IRPEF pensionati: addizionali regionali e comunali, conguaglio 2020 e tassazione 2021

Addizionali regionali e comunali, in saldo 2020 e acconto 2021. Conguaglio delle ritenute IRPEF relative al 2020 per i pensionati.


IRPEF pensionati: addizionali regionali e comunali, conguaglio 2020 e tassazione 2021. I pensionati hanno trovato diverse voci relative all’IRPEF nel cedolino pensione di giugno 2021. Il documento, come noto è accessibile direttamente dai pensionati sul sito dell’INPS nei “Servizi online”, e consente di conoscere l’importo accreditato ogni mese dall’INPS stesso. Innanzitutto, come sta avvenendo da oltre un anno ormai, la pensione verrà erogata in anticipo rispetto alle date ordinarie. Questo a causa della pandemia da Covid-19 attualmente in corso nel nostro Paese, in quanto s’intende evitare che si creino assembramenti davanti agli uffici postali, quindi nuovi contagi.

Ma non solo: vi sono anche novità per quanto concerne le trattenute fiscali, nonché le addizionali regionali e comunali, ma anche conguaglio 2020 e tassazione 2021.

Vediamo quindi in dettaglio tutte le novità previste nel cedolino di pensione di giugno 2021.

Addizionali regionali e comunali, saldo 2020 e acconto 2021

Altri fattori da tenere in considerazione per il rateo di pensione di giugno 2021 sono naturalmente i trattamenti fiscali: ossia le addizionali regionali e comunali relative al 2020.

Si ricorda che queste trattenute sono infatti effettuate in 11 rate nell’anno successivo a quello cui si riferiscono. Continua a essere applicata anche la trattenuta per addizionale comunale in acconto per il 2021, avviata a marzo, che proseguirà fino a novembre 2021.

Conguaglio ritenute IRPEF 2020

Prosegue, inoltre, il recupero delle ritenute IRPEF relative a conguaglio 2020; laddove le stesse siano state effettuate in misura inferiore rispetto a quanto dovuto su base annua.

Infatti, nel caso di pensionati con importo annuo complessivo dei trattamenti pensionistici fino a 18.000 euro, per il quali il ricalcolo dell’IRPEF ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore a 100 euro, la rateazione viene estesa fino alla mensilità di novembre (art. 38, co. 7 della L. n. 122/2010).

Per i redditi di pensione annui di importo superiore a 18.000 euro e per quelli di importo inferiore a 18.000 euro con debito inferiore a 100 euro il debito d’imposta è stato applicato sulle prestazioni in pagamento alla data del 1° marzo, con azzeramento delle cedole laddove le imposte corrispondenti siano risultate pari o superiori alle relative capienze.

Le somme conguagliate sono state certificate nella Certificazione Unica 2021.

Calendario pagamento pensioni luglio 2021: come funziona

Per concludere anticipiamo il calendario del pagamento delle pensioni di luglio 2021 che, come di consueto negli ultimi mesi, arriverà con qualche giorno di anticipo rispetto alle date ordinarie.

Ricordiamo che l’anticipo è garantito esclusivamente per chi riscuote la pensione direttamente in posta. Quindi, sono esclusi tutti coloro che ricevono il trattamento previdenziale direttamente presso la propria banca.

In particolare, il pagamento presso Poste arriverà dal 25 giugno al 1° luglio 2021.

Nel caso di riscossione allo sportello, Poste Italiane dovrebbe scaglionare le presenze dei pensionati in base alle iniziali del cognome del titolare della prestazione, secondo il seguente calendario:

  • A-B: 25 giugno, venerdì;
  • C-D: 26 giugno, sabato mattina;
  • E-K: 28 giugno, lunedì;
  • L-O: 29 giugno, martedì;
  • P-R: 30 giugno, mercoledì;
  • S-Z: 1° luglio, giovedì.

Daremo informazioni più precise sul calendario pagamento pensioni luglio 2021 nei prossimi giorni. In ogni caso, è bene che ciascun pensionato verifichi il calendario esposto dall’ufficio postale della propria zona.

Inoltre, trattandosi esclusivamente di un’anticipazione del pagamento, il diritto al rateo di pensione si matura comunque, per il mese di luglio, il primo giorno bancabile del mese. Di conseguenza, nel caso in cui dopo l’incasso la somma dovesse risultare non dovuta, l’INPS ne richiederà la restituzione.