APE Volontario, la guida della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha rilasciato la circolare n. 10/2017, con la quale analizza il DPCM 04/09/2017 n.150, sull' APe volontario.

Come noto, lo scorso 18 ottobre è entrato in vigore il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri DPCM 4 settembre 2017 n. 150 relativo all’APE volontario ovvero l’anticipo pensionistico volontario.

Si tratta di una misura introdotta con la Legge di Bilancio 2017 (L. 232/2016), che avrebbe dovuto essere operativa entro i primi mesi del 2017, ma che ha avuto maggiori difficoltà rispetto all’APe Sociale e alla pensione anticipata dei lavoratori precoci.

APE Volontario, cos’è e a chi interessa

Per rendere definitivamente operativo l’ APe Volontario mancano ancora gli Accordi Quadro con le associazioni bancarie e assicurative. Queste infatti sono parte fondamentale in questa misura pensionistica, infatti saranno loro ad anticipare la pensione ai richiedenti. Per cui dovranno, fra le altre cose, calcolare i costi che i contribuenti dovranno sostenere per andare in pensione prima.

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, come avvenuto in precedenza con il cumulo gratuito per i professionisti ha rilasciato una nuova importante circolare su questo argomento.

Leggi anche: Cumulo gratuito per i liberi professionisti, guida della Fondazione Studi CdL

Si tratta della circolare n.10/2017, con la quale si analizza il DPCM illustrando i requisiti di accesso e l’iter burocratico per l’ottenimento dell’APe Volontario. La Fondazione Studi si sofferma infine:

  • sugli Accordi Quadro;
  • sull’opzione di finanziamento supplementare;
  • sulla possibilità di estinguere anticipatamente il prestito;
  • sul Fondo di Garanzia presso l’Inps.

Le Circolari della Fondazione Studi
ANNO 2017 CIRCOLARE NUMERO 10

APE VOLONTARIO – ANALISI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI FIRMATO IL 4 SETTEMBRE 2017 N. 150

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri a regolamentazione dell’Ape Volontario è stato firmato dal Presidente Gentiloni il 4 settembre scorso, dopo avere registrato le modifiche suggerite dal parere del Consiglio di Stato emesso in adunanza della Commissione speciale il 5 luglio 2017.

Il provvedimento avrebbe dovuto vedere la luce entro l’inizio dello scorso marzo, secondo quanto disposto
dalla norma di riferimento (L. 232/2016), ma rispetto all’Ape Sociale e alla Pensione Anticipata dei lavoratori Precoci, la complessità di questa prestazione (di natura creditizia) ha comportato maggiori difficoltà nella stesura di una disciplina attuativa.

Il D.P.C.M. n.150/2017 è, infatti, entrato in vigore solo il 18 ottobre 2017, giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n.243 del 17.10.2017). Per completare definitivamente il quadro regolatorio dell’Ape Volontario si attendono in realtà i due cruciali Accordi Quadro con le Associazioni
bancarie e assicurative che conterranno, fra le altre informazioni, i dati necessari a calcolare i costi da sopportare da parte dei contribuenti, per accedere all’anticipo finanziario a garanzia pensionistica.

[…]

Continua a leggere sul sito della Fondazione Studi

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti