poi in busta paga a maggio ha avuto 52 €. Credo sia meglio fare una comunicazione al datore.

  • giuseppe

    vorrei fare una domanda,ma se la mia ditta non me li vuole dare gli 80 euro,cosa faccio?non posso fare neanche una avvertenza che poi rimango senza lavoro,grazie

    • li potrai recuperare con la prossima dichiarazione dei redditi, almeno non farteli segnare in basta paga

  • angela

    salve mio padre di 77 anni è un pensionato inpdap con reddito annuo 13700,con imposta lorda 2300 e detrazioni per lavoro dipendente di euro 1300 mi spetta il bonus di 80 euro,e poi ho un invalidita 100 con accompagnamento

    • ciao Angela, non saprei risponderti, hai provato a chiedere ad un caf?

    • Guest

      ciao Angela, come li ha tolti da un’altra parte?

  • federica

    salve il mio datore di lavoro o meglio la commercialista li ha messi in busta paga ma al netto alla fine è sempre quello che prendo perchè li ha tolti da un’altra parte .qundi come mi dovrei comportare ?

    • bispensiero

      ciao Angela, in che senso li ha tolti da un’altra parte?

      • federica

        dai giorni non retribuiti .

  • manuela

    Salve io ho un dubbio e con me il mio consulente del lavoro, credo di essere un caso molto particolare. Ho un contratto part time per cui percepisco un reddito di 7900 euro quindi non dovrei avere il bonus, ma ho anche un reddito da fitto (non cedolare secca) di circa 500 euro per un totale di 8400.devo percepire il bonus? posso richiederlo al datore di lavoro o devo aspettare il 730? grazie

    • bispensiero

      ciao Manuela il reddito che conta è quello da lavoro dipendente, che deve rientrare nella soglia degli 8146 euro minimo proprio per aver diritto anche solo ad un euro di detrazioni da lavoro dipendente.

      Viceversa la somma dell’affitto conterebbe se il tuo reddito complessivo fosse superiore ai 24/26.000 € lordi

      • mauela

        ah che bello, il reddito del fitto valo solo a favore dello stato, io le mie belle tasse le pagherò!!!
        grazie x le delucidazioni

        • Armando

          Ciao Manuela mi ritrovo anche io nella tua identica situazione ho un contratto part time indeterminato che rimane sugli 8.000 in più anche io percepisco un affitto per circa 600€ al mese ovviamente gli 80€ non li ho visti finora e immagino non li vedrò come dici tu noi le tasse(e che tasse)le paghiamo sono anche aumentate però lo stato non ci da neanche 1€

  • leopas

    Buongiorno, ho ricevuto a maggio il bonus fiscale ma la medesima voce non compare nella busta paga di giugno. Da maggio a giugno non è cambiato nulla sotto l’aspetto contrattuale. E’ possibile che sia questo il motivo di tale mancanza ? Quando verrà trasmesso o conguagliato il mancante ?
    Grazie

    • giuseppe

      ciao per caso percepisce la 14° a giugnoin unico cedolino che si somma allo stipendio?se cosi fosse il programma esclude il bonus e’ non corretto e’…

  • leopas

    La domanda “E’ possibile che sia questo il motivo di tale mancanza ?” è relativa al fatto che nella busta paga di giugno compare anche la 14esima. Possibile che l’azienda consideri questo per non inserire il bonus ?

  • luce bianca

    Mi chiedevo come possa essere possibile che mio marito,bracciante agricolo,abbia percepito dall’Inps Euro 300,00 la prima settimana di luglio come “credito art,1 D.L. N. 66 2014”.Immagino che l’Inps abbia conteggiato il reddito presunto per tutto l’anno 2014 e poi abbia versato l’importo dovuto non da maggio a luglio ma da maggio a dicembre,voglio sperare,perche’ tre mesi ad 80 euro l’uno non fa 300.La mia domanda e’:ma poi con il conguaglio di fine anno,nel quale tutti i conteggi verranno effettuati sul reddito certo,si riprenderanno gli euro 300 piu’ tutto il resto?

    • spartacus

      L’inps attualmente sta pagando il bonus relativo al periodo gennaio/giugno; l’importo mensile non è di 80 € ma di circa 53.

      • giuseppe

        corretto poiche’ aspi sotto i 50 anni al massimo x 8 mesi la si riceve e quindio proporzionati al periodo 80 spettano a coloro che lavorano intero anno 12 mesi…

  • Davide

    Salve mi potreste dare un chiarimento sulla mia situazione? Io ho un lavoro dipendente part-time con un reddito annuo di 8400 euro sul cud 2014, in cui ho pagato 220 euro circa di irpef, ho diritto oppure no al bonus? Il mio datore di lavoro e il commercialista dello studio mi dicono di no. Quest’anno come l’anno scorso non ho pagato irpef fino a giugno, ma nella 14esima invece si (139 euro), quindi mi chiedo, dallo stipendio di luglio in poi mi verrà riconosciuto il bonus? Bastano i 139 euro di irpef pagato quest’anno (cui si dovrebbe aggiungere l’irpef della 13esima se non sbaglio) e il reddito da 8400 euro per farmi avere il bonus? Doveva essere di più l’irpef? Vi ringrazio in anticipo.

    • spartacus

      Se il reddito sarà uguale al 2013 dovresti rientrare; secondo me non ti verrà erogato nelle buste paga “normali” perché, non hai un irpef a debito ma quantomeno nel caso della busta con la14ima doveva essere erogato. In ogni caso, in sede di conguaglio, dovresti avere tutti i 640 € se il reddito, a dicembre, sarà superiore a 8150 €. In ultima analisi, se proprio l’azienda non ne vuole sapere, potrai chiedere il rimborso nella dichiarazione dei redditi.

