Inps: nuova modalità telematica di invio domande CIG

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Nuovo canale telematico, per l'invio all'Inps delle domande di cassa integrazione ordinaria

L’Inps, con messaggio nr. 64 dello scorso 13 aprile, comunica la nuova modalità telematica di invio delle domande di Cassa integrazione guadagni ordinaria che, sarà attiva dal prossimo 27 aprile. Il nuovo canale, alternativo a quello attualmente disponibile  non utilizza una applicazione WEB per l’acquisizione on line delle domande ma, sarà basato sull’invio di file XML.

Descrizione della nuova modalità di upload/invio

Le domande di Cassa Integrazione Ordinaria in formato XML per poter essere inviate con la nuova modalità devono essere conformi allo schema XSD pubblicato nella sezione Acquisizione OnLine Domande CIGO  Flusso XML del portale per le aziende e consulenti.

L’upload/invio delle “Richieste XML” deve essere effettuato dal portale delle aziende entrando nella sezione Acquisizione OnLine Domande Cigo  Flusso XML.

Per l’invio e il controllo del flusso sono disponibili due modalità alternative per effettuare l’upload/invio delle richieste:

  • Modalità “senza prevalidazione” che consente l’invio diretto delle richieste XML compatibili con lo Schema XSD. Le domande inviate con questa modalità sono sottoposte all’operazione di “Validazione”. La validazione effettua una serie di verifiche tra cui l’esistenza di una matricola aziendale, la congruità del codice fiscale con la matricola e la mancata o errata compilazione di altre informazioni.

L’operazione di validazione può scartare tutte o una parte delle domande della Richiesta XML che non superano i controlli di congruità: le domande scartate, anche se inviate entro la data di scadenza, vengono considerate nulle e come tali non saranno protocollate né prese in carico per le successive fasi di elaborazione. D’altro canto le domande correttamente validate vengono protocollate, prese in carico dall’Istituto, ed immesse nel tradizionale flusso di gestione delle domande telematiche CIGO.

  • Modalità diretta o con “prevalidazione”.

L’upload “con prevalidazione”, consente di effettuare preventivamente i controlli di congruità effettuati dalla operazione di validazione senza presa in carico delle domande validate. Le richieste XML che superano la prevalidazione possono essere in seguito inviate tramite una operazione dell’utente denominata “Approvazione all’invio”; le richieste che non superano la prevalidazione possono essere corrette e successivamente ritrasmesse. Le domande contenute in una Richiesta XML approvata all’invio vengono quindi sottoposte alla operazione di validazione precedentemente descritta.

Sia le elaborazioni di prevalidazione, sia quella di validazione vengono seguite dai Sistemi Informativi INPS con frequenza almeno giornaliera. La prevalidazione viene effettuata tutti giorni tranne che nelle 24 ore prima del termine di scadenza per la presentazione delle domande CIGO, fissato al 25° giorno dal termine del periodo di paga nel quale ha avuto origine la sospensione. Nelle 24 ore che precedono detto termine è perciò possibile effettuare solo l’upload senza prevalidazione delle richieste.

Attestazioni generate per l’utente

Contestualmente all’approvazione all’invio di una richiesta prevalidata o al caricamento diretto della richiesta XML, viene generato un “Attestato di Trasmissione”. L’attestato di Trasmissione certifica solo l’avvenuto invio ad una certa data di una richiesta XML e delle domande al suo interno ma prescinde dalla loro eventuale validità: le domande presenti in una richiesta che vengono in seguito scartate dalla operazione di validazione, sono considerate nulle.

Per tutte le domande di una Richiesta XML accettate dalla operazione di validazione, dopo essere state sottoposte a protocollazione, viene generato un “Attestato di consegna” che ha valore equivalente a quello di una ricevuta. L’Attestato di Consegna certifica che le domande in esso elencate sono state prese in carico dall’Istituto e per ognuna di esse viene riportato il numero del protocollo informatico assegnato.

Compilazione delle domande in formato XML

Le aziende e gli studi professionali che utilizzano propri programmi gestionali potranno, o autonomamente o attraverso i propri fornitori, effettuare l’integrazione nel loro software dello schema XSD delle domande CIGO. In questo modo potranno far generare automaticamente dai loro programmi gestionali le richieste XML da sottoporre all’INPS tramite il nuovo canale.

Per le aziende e gli studi professionali che non intendono avvalersi dei propri programmi gestionali, l’Istituto mette a disposizione il programma CIGO_DT scaricabile dalla sezione Invio Domande CIGO  CIGO_DT del portale per aziende e consulenti. Su tale link viene messa a disposizione anche tutta la documentazione utente necessaria per l’uso.

Gestione delle domande provenienti dal nuovo canale

Le domande di CIG Ordinaria inviate attraverso il nuovo canale telematico confluiscono, prima della loro protocollazione, sugli attuali archivi delle domande telematiche pervenute via WEB. La loro gestione da parte delle Sedi INPS è in tutto e per tutto uguale a quella correntemente in uso per le domande provenienti dal Flusso Web.

Inoltre per monitorare lo stato delle domande CIGO provenienti dal nuovo canale Flusso XML gli operatori di sede hanno anche  a disposizione una utility presente sul link Banca Dati Percettori, nella pagina Processi  Prestazioni a Sostegno del Reddito, sotto la voce CIGO  Ricerca domande CIGO.

Le utenze di aziende e consulenti che hanno necessità, o alle quali viene chiesto dalle Sedi, di integrare le domande con ulteriore documentazione, si possono avvalere delle funzionalità per allegare documenti ed annotazioni, già disponibili nel Flusso WEB sulla voce di menù “Esiti”.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti