Dimissioni telematiche, FAQ aggiornate del Min. Lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Nuovo aggiornamento da parte del Ministero del Lavoro delle FAQ sulle dimissioni telematiche o dimissioni online sul portale ClicLavoro

Il 5 aprile Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha provveduto ad aggiornare, nell’apposita sezione del portale www.cliclavoro.gov.it, le FAQ in materia di dimissioni online o dimissioni telematiche in vigore dallo scorso 12 marzo.

A riguardo vi rimando alla lettura della nostra guida pubblicata a seguito dell’emanazione della Circolare numero 12 del 4 marzo 2016 del Ministero del Lavoro con i primi chiarimenti sulla nuova procedura telematica per la risoluzione consensuale e le dimissioni online dei rapporti di lavoro operativa dal 12 marzo scorso.

Leggi anche: Dimissioni online, cosa fare dal 12 marzo

Le FAQ del Ministero del Lavoro pubblicate il 5 aprile vanno dalla numero 26 alla numero 32 e si aggiungono alle altre FAQ già pubblicate in precedenza (trovate l’elenco completo a fondo articolo) e già frutto di un nostro precedente articolo: Dimissioni telematiche, le Faq del Ministero del Lavoro

Dimissioni telematiche, FAQ del 4 aprile 2016

26. Le Commissioni di certificazione costituite presso le DTL in che modo possono assistere il lavoratore nella trasmissione del modello telematico?

Come chiarito nella Nota direttoriale del 24 marzo 2016, la procedura può essere esercitata direttamente dal Direttore della DTL, in qualità di Presidente della Commissione, anche per il tramite del personale appositamente incaricato.

27. Le dimissioni possono essere presentate anche rivolgendosi alle sedi di cui all’articolo 2113, quarto comma, del codice civile. Tale disposizione, a sua volta, rinvia tra gli altri all’articolo 411 C.P.C. che individua, testualmente, la “sede sindacale”. Cosa si intende esattamente per “sede sindacale”?

Tale espressione indica, di prassi, l’ipotesi in cui il lavoratore pone in essere determinati atti con l’assistenza di un sindacalista di sua fiducia. È quindi sufficiente che la formalizzazione delle dimissioni o della risoluzione consensuale avvenga alla presenza di un sindacalista, in quanto la stessa costituisce garanzia circa la spontaneità e la consapevolezza dell’atto.

28. In caso d’invio di dimissioni telematiche errate perché non rientranti nel campo di applicazione dell’articolo 26 del D.lgs.151/2015, quelle telematiche vanno revocate?

No, in questo caso non è necessaria la revoca.

29. Se la data di decorrenza delle dimissioni coincide con il sabato o un giorno festivo, quale giorno andrà inserito?

La nuova modalità telematica di trasmissione delle dimissioni non ha innovato la disciplina giuridica che regola il rapporto di lavoro, ma solo la modalità di tale trasmissione. Se il contratto collettivo o individuale applicato non dispone nulla in proposito, il conteggio dei giorni comprende giorni consecutivi e quindi il primo giorno non lavorato può coincidere con un giorno festivo.

30. I lavoratori assunti presso una società privata a totale partecipazione pubblica dovranno effettuare la procedura?

Sì, in quanto la procedura deve essere effettuata con riferimento ai rapporti di lavoro privati, come ha specificato la circolare n.12/2016, a prescindere dalla natura del datore di lavoro.

31. Per i rapporti di lavoro domestico in somministrazione si applica la nuova procedura?

Il rapporto di lavoro in questa ipotesi intercorre tra l’agenzia di somministrazione ed il lavoratore. La procedura telematica deve essere quindi seguita dal lavoratore in somministrazione, in quanto tale rapporto non rientra tra le fattispecie escluse, di cui all’art. 26, comma 7, D.lgs. 151/2015 e riprese dalla circolare n. 12 del 4 marzo 2016.

32. La comunicazione obbligatoria di cessazione è valida anche se il lavoratore non ha proceduto con l’invio del modello telematico relativo alle proprie dimissioni o alla risoluzione consensuale?

La comunicazione obbligatoria di cessazione è inefficace se non è stata preceduta da una comunicazione del lavoratore resa con le modalità telematiche di cui al DM 15 dicembre 2015.

  FAQ - Dimissioni telematiche (29,6 KiB, 2.495 download)

Fonte: www.cliclavoro.gov.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • ionela

    Buona sera sig Antonio vorrei fare una domanda mio marito a lavorato per tanti anni per una cooperativa Jobs e stato accasa in malattia per 4 messi perché aveva la ernia e andato in ospedale per visita e Lia fato programmare per febbraio a fare intervento dopo intervento e stato a casa ancora un mese a cominciato a lavorare con la dita map e a detto poi loro che lui non e più in regola cioè la licenziato senza sapere niente ha diritto di avere disoccupazione Tfr e che cosa si devi fare grazie mille