    • giuseppe

      esatto importante che irpef annua superi detrazioni anche di 1 euro e tu rientri in pieno non essendo un incapiente

  • Tina

    Salve! Sul mio Cud leggo € 1882,61 imposta lorda – € 1826,70 detrazioni da lavoro dipendente (non c’è altro). E’ sufficiente questo dato per farmi capire se ho diritto o meno al bonus? Leggendo i vostri commenti sembrerebbe di sì. Ma il consulente del lavoro continua a dire di no anche se non ho capito il perchè. Quale potrebbe essere il motivo del suo diniego?

    • spartacus

      Il suo cud e riferito al 2013, per il bonus si prende a riferimento il reddito presunto del 2014. In teoria se questo cud fosse del 2014, ti dovrebbe permettere di ricevere il bonus ma in realtà il consulente aziendale non ha i dati utili per erogarlo, cosa che potrà fare sulla busta di fine anno, tutto in una volta. In ogni caso, se ci rientri, potresti chiederlo con la dichiarazione dei redditi che farai l’anno prossimo.

      • tina

        Grazie!! 🙂

  • isabella

    Buongiorno io percepisco l’aspi e lo scorso mese ho trovato l’accredito di 80 euro ma non questo mese . Ho contattato il call center inps ma non hanno saputo dirmi come mai…mi potrebbe spiegare perche?

  • Francesco Gigante

    Salve, ho concluso un rapporto di lavoro a tempo determinato il 30 aprile 2014 ed ho sottoscritto un nuovo contratto a tempo determinato presso altra azienda a partire dal 12 Maggio. Perchè in busta paga mi ritrovo 54€? Grazie

    • hai comunicato alla nuova azienda di aver già lavorato in precednza?

      • Francesco Gigante

        Sì.

        • ma a voce o per iscritto?

          • Francesco Gigante

            Per iscritto. Nel compilare il modulo per le detrazioni, ho allegato il PRE-CUD 2014 della precedente azienda per cui lavoravo.

            2014-09-17 10:16 GMT+02:00 Disqus :

          • allora sarà stato sicuramente un errore di calcolo, comunque puoi farlo presente al datore di lavoro, si può recuperare fino a dicembre o anche nella prossima dichiarazione dei redditi

          • Francesco Gigante

            grazie

    • fabio

      Credo che tenga in considerazione il numero di giorni occupati in azienda dal giorno dell’assunzione. In questo caso dal 12 maggio (dal valore che tu hai riportato mi pare che però ti abbiano calcolato due gg in più, come se tu fossi stato assunto il 10 maggio). Tu per 11 giorni ufficialmente non hai lavorato.
      L’articolo dice che in caso di lavoro non continuo si considerano i giorni in cui si è occupati. Parliamo di giorni trascorsi durante il periodo lavorativo e non di convenzionale giornaliero (che è normalmente pari a 25-26 gg).
      Quindi il calcolo che hanno applicato nel tuo caso è 640/245*21 gg che fa 54,85 €.

      • Francesco Gigante

        E i giorni lavorati da Gennaio ad aprile con altra azienda?

  • uqbal

    Salve, al momento della dichiarazione dei redditi nella primavera 2014 ho rinunciato al bonus, perché in quel momento avevo un reddito superiore al limite. Poi però il contratto è scaduto, mi sono fatto due mesi di disoccupazione e ora sono stato assunto a t.i. da un’altra parte (insegnante Stato) con uno stipendio che rientra nel bonus, e infatti me lo sono ritrovato in busta paga a settembre
    Ora mi chiedo: se alla fine dell’anno il mio reddito complessivo è tale che per il 2014 sono rientrato nel bonus, me lo ridaranno tutto insieme nonostante la rinuncia?
    E se invece, al contrario, il reddito è tale che non ne avevo alcun diritto, neanche per i mesi da settembre in poi, i 240 euro (sett-dic) mi verranno conguagliati?
    IN questo momento non sono in grado di capire se mi spetta o no.
    Per i due mesi di disoccupazione ho preso l’indennità, ma credo che non rientri nel computo, vero?

    • Ciao, i redditi da considerare sono quelli complessivi e quindi anche quelli dell’indennità di disoccupazione. Vista la tua situazione, se proprio non riesci a fare una proiezione esatta del tuo reddito complessivo lordo e quindi non sai se nel 2014 il tuo reddito non supererà i 24.000 euro lordi, a meno che tu non fornisca tutti i dati esatti all’ultimo datore di lavoro, potrai fare il conguaglio nel 730 dell’anno prossimo e chiedere anche l’eventuale differenza che ti spetta.

      • uqbal

        davvero molte grazie!

  • Mario

    Buonasera, mi permetto di scrivere perché ho una situazione per me un po’ complicata. Durante l’anno in corso, 2014, sto intrattenendo due rapporti di lavoro, entrambi part time (uno a tempo determinato e l’altro no). E’ opportuno che i due datori di lavoro non vengano a conoscenza l’uno dell’altro, per motivi che non credo siano utili in questa sede. Il primo rapporto, a tempo indeterminato, ha occupato i mesi da gennaio a giugno e ha generato un lordo di circa 11.000 euro (durante il periodo in questione l’impegno lavorativo è stato del 100% dell’orario contrattuale). Il secondo rapporto, a tempo determinato, è anch’esso durato da gennaio a giugno, riprenderà a ottobre c.a. si interromperà lungo il 2015; il reddito previsionale generato è all’incirca di 12.000 euro (durante il periodo in questione l’impegno lavorativo è stato del 60% dell’orario contrattuale). Il totale dei due redditi è quindi sotto i 24.000 euro lordi. Ho percepito il bonus per i mesi di maggio e giugno da entrambi i datori di lavoro. E ora lo percepirò da ottobre solo con uno dei due (quello a tempo determinato). Come posso comportarmi per raccapezzarmi e comprendere se rinunciarvi ora o meno? Vi ringrazio per la vostra cortesia.

