Bonus Irpef 80 euro, riconoscimento e pagamento dall'Inps

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Istruzioni Inps sul riconoscimento e pagamento del Bonus Irpef di 80 euro da parte dell'Inps nei confronti dei disoccupati e dei pensionati aventi diritto

Con messaggio numero 5661 del 27 giugno l’Inps ha fornito ulteriori indicazioni operative, sia al cittadino che alle sedi periferiche circa il bonus Irpef di 80 euro, di cui all’art. 1 decreto legge 24 aprile 2014, n. 66. “riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati”.

Facendo seguito alla Circolare numero 67 dello scorso 29 maggio l’Inps quindi fa il punto della situazione, indicando come viene calcolato il bonus irpef di 80 euro e quando sarà pagato agli aventi diritto.

Leggi anche: Bonus Irpef di 80 euro: come si applica

A chi spetta il Bonus Irpef di 80 euro

Come previsto dalla norma, il credito di imposta deve essere riconosciuto in via automatica dal sostituto di imposta senza bisogno di una richiesta esplicita. Quindi la stessa regola vale anche per l’Inps relativamente alle prestazioni di disoccupazione quali ASpi e mini-ASpi, mobilità indennizzata, maternità, alcuni pensionati aventi diritto ecc.

Restano escluse alcune tipologie di prestazioni a sostegno del reddito di seguito indicate:

  • Le prestazioni a sostegno del reddito soggette a tassazione separata di cui all’art. 17 del T.U.I.R.:
    • TFR Fondo di garanzia di cui all’art. 2 della legge n. 297/1982;
    • TFR esattoriali di cui alla legge n. 377/1958;
    • Una Tantum co.co.pro di cui all’art. 2 commi 51 e ss. della legge n. 92/2012;
    • Pagamenti arretrati delle prestazioni di cui al paragrafo 4.1 se rientrano nel regime fiscale di cui all’art. 17 del T.U.I.R.
  • Pagamenti anticipati delle indennità in unica soluzione. Vi sono alcune ipotesi in cui in base alla normativa vigente è previsto il pagamento anticipato dell’indennità al fine di incentivare l’avvio di un’attività di lavoro autonomo dell’assicurato. Rientrano in tali ipotesi:
    • l’anticipazione dell’ indennità ASpI e Mini ASpI (art. 2, comma 19 della legge n. 92/2012);
    • l’anticipazione dell’indennità di mobilità (art. 7, comma 5 della legge n. 223/1991);
    • l’anticipazione del compenso/sussidio in favore degli L.S.U. per avviare l’autoimpiego (D.I. 28 maggio 1998);
    • l’anticipazione del sussidio concesso in attuazione di programmi di Welfare to work e di sussidi straordinari o speciali concessi dalle Regioni, per finanziare l’autoimpiego dei beneficiari degli stessi.

Riconoscimento e pagamento del credito

Il riconoscimento del credito viene effettuata centralmente dall’Inps e non dalle sedi periferiche e avverrà automaticamente, come detto in precedenza, utilizzando tutti i dati a disposizione dell’Istituto.

  • Per le prestazioni a sostegno del reddito si utilizzerà sia il calcolo del reddito previsionale sia quello a consuntivo. Il pagamento verrà effettuato centralmente mediante una procedura predisposta appositamente allo scopo. Il primo pagamento sarà effettuato entro la fine del mese di giugno 2014. Sarà comunque riconoscibile dalla dicitura “Credito ai sensi dell’art.1 D.L. 66/2014” così come avviene per le buste paga.
  • Per i soggetti pensionati e per i titolari di prestazioni di accompagnamento alla pensione aventi diritto alle detrazioni d’imposta per lavoro dipendente, per ragioni tecniche, il bonus viene erogato a partire dalla rata di luglio 2014. L’importo è evidenziato nel database delle pensioni delle gestioni private nel campo Gp8 con il codice 862 = Bonus 80 euro – cong. credito.
  • I dipendenti dell’Inps troveranno il bonus direttamente in busta paga.

