Decreto dignità: ecco cosa prevede su imprese, lavoratori e ludopatia

Il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Di Maio ha presentato il Decreto Dignità. ecco cosa prevede per imprese, lavoro e ludopatia.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Lo scorso 15 giugno il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, nonchè vice presidente del consiglio Luigi di Maio, ha tenuto una conferenza stampa, riportata anche sul sito del Ministero, in cui ha annunciato il prossimo arrivo del Decreto Dignità.

Si tratterà del primo decreto del nuovo Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, che intende, a detta dello stesso Di Maio,  ristabilire i diritti sociali dei cittadini. Vediamo in breve cosa prevede il decreto.

Il Decreto Dignità in 4 punti

Il Decreto Dignità andrà ad intervenire su vari aspetti della vita dei cittadini; vista la peculiarità del nuovo ministero, che incorpora sotto un’unico tetto lavoro e sviluppo economico, i temi trattati riguardano sia il lavoro che l’economia e le imprese.

Il Ministro Di Maio racchiude il provvedimento, in attuazione del contratto di Governo giallo-verde, in 4 punti fondamentali:

  1. imprese;
  2. diritti dei lavoratori;
  3. dipendenza dal gioco d’azzardo;
  4. delocalizzazioni.

Imprese: eliminazione di spesometro, redditometro e studi di settore

In sintesi gli interventi mirano alla la semplificazione e la sburocratizzazione. I provvedimenti a favore delle imprese andranno verso l’eliminazione di spesometro, redditometro e studi di settore. L’intento sarà quello di riavvicinare lo Stato alle imprese.

Disincentivazione delle delocalizzazioni

In estrema sintesi il concetto è che chi prende fondi pubblici non può poi delocalizzare la produzione all’estero.

Se lo Stato ti agevola per avviare un’attività imprenditoriale – dice il Ministro Di Maio – il lavoro deve essere creato in Italia, ben retribuito e tutelato.

Guerra al precariato e tutele per i riders

Guerra al precariato è proprio la definizione usata dal neo Ministro, anche sul blog del Movimento 5 Stelle. Si parla infatti di prossimi provvedimenti che andranno nella direzione di aumentare le tutele e i diritti dei lavoratori.

Uno dei primi interventi riguarda infatti i riders ovvero i ciclofattorini delle consegne a domicilio; si tratta di una nuova generazione di lavoratori della cosiddetta gig economy che fondamentalmente lavorano a cottimo e senza reali tutele contrattuali.

Nel Decreto Dignità ci saranno tutele per questi giovani lavoratori con seri problemi di precarietà e sicurezza. I rider infatti non hanno un contratto nazionale, né uno status giuridico e neanche una tutela assicurativa.

Stop alla pubblicità del gioco d’azzardo

In ultimo, vi sarà un provvedimento in tutela dei cosiddetti ludopatici, o giocatori di azzardo cronici. La ludopatia è infatti considerata, oltre che una piaga sociale, anche una malattia a tutti gli effetti.

Per tale ragione, così come è vietata la pubblicità delle sigarette, sarà vietata quella del gioco d’azzardo.

Reddito di cittadinanza

In ultimo il Ministro Di Maio torna a parlare anche di uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 Stelle, il Reddito di Cittadinanza M5S, che comunque non sarà inserito nel Decreto Dignità.

Si prevede infatti che nella prossima legge di bilancio sarà avviato il fondo per il reddito di cittadinanza, così da poterlo rendere operativo il prima possibile.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Share.

About Author

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti

Comments are closed.