  • marianna

    Buonasera, sono stata licenziata da qualche giorno e nell’ultima busta paga ho trovato la voce “recupero bonus DL 66/2014” nelle detrazioni.. può il datore di lavoro riprendersi il bonus erogato in precedenza? Vi ringrazio anticipatamente per la risposta! buona serata!

    • spartacus

      Si, lo può fare. In fase di conguaglio, per i rapporti cessati in corso d’anno, ricalcolano il tuo reddito. Se non superi il minimo di 8 mila € il bonus dovrà essere trattenuto nell’ultima busta paga. Ovviamente, se nel proseguo dell’anno, avrai modo di rioccuparti e superare il minimo di 8 mila, potrai chiedere il bonus con la dichiarazione dei redditi che farai nel 2015.

  • Marco

    Buonasera, ho lavorato fino al mese di Agosto con contratto a Progetto e il Bonus mi è stato erogato senza problemi. Ora la stessa società mi ha assunto con contratto di Apprendistato ma nel mese di Settembre non mi sono più ritrovato il Bonus !!! Ho provato a chiamare il commercialista e mi ha riferito che sono errori del programma di gestione … e che probabilmente li metteranno più avanti! Come è possibile ? Secondo voi c’è qualche problema ???

    • spartacus

      Credo che abbia ragione il commercialista, nel senso che in fase di elaborazione della busta paga, non ha immesso i dati del tuo precedente rapporto. Quindi per il programma non avevi i requisiti reddituali, nel senso che nei 4 mesi che lavorerai non superi gli 8 mila €uro, per avere il bonus. Con la prossima busta riceverai il bonus maturato.

  • Laura

    Perché con un imponibile Irpef di 9125 euro non mi accreditato il bonus da 80 euro?

    • spartacus

      Quei 9125 a quale anno si riferiscono? Se sono del 2013 non hanno nessun valore; se sono del 2014 dovevano darti il bonus ma hai sempre la possibilità di richiederli con la dichiarazione dei redditi.

  • Mirko Falconi

    Salve, lavoro per un’azienda dal 2011, il cud 2014 segna circa 7000 euro perche in quell anno sono stato in cassa integrazione in deroga 6 mesi prendendo piu di 1600euro da essa non conteggiati nel cud 2014 a quanto pare, (quest anno per fortuna superero sicuramente le 8000) posso fare richiesta per le 80euro per il 2014 ? Se si che prassi devo adottare per la richiesta?

    • spartacus

      Il reddito del cud 2014 (percepiti nel 2013) non ha nessun effetto sul bonus che viene erogato sul reddito presunto del 2014. Per percepirlo non devi fare nessuna richiesta, avviene in automatico.L’addetto alle paghe sa bene se ne hai diritto o meno, quindi per l’azienda non ci sono p requisiti, per ora, di erogarlo. Uso il termine per ora perché potrebbe essere che tu ne abbia diritto e a fine anno te lo mettono tutto in una volta in busta. Al limite, potrai richiederlo con la dichiarazione dei redditi che farai nel 2015,

      • Mirko Falconi

        Ma quindi se ho capito bene, il fatto di avere diritto o meno in questi mesi delle 80euro si basa sul fatto di raggiungere la soglia di 8000 per fine dicembre2014?
        Al caff mi hanno detto che non ne ho diritto per via del cud 2014 basso… sinceramente non so a chi rivolgermi se non hanno ben chiaro il meccanismo neanche loro

        • spartacus

          Hai capito benissimo. Riguardo a quello che ha detto il caf, non commento nemmeno.

          • Mirko Falconi

            Ottimo grazie delle informazioni, ormai non ci si puo fidare neanche dei professionisti..
            un ultimo dubbio, per richiedere la cifra delle 80euro 2014 quali opzioni ho a questo punto?

  • Marco

    Salve, ho iniziato un lavoro a progetto il 1. settembre 2014. Il valore del contratto è di 12000 euro netti. Nel contratto c’è scritto che saranno erogati come stipendi mensili di 1000 euro netti. Adesso mi sono trovato in busta 1000 euro anche se ho anche la voce del bonus di 52 euro. In pratica il datore di lavoro mi ha diminuito lo stipendio lordo mensile in modo da pagarmi comunque 1000 euro netti. ha ragione lui o dovrebbero essere 50 euro in più? Grazie mille

    • butred77

      in teoria i contratti si fanno sul lordo, non sul netto… ma se avete stabilito un’importo netto credo che si possa giustificare il tuo datore di lavoro, in quanto avete stabilito a priori che tu percepirai quella cifra esatta, quindi in teoria un aggravio di imposta graverebbe solo sul datore di lavoro

  • DANIELE

    Salve ho lavorato con una cooperativa a contratto determinato per 6 mesi, dal 19 maggio 2014 al 09 luglio 2014 con uno stipendio di circa 1,100 al mese senza ass. fam. per il mese di maggio non ho preso niente di bonus per il mese di giugno ho preso 68,53 ,per il mese di luglio 9 giorni ho preso 60,54 come e stato calcolato il bonus? Poi dal 10 luglio 2014 fino al 19 settembrie mi hanno cambiato il nome della cooperativa, ma di bonus non ho preso niente ne di mese luglio ,agosto e settembrie che poi il contratto non mi lano rinovato. Come funziona? grazie

    • butred77

      guarda secondo me quando ci sono situazioni così ingarbugliate è bene rimandare il calcolo esatto del bonus in fase di conguaglio a dicembre oppure alla prossima dichiarazione dei redditi.

