Ravvedimento operoso Imu e Tasi: cos’è e come funziona

Cos'è e come funziona il ravvedimento operoso IMU e TASI? Come funziona il ravvedimento della Nuova IMU? Ecco la guida completa.

Con il ravvedimento operoso è possibile regolarizzare anche  gli omessi e i carenti versamenti dei tributi locali, quali ad esempio Imu e Tasi, confluite, da quest’anno, nella nuova IMU.

E’ possibile regolarizzare i versamenti Imu e Tasi degli anni precedenti? Quali sono le tempistiche per regolarizzare l’acconto 2020 della nuova Imu? Quanti tipi di ravvedimento esistono?

Queste sono alcune delle domande alle quali risponderemo nella presente guida.

Ravvedimento operoso: cos’è e come funziona

Hai effettuato un versamento carente o hai omesso di effettuarlo; nessun problema con l’istituto del ravvedimento operoso, art.13 del D.Lgs 472/1997 è possibile regolarizzare la propria posizione.

Naturalmente non sarà sufficiente versare il solo tributo dovuto ma dovrai pagare anche gli interessi e la relativa sanzione.

Sanzioni avvedimento operoso

Qual è la sanzione da prendere in riferimento? La sanzione è quella individuata all’art.13 del d.lgs 471/1997.

In particolare si applica la sanzione prevista per i carenti/omessi  versamenti d’imposta; è la stessa sanzione applicata per l’Irpef o per l’irpef.

Difatti: la sanzione applicata è quella ordinaria del 30% ridotta:

  • al 15% per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a novanta giorni;
  • all’1%, per ciascun giorno di ritardo, per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni.

Alle sanzioni ordinarie fin qui individuate, è possibile applicare delle riduzioni da ravvedimento.

Quali sono le tipologie di ravvedimento operoso?

Difatti è possibile individuare i seguenti tipi di ravvedimento:

  • sprint, effettuato entro 14 giorni da carente/omesso versamento, in tale caso la sanzione da versare è pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo ( 1/10 dell’1%);
  • breve, effettuato tra il 15° e il 30° giorno rispetto alla data ordinaria, la sanzione è pari allo’1,5% (1/10 del 15%);
  • medio, per le regolarizzazione avvenute tra il 30° e il 90 gg dalla scadenza, la sanzione è pari all’1,67% (1/9 del 15%);
  • lungo, per le regolarizzazione avvenute entro il termine per presentare la dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione.

In tale ultimo caso, la sanzione da versare è pari al 3,75% ossia 1/8 del 30%.

Ravvedimento operoso lungo

Accanto a tali riduzioni, è possibile individuare ulteriori possibilità di ravvedimento.

Sanzione applicabile

Tipologia di ravvedimento

4,29% (1/7 della sanzione del 30%) La regolarizzazione degli errori avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione. Quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall’omissione o dall’errore.
5% (1/6 della sanzione del 30%) Con regolarizzazione:

  • oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero,
  • quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall’omissione o dall’errore.
6% (1/5 del 30%) Con regolarizzazione  dopo la constatazione della violazione ai sensi dell’art. 24 della Legge 7 gennaio 1929, n. 4, salvo che la violazione non rientri tra quelle indicate negli artt. 6, comma 3, o 11, comma 5, del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471 (lett. b-quater art. 13, D.Lgs. n. 472/1997).

Fatta tale doverosa ricostruzione, vediamo in che modo e i quali termini le indicazioni sul ravvedimento sono applicabili all’Imu e alla Tasi.

Ravvedimento operoso nuova IMU

Alla data del 16 giugno 2020 si doveva versare il 1° acconto della Nuova Imu; frutto dell’accorpamento dell’Imu e della Tasi, effettuato ad opera della legge di bilancio 2020.

Difatti:

  • entro il 16 giugno 2020 andava versato l’acconto;
  • entro il 16 dicembre 2020 il saldo.

Salvo proroghe disposte dai comuni competenti in considerazione dell’emergenza covid-19. Ad ogni modo eventuali proroghe/esenzioni non possono riguardare la quota di competenza dello Stato(Risoluzione MEF 5/2020).

Per il 2020, l’acconto è stato pari al 50% di quanto versato a titoli di Imu e Tasi negli anni precedenti.

Mancato pagamento acconto nuova IMU

E’ possibile ricorre al ravvedimento applicando le riduzioni sanzionare sopra individuate.

