Detassazione premi produttività, siglato l'accordo interconfederale

Sicglato accordo interconfederale tra le organizzazioni sindacali e la Confindustria sulla detassazione premi di produttività

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Lo scorso 24 aprila, i sindacati Cgil, Cisl e Uil e la Confindustria, hanno siglato un accordo interconfederale sulla detassazione del salario di produttività. L’accordo dà attuazione al decreto sulla detassazione dei premi di produttività e alla circolare esplicativa del Ministero del Lavoro.

Come ricorderete, infatti, lo scorso 29 marzo, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nr. 75, il DPCM del 22 gennaio 2013 con il quale si disciplinano le misure sperimentali per l’incremento della produttività del lavoro nel 2013. Si sta parlando, in pratica della detassazione sui premi di produttività per l’anno 2013.

Leggi anche: detassazione premi di produttività 2013

L’accordo prevede due modalità per estendere l’area di applicazione della detassazione attraverso un ampliamento della pratica contrattuale:

  • accordi a livello di singola impresa, anche dove non ci sono rappresentanze sindacali, tra le federazioni territoriali di categoria e le aziende assistite dalle articolazioni territoriali di Confindustria; questi accordi sono applicabili a tutti i dipendenti;
  • accordi territoriali che diano la possibilità di applicare la detassazione ai lavoratori che effettueranno prestazioni di orario diverse da quelle abitualmente praticate in azienda; questa seconda tipologia di accordi si muove sul piano dell’opportunità non essendo di natura vincolante.

Per la CGIL “l’intesa costituisce un passo in avanti importante nell’ambito delle relazioni industriali e, andrà estesa a tutte le altre associazioni d’impresa per allargare così i benefici al maggior numero di lavoratori e lavoratrici”.

“L’accordo – prosegue la nota –  riafferma il ruolo del contratto nazionale di lavoro come fonte primaria della contrattazione e favorisce la crescita della contrattazione di secondo livello valorizzando il ruolo delle Rsu. La CGIL favorevole alla detassazione del salario di produttività non firmò l’accordo sulla produttività tra governo e parti sociali del 21 novembre scorso in quanto non ne condivideva alcuni punti”.

Per la Cisl, “si tratta di un accordo nel segno dell’innovazione; rappresenta, infatti, un’evoluzione dell’accordo del 28 giugno 2011 e persegue l’obiettivo di portare più salario netto ai lavoratori e di favorire anche nelle piccole imprese, prive di rappresentanza sindacale, la pratica della contrattazione e la possibilità di introdurre elementi di innovazione organizzativa attraverso un uso più mirato del sistema degli orari”.

“Un accordo – continua Bonanni – che cerca di dare un percorso comune agli interessi dei lavoratori e delle imprese nel segno di una maggiore competitività del nostro sistema industriale e di maggiori opportunità salariali per i lavoratori”.

Accordo interconfederale detassazione salario produttività
» 1,4 MiB - 692 hits - 29 aprile 2013

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente redattrice di Lavoro e Diritti e impiegata nella PA.

Altri articoli interessanti