  • Giacomo

    Buongiorno, io sono dipendente partime, anche se di poco ritengo di superare per il 2014 il reddito minimo di 8000,00 euro, ma il mio datore di lavoro mi dice che non mi spettano gli 80,00 euro in quanto in busta paga ho irpef uguale a zero. Premetto anche che nel mese di luglio ho avuto irpef pagata per euro 1,81 e mi sono trovato gli 80,00 in busta paga…. Come mi devo comportare!!!!!!

    • butred77

      ciao Giacomo, come detto ad altri potresti avere il bonus in fase di conguaglio a dicembre, oppure anche in dichiarazione dei redditi l’anno prossimo. Comunque al tuo datore di lavoro non costerebbe nulla pagartelo visto lui i soldi li riprende dalle tasse

  • Marco

    Salve io ho un contratto che è terminato a Giugno 2014 e uno nuovo con inizio settembre 2014(presso la stesaa coop), se alla fine dell anno percepissi piu di 8000 euro mi spetterebbe il bonus dei mesi arrettrati?

    • butred77

      si, potresti averlo in fase di conguaglio a dicembre, oppure anche in dichiarazione dei redditi l’anno prossimo.

  • luigi

    caso 1 ) la mia situazione :
    mono reddito di 29000 euro
    moglie e due figli a carico
    caso 2) situazione di una coppia di amici
    reddito marito 34000 euro
    reddito moglie poco piu di 24000 euro
    due figli a carico
    Risultato: nella famiglia del caso 1 rediito complessivo 29000 con moglie e due figli a carico
    non spetta il bonus fiscale
    nella famiglia del caso 2 reddito complessivo 58000 euro con due filgi a carico
    spetta il bonus fiscale
    VERGOGNA

    • spartacus

      Caso 3) reddito del marito 24 mila, reddito della moglie 24 mila nessun figlio a carico; spettano due bonus. Caso 4) marito con 8 mila € di reddito, moglie e 4 figli a carico, non spetta il bonus. Vergognoso e dire poco. Premio Nobel all’imbecillità ai nostri politici.

  • Alfredo

    Ciao, io ho contratto a progetto, guadagno 6000 euro l’anno, il mio datore di lavoro mi ha detto che per farmi ottenere il bonus degli 80 euro è disposto a darmi 2100 di bonus, in modo tale da arrivare ai famosi 8000 euro. Però mi chiedevo, esiste qualche voce in busta paga con contratto a progetto che non che non rientri nella diaria esente?
    Grazie preventivamente

  • Mark

    Salve io ho un contratto part time come dipendente tempo indeterminato con reddito di circa 10000 euro e percepisco il bonus 80 euro. Poi svolgo attività professionale con partita Iva. Volevo chiedere se il fatto che abbia anche la partita iva mi fa venir meno il diritto al bonus e inoltre nel caso no, se il reddito da partita iva deve essere sommato a quello dipendente per il tetto dei 24000 euro

    • spartacus

      Si, va sommato. Se superi i 24 mila dovrai restituire qualcosa. Se superi i 26 mila, il bonus va restituito tutto.

  • Mr Durden

    Buongiorno,
    sono stato assunto a settembre con contratto a tempo determinato e la somma delle 4 mensilità non raggiunge il minimo degli 8.000 € e quindi il bonus non mi spetta? Neanche se con tredicesima e altri emolumenti dovessi raggiungerlo?

    • spartacus

      Se nella busta paga a conguaglio di dicembre si dovesse raggiungere gli 8 mila € ti dovrebbero mettere il bonus relativo al solo periodo di lavoro.

  • titty

    Ciao volevo capire il mio caso perché nessuno riesce a farmelo capire…io da marzo o un contratto determinato cioè fino a dicembre però sul contratto c’è scritto otd, però io da maggio ricevevo in busta 20 € avvolte 30 ma mai 80 euro..e nel ultima busta paga che o ricevuto mi sono stati detratti 156 euro..cioè facendo la somma sono quelli che avevo accumulato da maggio a settembre..ma il punto e: mi spetta o non mi spetta ? Ce chi dice che dipende dal
    le giornate che faccio cioè avvolte 5 avvolte 4 10 dipende..però perché me lo anno detratto tutto?

  • Piero E.

    Salve, volevo sapere se l’anticipo da me chiesto per cure odontoiatriche incide sul reddito del Cud, io prendo 22.000 € ne ho chiesti 5.000, quindi passo i 26.000
    devo restituire gli 80 € mensili che prendo?
    grazie Piero

    • spartacus

      Se l’anticipo riguarda il tfr, non va conteggiato nel reddito annuo.

      • Piero E.

        Grazie mille Spartacus

  • Elena

    Salve, sono una dependente part time a tempo indeterminato, dal giugno 2014 al ottobre 2014 sono stata in maternità facoltativa e ho percepito il bonus di 80 euro, dopo, la mia ditta mi ha fatto restituire per questi mesi il bonus ricevuto, perché mi ha detto che non ho diritto ha riceverli. E così o non è così? Grazie

    • spartacus

      Può darsi che sia così, nessuno ti può dire con certezza se il bonus poteva esserti erogato o meno senza avere altri elementi sul tuo reddito presunto. Non capisco perché te li abbia chiesti indietro adesso e non a dicembre/gennaio, con i classici conguagli di fine anno, ameno che non ti abbia licenziata. Spero che la tua azienda, nel riprenderli indietro lo abbia fatto attraverso la busta paga e non chiedendoteli in contanti, altrimenti sarebbe un furto.

