Cessione del quinto della pensione, schema di convenzione INPS 2019

L’INPS ha pubblicato il nuovo schema di Convenzione 2019, valido dall’1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, per la cessione del quinto della pensione.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Importanti novità per i pensionati INPS che intendono chiedere finanziamenti nel 2019 dietro cessione del quinto della pensione. Infatti, con Determinazione presidenziale 151 del 30 novembre 2018 l’Istituto previdenziale ha adottato il nuovo schema di convenzione 2019. Essa contiene la disciplina riguardante la concessione di finanziamenti a pensionati INPS da estinguersi dietro cessione fino a un quinto della pensione ed il Regolamento che accoglie le “Disposizioni per la cessione del quinto”.

A darne notizia è stato lo stesso Istituto con il Messaggio 4621 del 10 dicembre 2018. Lo schema di Convenzione ha validità dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Convenzione banche-INPS, cessione di un quinto 2019

Qualora gli istituti di credito, quali banche, e gli intermediari finanziari fossero interessati al convenzionamento possono formalizzare la relativa istanza, a far data dal 10 dicembre 2018.

In questo modo è possibile per questo ultimi concedere prodotti di finanziamento a pensionati INPS secondo i criteri e le modalità contemplati dallo stesso.

Cessione del quinto della pensione 2019: le novità

Lo schema di convenzione ed il Regolamento hanno apportato importanti novità, mediante l’introduzione di nuovi articoli, per quanto concerne:

  • il recupero dei crediti residui (cfr. art. 12 della convenzione e art. 9 del Regolamento);
  • i rinnovi di contratto (cfr. art. 13 della convenzione e art. 10 del Regolamento);
  • e la variazione beneficiari quote mensili ed altre modifiche (cfr. art. 15 della convenzione e art. 12 del Regolamento).

Nell’ambito del nuovo schema convenzionale, l’Istituto previdenziale ha aggiornato l’onere sostenuto per il servizio prestato in favore dei soggetti convenzionati nella misura di 1,86 euro, IVA esente, per estrazione del rateo pensionistico fino al 31.12.2019.

Diversamente, le banche e gli intermediari finanziari non convenzionati che operano in regime di accreditamento dovranno corrispondere all’INPS un onere pari:

  • a 98,25 euro, IVA esente, in ragione d’anno, per ciascun contratto di cessione;
  • e 8,19 euro per estrazione del rateo pensionistico dall’1.1.2019 al 31.12.2019.

Pertanto sul punto, l’INPS precisa che provvederà a detrarre gli importi dovuti dall’ammontare complessivo delle rate di ammortamento oggetto di versamento.

Messaggio INPS numero 4621 del 10-12-2018 e relativi allegati

Pubblichiamo infine il messaggio INPS e i relativi allegati.

download   Messaggio INPS numero 4621 del 10-12-2018 e allegati
       » 11,6 MiB - 282 download

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.