Agevolazioni 407/90 assunzione ex dipendente, interpello del Ministero

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Precisazioni del Ministero del Lavoro sugli sgravi contributivi di cui alla 407/90 in caso di riassunzione di ex dipendenti

Il Ministero del lavoro, con interpello nr. 9 dello scorso 8 marzo, fornisce dei chiarimenti sulla possibilità di usufruire dei benefici contributivi previsti dalla L. nr. 407/90, in caso di nuova assunzione di ex dipendenti della medesima impresa, in possesso del requisito dello stato di disoccupazione, licenziati per diminuzione di personale ovvero che abbiano esercitato il diritto di recesso da un rapporto di lavoro part-time.

L’interpello è stato avanzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro circa la  corretta interpretazione dell’art. 8, comma 9, della L. n. 407/1990, recante la disciplina delle agevolazioni contributive concesse, in presenza di determinati requisiti, al datore di lavoro che effettui nuove assunzioni.

L’art. 8, comma 9, della L. n. 407/1990 contempla la possibilità di fruizione di benefici contributivi per un periodo pari a 36 mesi, nel caso in cui l’azienda assuma lavoratori con contratto a tempo indeterminato, anche in part-time, nel rispetto di un duplice ordine di requisiti:

  • deve trattare di “assunzioni di lavoratori disoccupati da almeno ventiquattro mesi o sospesi dal lavoro e beneficiari di trattamento straordinario di integrazione salariale da un periodo uguale a quello suddetto”;
  • inoltre la disposizione, modificata dalla L. n. 92/2012, richiede che le medesime assunzioni non siano effettuate “in sostituzione di lavoratori dipendenti dalle stesse imprese licenziati per giustificato motivo oggettivo o per riduzione del personale o sospesi”. In quest’ultimo caso, il periodo da prendere in considerazione per la verifica di una eventuale sostituzione di lavoratori licenziati o sospesi va individuato nei sei mesi immediatamente precedenti all’assunzione.

La L. n. 92/2012 (riforma del mercato del lavoro) ha introdotto alcuni principi di immediata applicazione in ordine alla fruizione degli incentivi, ivi compresi quelli di cui alla L. n. 407/1990:

L’art. 4, comma 12, della riforma stabilisce anzitutto che “gli incentivi non spettano con

  • riferimento a quei lavoratori che siano stati licenziati, nei sei mesi precedenti, da parte di un datore di lavoro che, al momento del licenziamento, presenti assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che assume ovvero risulti con quest’ultimo in rapporto di collegamento o controllo; in caso di somministrazione tale condizione si applica anche all’utilizzatore”.
  • il comma 13 stabilisce invece che “ai fini della determinazione del diritto agli incentivi e della loro durata, si cumulano i periodi in cui il lavoratore ha prestato l’attività in favore dello stesso soggetto, a titolo di lavoro subordinato o somministrato; non si cumulano le prestazioni in somministrazione effettuate dallo stesso lavoratore nei confronti di diversi utilizzatori, anche se fornite dalla medesima agenzia di somministrazione di lavoro (…) salvo che tra gli utilizzatori ricorrano assetti proprietari sostanzialmente coincidenti ovvero intercorrano rapporti di collegamento o controllo”.

Leggi anche: Riforma del lavoro: principi generali sugli incentivi alle assunzioni

Alla luce di questi principi, continua l’interpello,” in relazione all’ipotesi di assunzione di ex dipendente licenziato per riduzione di personale si ritiene che, se in capo al medesimo lavoratore si siano nuovamente configurati i requisiti di legge, nessuna preclusione può applicarsi al riconoscimento per intero del beneficio.

Se quindi il lavoratore perde lo stato di disoccupazione e poi lo riacquista, iniziando a maturare da zero un nuovo periodo di 24 mesi di disoccupazione, nel rispetto di ogni altra condizione prevista dalla legge, non può ostare al riconoscimento del beneficio il solo fatto che il lavoratore assunto ai sensi dell’art. 8, comma 9, L. n. 407/1990 fosse già stato alle dipendenze dello stesso datore di lavoro in un precedente rapporto agevolato. In tal caso l’agevolazione contributiva deve essere quindi riconosciuta per intero e non va, invece, contratta cumulando i periodi agevolati precedenti”.

Sulla possibilità per il datore di lavoro di usufruire delle agevolazioni in esame nel caso in cui assuma “nuovamente, dopo alcuni mesi, un lavoratore part-time a 20 ore settimanali, precedentemente dimessosi e per il quale aveva già beneficiato delle agevolazioni medesime, nelle fattispecie realizzatesi anteriormente all’entrata in vigore della L. n. 92/2012, il beneficio deve essere riconosciuto solo per il periodo residuo rispetto al limite massimo di fruizione dei 36 mesi, ciò in quanto non vi è stata interruzione dello stato di disoccupazione.

L’interpello precisa poi che, successivamente al 18 luglio 2012, la fattispecie da ultimo prospettata non risulta più configurabile alla luce dell’intervenuta abrogazione – ad opera dell’art. 4, comma 33, lett. c), L. n. 92 – dell’art. 4, comma 1, lett. a), D. Lgs. n. 181/2000 nella parte in cui prevedeva la “conservazione dello stato di disoccupazione a seguito di svolgimento di attività lavorativa tale da assicurare un reddito annuale non superiore al reddito minimo personale escluso da imposizione”.

Si ricorda infine che, in base alla nuova formulazione dell’art. 4 la perdita dello stato di disoccupazione attualmente si verifica:

  • in caso di mancata presentazione senza giustificato motivo alla convocazione del servizio competente nell’ambito delle misure di prevenzione di cui all’articolo 3 del medesimo D. Lgs;
  • in caso di rifiuto senza giustificato motivo di una congrua offerta di lavoro a tempo pieno ed indeterminato o determinato o di lavoro temporaneo, ex L. n.196/1997”.

La disposizione normativa citata, così come modificata, prevede inoltre “la sospensione dello stato di disoccupazione in caso di lavoro subordinato di durata inferiore a sei mesi”.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • giovanni

    chido un vostro consiglio,..un datore di lavoro alberghiero potrebbe sostituire un contratto di lavoro stagionale a tempo indeterminato da più di quindici anni con uno determinato?….vi ringrazio in attesa di una vostra risposta…

  • Antonio

    Ciao Giovanni, credo proprio di no, ma se ti è capitata qualcosa del genere ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato o un avvocato.

  • Alex

    Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento. Per il caso in questione ho necessità di assumere 1 dipendente nel mese di marzo 2013 con la 407 che è stato dipendente a tempo determinato dal marzo 2012 a settembre 2012. L’inps mi respinge la domanda in quanto avente diritto di precedenza non può usufruire della 407. Tramite l’interpello del Ministero posso aggirare l’ostacolo? grazie

  • tmr srl

    Vorrei sapere se un dipendente assunto con 407 par time 20 ore e dimessosi il 1 settembre, che conserva l’anzianità disoccupativa perchè non ha superato il reddito di € 8000 annui, potrebbe passati 6 mesi essere riassunto con la stessa ditta, sempre in regime 407?

    • Per prima cosa consiglio di far rilasciare un nuovo certificato dal Centro per l’Impiego per essere certi che il lavoratore sia in possesso dei requisiti. Anche se a seguito della riforma Fornero ho alcuni dubbi in merito. Successivamente se i requisiti ci sono non vedo ostacoli ad una nuova assunzione agevolata, però alla luce di questa circolare credo che gli sgravi non potranno più durare 36 mesi, ma solo 36 mesi meno quelli già prestati con la stessa azienda.