  • Emanuela

    Salve, io sono stata assunta a partime il 3 giugno 20014 ricevo anche io il bonus di Renzi solo che non sono 80,00 euro ma 54,00 euro. La mia curiosità è di capire come mai questo importo. Grazie

  • Max

    Ciao, ho un reddito presunto di 22321€ moglie e figli a carico. Quindi mediamente al mese ho 70€ di assegno famigliare + 118 detrazione per famigliari a carico. (che credo vadano a finire nel conteggio totale dei 22320€) Giusto? Ho eseguito nell’anno una prestazione professionale per altri 3000€. Al momento in busta paga ricevo sempre gli 80€.
    Facendo le somme supererei i 25000 di soglia, e quindi mi verrebbe riconosciuto il bonus in forma ridotta. Nell’articolo mi sembra di aver letto che non influiscono nel totale di soglia, le detrazioni per famigliari a carico. Potreste aiutarmi a capire se rientrerei all’interno della soglia piena o no?

    • spartacus

      Non è chiaro quando dici reddito presunto e poi sulle detrazioni che vanno nel conteggio finale. Ricordo che il reddito e quello imponibile ai fini irpef, quindi al lordo delle detrazioni (gli anf non vanno messi nell’imponibile)

  • greta

    Buongiorno domandina in maternità facoltativa spetta il bonus?

  • Fabrizio

    Salve, io ho un contratto a progetto da gennaio 2014 ed è ancora in corso. Inizialmente percepivo uno stipendio netto di circa 500 euro al mese. Da maggio ad agosto non ho percepito nessun bonus. Da agosto però, grazie all’aumento delle ore lavorative e di una paga più elevata, ho cominciato a percepire circa 1000 euro al mese, e finalmente a settembre, per la prima volta, ho percepito il bonus di 90 euro. Ho percepito il bonus anche ad ottobre, novembre, e anche adesso a dicembre. Adesso mi chiedo, e vi chiedo: avendo superato abbondantemente la soglia degli 8000 euro annui in questo 2014, mi spetta ricevere anche il mancato bonus di maggio, giugno, luglio e agosto, oppure no? Ho letto che chi lo ha ricevuto non avendo i requisiti deve restituirlo, quindi vale la stessa cosa per chi a fine anno raggiunge gli 8000 euro e non ha ricevuto l’intero bonus di 640 euro? E se dovessi ricevere il resto del bonus, quando dovrei riceverlo? Nello stipendio preso a Dicembre, relativo al rapporto di lavoro di novembre, ho ricevuto solo i soliti 90 euro. Grazie in anticipo per la vostra eventuale risposta…

  • Alessandro

    Salve, sono un dipendente pert- time a tempo indeterminato e volevo chiedere se nel reddito complessivo vanno inclusi anche gli assegni familiari…..ho ricevuto solo la prima mensilità del bonus di Renzi poi mi è stato sospeso dicendomi che forse il mio reddito non era capiente per avere diritto al bonus e che qualora, a fine anno, avessi raggiunto un reddito capiente mi sarebbe stato conguagliato.
    Grazie per la vostra attenzione

  • spartacus

    Il ragionamento dell’azienda è giusto; non essendoci la sicurezza che rientri nel bonus è preferibile vedere a fine anno. Gli anf non sono imponibili all’irpef quindi non vengono conteggiati come reddito.

  • pietro

    Salve,volevo sapere quando prenderò il bonus di 80 euro, visto che per adesso il bonus che mi calcolano è di 53 euro da giugno 2014 ed a dicembre invece mi è stato calcolato 42 euro…
    Grazie

  • carlo

    non ho ricevuto il bonus perche’ mi trovavo al limite degli 8174 euro. A quanto ho capito dovrei ricevere il bonus per intero (640 euro) a conguaglio, visto che arriverò a 8401 euro lordi. Grazie per l’eventuale risposta

  • annalaura

    salve volevo sapere se gli 80 euro percepiti nell’anno precedente verranno detratti o meno

  • Paolo

    Salve, volevo sapere se il “reddito presunto annuo” evincibile in busta paga sia netto o lordo? La domanda è scaturita dal fatto che il mio, di fatto, superi di poco i famosi 8mila (circa) lordi. Però, se questo redd. pres. annuo fosse netto, signidicherebbe che il lordo sia maggiore e di conseguenza superei largamente gli 8mila.

    Attendo Vostre,

    saluti

    • spartacus

      Il reddito che conta ai fini del bonus è quello imponibile all’irpef; per meglio specificare, sulla busta paga trovi il lordo a cui tolgono i contributi inps di tua spettanza e il risultato di questa sottrazione equivale all’imponibile irpef. Nelle buste paga trovi anche l’imponibile annuo aggiornato al mese in cui si riferisce la busta; in quella di dicembre trovi il totale annuo.

  • diego

    Buongiorno,
    avrei bisogno di un informazione.Io ho sempre percepito il bonus degli 80 euro.Solo questo mese non ho percepito gli 80 euro perchè avendo fatto delle trasferte lo stipendio era di 1630 euro anzichè i soliti 1300.E’ corretto?

    • no, non è corretto in quanto il bonus non è calcolato su base mensile ma annuale.

  • michele

    buongiorno avrei bisogno di un’informazione…sono in indennità di disoccupazione aspi dal 21/11/2014…questa mattina sul sito inps ho visto il pagamento di 79 euro del bonus di renzi..la domanda che mi chiedo è com’è possibile che dopo 3 mesi di disoccupazione mi hanno soltanto acccreditato 79 euro di bonus? facendo un confronto con un mio amico che sta in disoccupazione dal 08/11 ha preso 335 euro i miei 79 mi sembrano pochi…qualcuno mi sa spiegare che calcoli fanno?

    • spartacus

      Direi che il calcolo è giusto; ti hanno pagato quello che dovevano, fino al 31/12 visto che è poco più di un mese che prendevi l’indennità. Credo che il problema sia per il tuo amico che ha avuto più del solito. Non conoscendo i trascorsi lavorativi durante il 2014 non si può dare una risposta precisa, non vorrei che al tuo amico venga chiesto indietro qualcosa.

    • probabilmente ti hanno accreditato solo il bonus di dicembre 2014.

