Consulta: la mediazione obbligatoria è incostituzionale

La Corte costituzionale dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art 5 del d.lgs. nr 28/2010 che introduceva il carattere obbligatario della mediazione in alcune controversie di natura civile.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Lo scorso 24 ottobre, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale, per eccesso di delega legislativa, del d.lgs. 4 marzo 2010, n.28 nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione civile.

La questione di legittimità costituzionale era stata posta dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura-Oua e da diversi Ordini e associazioni forensi, proprio in merito ad una parte dell’art. 5 del d.lgs. nr. 28/2010 che, disponeva che:

Chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa ad una controversia in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilita’ medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicita’, contratti assicurativi, bancari e finanziari, e’ tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione ai sensi del presente decreto ovvero il procedimento di conciliazione previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179, ovvero il procedimento istituito in attuazione dell’articolo 128-bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate. L’esperimento del procedimento di mediazione e’ condizione di procedibilita’ della domanda giudiziale. L’improcedibilita’ deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza…”.

Leggi anche: la conciliazione obbligatoria incostituzionale? deciderà la Consulta

1 2
Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.