Comunicazioni di rinuncia o richiesta concessione del credito

Fermo restando che il calcolo e la corresponsione del bonus irpef avvengono automaticamente, gli interessati potranno comunque comunicare all’Inps eventuali rinunce o richieste di concessione nei casi in cui ritengano di avere ulteriori dati in loro possesso.

In particolare è stato previsto il modulo Mod. CUD Bonus Irpef – SPR150, che alleghiamo a fondo articolo, proprio per dare comunicazione all’Inps nei suddetti casi indicati dall’Inps:

  • gli assicurati che non hanno i presupposti per il riconoscimento del beneficio sono tenuti a darne comunicazione all’INPS che provvederà a recuperare il credito eventualmente erogato dai pagamenti successivi e, comunque, entro i termini di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno;
  • gli assicurati che, oltre ad essere titolari di redditi da prestazione previdenziale, siano, contestualmente, titolari di altri redditi da lavoro dipendente, i cui importi singolarmente considerati darebbero diritto al credito, ma complessivamente considerati eccedano la soglia massima prevista dal comma 1-bis dell’art 13 del T.U.I.R. per la concessione del credito, sono tenuti a darne comunicazione all’Istituto che non riconoscerà il credito;
  • gli assicurati che, oltre ad essere titolari di redditi da prestazione previdenziale, siano titolari contestualmente anche di altri redditi da lavoro dipendente (es. la Cassa integrazione a orario ridotto), i cui importi complessivamente considerati non eccedano la soglia massima prevista dal comma 1-bis dell’art 13 del T.U.I.R. per la concessione del credito, sono tenuti a chiedere ad uno dei sostituti di imposta di non riconoscere il credito in modo che lo stesso sia erogato da un solo sostituto.

Per maggiori approfondimenti vi rimandiamo comunque alla lettura del messaggio numero 5661 del 27 giugno e della Circolare numero 67 dello scorso 29 maggio che alleghiamo di seguito.

  Dl 24 aprile 2014, n. 66 - Circolare Inps (1,2 MiB, 3.537 download)
  Messaggio numero 5661 del 27-06-2014 (1,0 MiB, 1.169 download)
  Modulo Mod. CUD Bonus Irpef - SPR150 (535,6 KiB, 1.727 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • 4nerazzurro

    Gentili esperti Lavoro e diritti,

    volevo sapere se per le persone che percepiscono l’ indennità di mobilità è previsto il bonus e se si, indicativamente quando verrà elargito.

    Grazie e cordiali saluti

    Alex

    • Si, come spiega la circolare l’Inps sta effettuando i ricalcoli in questi giorni, quindi se anche tu rientri nella fascia di reddito prevista dalla legge allora riceverai il bonus, compresi gli arretrati. Magari prova a vedere sul sito dell’Inps se gia ti hanno fatto il pagamento oppure chiama il numero 803164

  • kikka

    Buona sera sono in mobilita con la legge 223 sono stata assunta in una ditta a contratto determinato tramite agenzia…il contratto ha validità una settimana la mobilita e stata sospesa al inps ma se io volessi rinunciare al posto di lavoro prima della scadenza posso riprendere la mobilita..o sono obbligata a finire i giorni lavorativi scritti sul contratto prima di riaprire la mobilita? Grazie

  • dina mele

    scusate , mi spiegate a quali pensionati spetta il bonus

    • spartacus

      A tutti quelli che, oltre alla pensione, fanno lavoro dipendente sempre che possano vantare i requisiti reddituali previsti dalla legge.

  • Bruno

    Da quale mese dell’anno 2014 si riceve il bonus ai disoccupati ? Grazie per la risposta

  • Maria

    A febbraio 2015 non ho percepito il bonus in busta paga. Il consulente della ditta dice che non spetta ogni mese… Ma è’ vero? Grazie.

  • rosanna

    salve sono un isopensionata art 4 legge fornero -nel 2014 ho percepito dall’inps il bonus di 80 euro a partire da luglio perchè il mio reddito era inferiore a 24000 euro ma da gennaio 2015 non ho più ricevuto nulla – mi pare di capire che sia stato confermato anche per il 2015 – quando lo ricevero? ho diritto anche agli arretrati?