  • ionela

    Buongiorno lavoro come badante vorrei sapere quando potro fare la dichiarazione dei reditti per recuperare il bonus irpef

    • spartacus

      Puoi rivolgerti già da adesso al tuo consulente di fiducia, ma anche al caf/patronato. Ti diranno loro quando, comunque dal prossimo mese e fino ai primi di luglio si può presentare il 730.

  • luigi

    Buongiorno, sono un lavoratore socialmente utile, vorrei sapere se ho diritto al bonus avendo un assegno dall’ inps per l’intero anno ( cud di circa 7000 € )ed una retribuzione integrativa dell’ente regione, per otto mesi all’anno ( cud di circa 1000 € ).
    Il calcolo del reddito per il superamento di 8174 € è la somma del cud inps più il cud regionale relativo agli otto mesi effettivi o all’intero anno solare, perchè se considero gli otto mesi non supero la soglia minima mentre viceversa li supero se considero l’intero anno solare

  • giuseppe ferrandes

    Salve, avrei bisogno di una consulenza; ho un lavoro a tempo determinato “agricolo” , nel 2014 con 102 giornate ho avuto un netto in busta di € 6700, in più nel mese di giugno “avendo fatto ad inizio anno la richiesta di indennità di disoccupazione agricola per l’anno precedente” ho percepito poco più di € 3000 (con 151 giornate di lavoro nel 2013) , credo di aver superato la soglia di € 8145 , infatti, nelle buste a partire da maggio a novembre è stato calcolato, ma nel mese di dicembre tutto cambia (detrazione di tutto il bonus). L’azienda dove lavoro mi dice che non posso usufruire del bonus……….. ma non sa spiegarmi il perché…….. Ho letto su alcuni siti web che l’indennità di disoccupazione è cumulabile al reddito, è così? Grazie in anticipo.

  • petra

    ciao sono una badante in regula ho in busta paga 800eal mese pero quelli 80e di la legge renzi non li ricevo in busta paga come posso fare

    • spartacus

      I datori di lavoro delle badanti non fanno i sostituti d’imposta e quindi non erogano il bonus. Dovrai chiederli con la dichiarazione dei redditi.

  • flame

    Buongiorno, avrei una domanda da fare. Io ho da gennaio due lavori a tempo indeterminato entrambi part time a 15 ore. Se quindi sommo i due lavori ho un reddito tale da richiedere il bonus, ma posso comunque farlo avendo due attività lavorative? Lo devo, inoltre, richiedere ad uno solo dei due datori di lavoro? Grazie

    • spartacus

      Il bonus non si richiede, sarà il datorea metterlo in busta automaticamente, nel momento in cui ne avrai diritto. Nessuno dei due datori ti può dare il bonus perché singolarmente non ti riconoscono il diritto, visto l’esiguità del reddito. Sommando i due lavori potrai richiedere il bonus nella dichiarazione.

  • Luca

    Buongiorno e congratulazioni per la chiarezza dell’articolo.
    Il mio quesito sarebbe il seguente: ho un reddito di circa 27.000 euro, ma sto pagando il riscatto per la laurea (circa 3.000 versati nel 2014 che indico al rigo E21) arrivando ai fatidici 24mila come imponibile…
    Il datore di lavoro ovviamente non mi ha riconosciuto il bonus, ma ho diritto a recuperarlo nel 730? Cercando in giro la cosa non è chiara…ai fini del bonus è rilevante il reddito complessivo indicato nella CU oppure quello imponibile?
    Grazie mille 🙂

    PS: il 730 precompilato non sembra riconoscermi il bonus…

    • spartacus

      Il reddito da considerare è quello lordo al netto della sola casa adibita ad abitazione principale. Sembra chiaro che non sono riconosciute ne deduzioni ne detrazioni, di conseguenza credo che non rientri nel bonus.

      • Luca

        Grazie per il riscontro, Spartacus!
        Dunque visto che non ho altri redditi e altre voci da scaricare (oltre al riscatto) penso che confermerò il precompilato 🙂

      • luca

        Scusate x i disoccupati agricoli il bonus come funziona vera pagato in busta o tramite disoccupazione

        • spartacus

          Per i giorni indennizzati dall’inps sarà la stessa inps ad erogarti il bonus con un pagamento ad hoc.

  • Ihansama77

    Buongiorno, io sono in congedo parentale da marzo 2015 che terminerà solo a fine settembre. Il bonus degli 80 euro è comparso solo dalla busta paga di maggio. Pare fare fede il reddito imponibile che viene aggiornato ogni mese in busta. È il corretto? O viene ricalcolato poi a fine anno con il reddito reale e riconosciuto il resto nella busta di dicembre 2015? Perché nel 2015 al netto di tutto io avrò un reddito più basso di 24k, quindi credo mi spetti tutti i mesi.

    Grazie,
    Roberta

    • spartacus

      Continueranno a darti il bonus mensilmente; nella busta paga di dicembre faranno il conguaglio e se nei mesi precedenti non ti hanno erogato il bonus ti verrà dato in questa busta. Se hai lavorato, o sei stata sotto contratto per 365 giorni in totale devi avere 960 €, sempre se superi la soglia minima gli 8150 € di imponibile fiscale.

  • Valeria D’Alessandro

    Salve,io ho un contratto di apprendistato professionalizzante part-time settore commercio,6° livello.Volevo sapere ma a me spetta il bonus di 80 euro???Grazie mille

    • spartacus

      Spetta anche agli apprendisti se si rientra nei limiti reddituali.

  • Gianluca

    Buongiorno a tutti,
    ho effettuato la rinuncia del bonus di 80€ in quanto solitamente, a causa degli straordinari sforo il tetto dei 26.000€ annui, ma nel caso in cui quest’anno sono sotto i 26000 e avendo fatta la rinuncia, in fase di conguaglio a fine anno mi verrà data la parte spettante dei 640€?