Prima dell’intervento del Decreto Fiscale Dl 124/2019, per i tributi locali non era possibile ricorrere al ravvedimento lunghissimo (tabella precedente) inteso quale regolarizzazione avvenuta oltre il termine per presentare la dichiarazione IMU relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione.

Ravvedimento operoso lungo IMU e TASI

Come stabilito dal Dl Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 dal 1° gennaio 2020, vengono estese le tempistiche concesse dal ravvedimento operoso anche per l’Imu e per la Tasi. Difatti, ai tributi locali viene riservato lo stesso trattamento di favore previsto per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate, ai tributi doganali e alle accise.

Le due imposte locali possono essere pagate in ritardo, beneficiando del ravvedimento operoso sulle sanzioni con la riduzione:

  • 1/10 del minimo nel caso di regolarizzazione entro trenta giorni dalla violazione;
  • 1/9 del minimo se la regolarizzazione avviene entro novanta giorni;
  • 1/8 del minimo, se la regolarizzazione avviene entro un anno;
  • 1/7 del minimo, se la regolarizzazione avviene entro due anni dall’omissione o dall’errore;
  • 1/6 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni avviene oltre due anni;
  • 1/5 del minimo se la regolarizzazione avviene dopo la constatazione della violazione ma prima dell’emissione della cartella esattoriale.

Con il decreto citato il ravvedimento oltre l’anno viene ammesso anche per i tributi locali.

Attenzione però, per i tributi locali, si può ricorrere al ravvedimento solo se:

  1. la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o
  2. altre attività amministrative di accertamento.

Attività delle quali, l’autore o i soggetti solidalmente obbligati, abbiano avuto formale conoscenza.

Ravvedimento operoso IMU e TASI per gli anni precedenti

Le previsioni di favore introdotte dal D.l. 124/2019, potrebbero valere anche per la regolarizzazioni di carenti/omessi versamenti Imu e Tasi degli anni precedenti.

Tutt’ora però mancano ancora dei chiarimenti ufficiali.

Codici tributo ravvedimento operoso IMU e TASI

Di seguito la tabella dei codici tributo da usare per pagare tramite modello F24 il ravvedimento operoso di IMU e TASI.

IMU

3912 Imu abitazione principale e pertinenze – comune (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3913 Imu fabbricati rurali ad uso strumentale – comune (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3914 Imu terreni – comune (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3915 Imu terreni – stato (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3916 Imu aree fabbricabili – comune (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3917 Imu aree fabbricabili – stato (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3918 Imu altri fabbricati – comune (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)
3919 Imu altri fabbricati – stato (compresi interessi e sanzioni da ravvedimento)

TASI

3958 Tasi abitazione principale e relative pertinenze
3959 Tasi fabbricati rurali ad uso strumentale
3960 Tasi aree fabbricabili
3961 Tasi altri fabbricati
3962 Interessi su Tasi
3963 Sanzione pecuniaria Tasi

Ravvedimento operoso frazionato

L’Agenzia delle entrate ha recentemente fornito importanti chiarimenti sul ravvedimento operoso frazionato.

Infatti, viene considerata fattibile la regolarizzazione che prevede:

  • il versamento dell’imposta non versata alla scadenza ordinaria e
  • solo in un successivo momento il pagamento della sanzione ravveduta e degli interessi.

Dunque, il versamento della sanzione ridotta può essere successivo a quello del versamento del tributo e/o degli interessi. La regolarizzazione può avvenire anche in tranches.

Leggi anche: Ravvedimento operoso frazionato: nuovi chiarimenti del Fisco

Ad ogni modo, con il ravvedimento frazionato:

  • la sanzione applicabile è quella in cui “ricade” l’integrale tardivo versamento;
  • gli interessi moratori sono dovuti per il periodo del ritardo del versamento;
  • la riduzione sanzionatoria applicabile è quella riferita al momento in cui si perfeziona il ravvedimento.

Tuttavia, in tal modo il contribuente è esposto al rischio di incorrere nella notifica di un atto di liquidazione o di accertamento. Difatti, ciò impedirebbe il perfezionamento del ravvedimento.

La possibilità di ricorrere al ravvedimento frazionato è stato oggetto di un norma di carattere interpretativo (D.L. 34/2019). Difatti sulla base di tale norma, per i tributi locali non è ammessa tale possibilità.

L’applicazione del ravvedimento frazionato riguarda i soli tributi amministrai dall’Agenzia delle entrate.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679