Inps: nuovo modello d'iscrizione alla gestione separata

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il nuovo modello accorpa i precedenti e ne agevola la compilazione, anche perchè molte informazioni pervengono tramite di ulteriori procedure informatizzate.

Con messaggio n. 26904 del 24/11/2009 l’INPS ha comunicato l’emissione del nuovo modello unificato d’iscrizione alla gestione separata. Tale modello unifica e sostituisce tutti i precedenti, semplificandone la compilazione; pertanto da ora in poi tutti gli altri modelli dovranno essere considerati aboliti e quindi non più validi.

Il nuovo modulo sarà reso disponibile sul sito www.inps.it, nella sezione “modulistica”. Contestualmente all’adozione del nuovo modello unificato verrà rilasciata la nuova procedura informatizzata volta alla ricezione on line delle domande di iscrizione.

L’applicazione è disponibile nella sezione Servizi on-line del portale www.inps.it, in particolare nei servizi per il cittadino con le diciture Lavoratori parasubordinati: iscrizione Accesso con PIN On Line e Lavoratori parasubordinati: iscrizione accesso senza autenticazione.

L’accesso è consentito sia tramite PIN On Line che senza autenticazione: nel primo caso l’utente viene riconosciuto dall’applicazione e i dati anagrafici sono automaticamente precompilati nella comunicazione di iscrizione, nel secondo caso i dati inseriti nella comunicazione di iscrizione sono sottoposti a verifica da parte degli operatori del Contact Center che si occupano di contattare telefonicamente il lavoratore.

L’applicazione è, inoltre, disponibile anche nei servizi per le aziende, consulenti e professionisti con la dicitura Lavoratori parasubordinati: iscrizione Comunicazione Iscrizione (accesso riservato ad aziende e consulenti).

Link: Messaggio INPS

  SC04 DOMANDA DI ISCRIZIONE GESTIONE SEPARATA (40,5 KiB, 6.868 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • Mazzolini Giorgio

    Spero che ci sia qualche esperto che possa rispondermi: vorrei un esempio pratico, con una cifra da esempio, di cosa chiedere al committente e cosa devo fare io nel caso della gestione separata con applicazione del 17% perché pensionato. Ringrazio il gentile esperto che vorrà rispondermi

  • Ciao Giorgio, immagino che sia in regime dei minimi, la fattura dovrebbe essere così se non hai la partita IVA:
    compenso € 2.000,00
    Addebito contributo 4% INPS € 80,00
    Totale € 2.080,00
    Ritenuta d'acconto € 416,00
    Netto a pagare € 1.664,00

    Comunque ti consiglio di rivolgerti ad un professionista che possa gestirti tutte le pratiche 🙂