    • spartacus

      Avendo chiesto la rinuncia, l’azienda non potrà metterti il bonus. Potrai comunque recuperare quanto ti spetta nella dichiarazione dei redditi.

  • Marco

    Il mio datore mi dire che mi arriverà un conguaglio a dicembre se è così usciranno sulla busta paga ???oppure mi ha detto una Cavolata???

    • spartacus

      Dovrebbe essere la tua azienda a darteli, dico dovrebbe perchè nel tuo caso non c’è una norma che obbliga il datore a dare gli arretrati ma siccome a lui non costa nulla potrebbe anche metterli nella busta paga di dicembre. In caso contrario sarai tu a chiederli in dichiarazione che farai nel 2016.

      • Marco

        Grazie spartacus.Come devo fare questa dichiarazione se lui non me li da???

        • spartacus

          Intendevo una dichiarazione dei redditi: puoi fare il 730 e chiederli direttamente al tuo datore (se nel 2016 non lavori puoi chiederli direttamente allo stato oppure all’inps se sei sotto indennità di disoccupazione); puoi anche fare l’Unico ma il rimborso ti arriverà nel 2017. In ogni caso, per la dichiarazione dei redditi ti dovrai rivolgere al consulente oppure al caf/patronato che saprà dirti quale sia l’opzione giusta per te.

  • Lino

    Ciao spartacus pure io come Marco ho lo stesso problema e ti volevo chiedere se a dicembre mi arrivano gli arretrati degli 80 euro di Renzi mi deve arrivare un conguaglio oppure devo fare io qualche richiesta???poi un altra cosa,per quanto riguarda gli assegni a nucleo familiare se sono stato messo in regola il 17 del mese non mi spettano??? Esempio sono stato messo in regola il 17 aprile il mese di aprile l’assegno anf non mi spetta???grazie

    • spartacus

      Sarebbe giusto che ne parli con il tuo datore, di regola, per ricevere il bonus non devi fare richieste ma, una volta raggiunto il requisito minimo, sarà l’azienda o il software paghe che te lo mette in busta paga. Anche se sei stato assunto il 17, hai diritto all’anf; ovviamente devi farne richiesta.

      • Lino

        e in che modo ti arriva il conquaglio che mi ha detto lui???

        • spartacus

          Sarà erogato in busta paga sotto una voce distinta tipo: legge ecct.. bonus.

        • spartacus

          Sarà erogato in busta paga sotto una voce distinta tipo: legge ecct.. bonus.

          • Lino

            grazie!!!ti volevo chiedere ancora una cosa…a dicembre mi arriverà una busta paga a parte per quanto riguarda la tredicesima???

          • spartacus

            Non c’è una legislazione precisa al riguardo ma va tutto a discrezione dell’azienda.

  • pno

    se ho richiesto l anticipo del tfr x spese mediche questo va sommato al calcolo del reddito x il raggiungimento delle 80 euro o non vanno calcolate?

    • spartacus

      No, si tratta di redditi soggetti a tassazione separata che non sono imponibili ai fini del bonus.

  • Daniela

    Buonasera a tutti. Vi chiedo una perplessità: sono una lavoratrice inquadrata con contratto a progetto(cocopro), nel 2015 ho avuto 3 redditi tra cui 2 cocopro, tutti mi hanno erogato gli 80 euro mensili ma i due committenti dei cocopro me li hanno chiesti indietro seppure io superi gli 8000 euro annui e tutti mi dicono che non sanno perchè e se ne ho diritto col 730 li recupero…ma perchè continuano a togliermeli?? grazie!!

    • spartacus

      Ogni datore di lavoro fa i calcoli rispettando il reddito da loro erogato, come tra l’altro avrebbe dovuto fare il terzo datore. Lo sbaglio semmai è stato erogarti il bonus per poi richiederlo indietro in fase di conguaglio. Potrai benissimo chiedere il bonus spettante con la dichiarazione dei redditi.

  • Lucy

    Buonasera lavoro con contratto a progetto con pagamento orario, la retribuzione mensile varia sempre a seconda delle ore lavorate, a volte ho l,’IRPEF a debito e mi mettono il bonus Renzi in busta paga e altre volte no. Io non ho firmato alcuna rinuncia, però è capitato che mi mettessero il bonus e me lo togliessero subito nella stessa busta paga. Questo riferito al 2015. Nel 2016 dovrei lavorare qualche ora in più perciò prenderei tutti i mesi il bonus,ma probabilmente a giugno finirò, ancora non è sicuro e non so se sia meglio rinunciare al bonus pensando al peggio o accettarlo sperando di lavorare per la stessa azienda. Se lo dovessi accettare e finisco a giugno, faranno il conguaglio? O dovrò chiederlo al datore di lavoro successivo se ci sarà? E se non dovessi percepire altri redditi nel 2016 e di conseguenza non raggiungessi gli 8000€ come li restituisco? Grazie.

    • spartacus

      Ti consiglierei di rinunciare al bonus. Possibili scenari: a fine giugno, non avendo superato il limite minimo lo dovrai restituire; In alternativa non ti faranno il conguaglio ma se non avrai un altro lavoro dovrai restituirlo con la dichiarazione che farai nel 2017. Se poi riuscirai a superare la soglia minima nel 2016 e non avrai avuto il bonus per effetto della tua rinuncia potrai sempre richiederlo con una dichiarazione nel 2017

      • lucy

        La ringrazio per la risposta, seguirò il suo consiglio. Buona giornata.

