Pubblica Amministrazione: sono 4.028 le eccedenze di personale

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Patroni Griffi: sono 4.028 gli esuberi nella Pubblica amministrazione previsti dalla spending review; un taglio che farà risparmiare 342 milioni di euro.

Non si arresta la scure della Spending review. Il ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, Patroni Griffi, nell’incontro con i sindacati, avvenuto lo scorso 13 novembre, ha illustrato il provvedimento di riduzione delle piante organiche nelle pubbliche amministrazioni.

In pratica, sono 4.028 le eccedenze tra il personale non dirigenziale della Pubblica Amministrazione. Questo quanto risulta dalle tabelle fornite dal ministero ai sindacati: 3.236 nei ministeri, 126 negli enti pubblici di ricerca e 666 negli enti pubblici non economici. Per quanto riguarda i dirigenti, l’eccedenza totale è di 487; 48 i dirigenti in esubero di prima fascia, 439 di seconda. La riorganizzazione di questi posti di lavoro (perchè di questo si tratta), comporterà un risparmio stimato in circa 342 milioni di euro.

Sono comunque dati parziali, non essendo ricompresi nelle tabelle esposte dal Ministro gli Enti locali, le  Forze Armate, e alcuni ministeri come  gli Interni, la Giustizia,o gli Esteri.. A queste cifre poi, si aggiungono (seppur non conteggiati) i circa 200 mila precari che lavorano nella pubblica amministrazione centrale e periferica che, vedranno il loro contratto scadere il prossimo 31 dicembre  (fonte CGIL)

Il Ministro ha precisato che non si tratta di esuberi ma di eccedenze che “saranno gestite insieme ai sindacati”. “Verificheremo i pensionamenti ordinari e i prepensionamenti, gli strumenti di flessibilità come il part time, la mobilità volontaria e quella obbligatoria per due anni con riduzione degli stipendi. Quando si arriverà a questa fase, si potrà parlare di esuberi veri e propri”. Vedremo dunque cosa accadrà.

  Tabella organico in eccedenza nella PA (818,8 KiB, 346 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • spartacus

    Io aggiungerei anche quelli che siedono in parlamento, nelle regioni, provincie, comuni, enti inutili ecc… quelli si che sono in esubero. Quelli si andrebbero licenziati in tronco visto che ci costano una marea di denaro. E non si dovrebbero nemmeno azzardare di chiedere buonuscite ed indennità varie.