      • Lucy

        Buonasera,altra possibile situazione aziendale, se dopo giugno continuerò con contratto a progetto mensile e le mie ore verranno diminuite e di conseguenza non percepirò più il bonus renzi, continuando però a lavorare per la stessa azienda, saranno loro a fare il conguaglio o dovrò fare la dichiarazione dei redditi nel 2017? E se faranno loro il conguaglio,lo faranno a dicembre o non appena avrò l’ irpef a credito? Grazie per le risposte, e scusi per la mia situazione lavorativa contorta fatta di speranze e molte volte purtroppo di illusioni

        • spartacus

          Secondo me potrebbero darti il bonus non appena raggiungerai i requisiti minimi, almeno quello che ti spetterà mensilmente. Poi potrebbe anche essere che a dicembre ti facciano il conguaglio. Se non lo fanno dovrai fare la dichiarazione.

  • mary

    Buongiorno, lavoro in un call center con contratto a progetto mensile, durante il 2015 ho avuto 12 contratti a progetto per un totale di 360 giorni di detrazioni, l’ imponibile fiscale progressivo nella busta paga di dicembre è di 7505,97€ e le detrazioni per lavoro dipendente progressive sono di 1726,37€. Nel comune in cui risiedo, Stimigliano prov. Rieti,c’ è l’ esenzione dal pagamento di addizionali comunali fino a 7500€. La mia domanda è: se ho l’ irpef a credito devo pagare comunque le addizionali conunali e regionali? In busta paga la voce addizionali comunali non viene menzionata, accanto alla voce addizionali regionali non c’ è nessun importo. La ringrazio. Buona giornata.

    • spartacus

      Le addizionali sono dovute nel momento in cui ci sia un irpef netta anche di un e. La tua imposta lorda è di € 1726; le detrazioni sono di più anche se convenzionalmente sulla busta paga di fine anno mettono un importo pari all’imposta lorda. Di conseguenza l’imposta netta sarà zero e quindi non sono dovute addizionali regionali ne comunali.

      • Mary

        La ringrazio per la risposta. Le detrazioni per 360 giorni sono 1854€, quelle in busta paga 1726€, la differenza la posso recuperare con il 730? Grazie.

        • spartacus

          Si recupera solo se ci sono state trattenute irpef. Se nel corso dell’anno ti è stata trattenuta l’irpef e nella busta di dicembre non hanno fatto il conguaglio puoi recuperare quanto pagato. Guarda la busta di fine anno e vedi se ci sono trattenute irpef.

          • mary

            Grazie, gentilissimo e molto esaustivo. Buona giornata.

  • Vanessa

    Salve, io ho due part time uno cn una cooperativa che nonostante sia 20 ore settimanali a tempo indeterminato, faccio al max 12 a settimana e un altro a 16 ore settimanali a tempo determinato cn un’azienda, il cui datore di lavrò decIde cOme fare le buse paghe al consulente del lavoro. La cooperativa nn mi riconosce né le ferie e né i permessi, inoltre ho detto che rinuncio al bonus in quanto nn ne ho diritto, avendo un reddito inferiore a € 8.000,00 ma mi ha detto che deve riconoscerlo per forza. Ma io nn lo voglio ed evitare il conguaglio o eventuale recupero da parte del fisco in sede di 730. Come posso fare? nn ho soldi per pagare un avvocato e inoltre potrei rischiare il licenziamento.

    • spartacus

      Tipico di quei datori parassiti che approfittano di questi sotterfugi per fregare soldi allo stato e al dipendente. In questi casi io tenderei ad ammazzare il datore ma non si può fare. Prova a fare una raccomandata alla tua azienda reiterando la tua posizionenel non avere diritto al bonus. Però poi non so quanto convenga mettersi contro l’azienda. Certo che in italia siamo campioni del mondo nel fare queste leggi assurde.

  • Fabio

    buongiorno . E’ il secondo anno che sono in mobilita e il bonus mi è stato levato , ora percepisco 540 euro al mese e (causa la riduzione del 20% del secondo anno di mobilità) e non supero gli 8000 euro l’anno. E’ giusto che mi abbiano levato il bonus anche se sono in mobilita?. in attesa di qualche risposta vi porgo i miei cordiali saluti.

    • spartacus

      Giustissimo anche perchè se te lo danno poi dovrai restituirlo.

  • Laura Martin

    Buongiorno,
    Io sono al momento in maternità facoltativa. Ho ricevuto la busta paga e non compaiono gli 80 euro che fino ad ora ho sempre ricevuto in quanto il mio reddito non supera la soglia. È corretto che durante la maternità facoltativa il bonus non venga erogato?
    Grazie mille
    Lauta

  • _Romanov_

    Buongiorno ho qualche domanda per voi, sperando in qualche delucidazione. Innanzitutto il reddito lordo devo calcolarlo con o senza le ritenute sociali? Secondariamente qual’è il periodo da prendere in considerazione per calcolare il reddito annuale lordo. Senza le ritenute sociali, avrei un reddito “lordo” di 650 che moltiplicato per 12 fa 7800. Con una tredicesima di 400 euro arrivo a 8200, dunque mi spetterebbe giusto?

  • Aldo

    Salve, avevo una domada, avendo battagliato con il raggionere dell azienda riguardo al bonus Renzi, il raggionere d’azienda mi diceva che il bonus di 80€ non va come “premio” ma e comreso nella busta, “mio reddito complessivo famigliare 20,202” €, spiego: allora se io ho fatto ES. 168 ore Lav. e il totale delle ore corrisponde 1200€ il bonus e comreso nelle 1200€ quindi io con o senza il bonus di 80€ prendo sempre 1200€, io li dicevo che se io devo prendere 1200€ per le ore che ho fatto a queste va aggiunto poi il bonus quindi 1280€, Grazie in anticipo

  • adele

    buona sera, vorrei sapere se fosse possibile percepire il bonus in un unica soluzione a fine anno o è obbligatorio averlo a rate in busta paga. grazie