Bonus 200 euro, a chi spetta: ecco la lista completa dei beneficiari

A chi spetta il bonus di 200 euro? Ecco l'elenco completo dei beneficiari dopo la pubblicazione del decreto Aiuti in Gazzetta Ufficiale


Il Decreto-Legge 50/2022 (cosiddetto decreto Aiuti) è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 maggio e pertanto dal giorno successivo entra in vigore, fra le altre misure anche il bonus 200 euro per lavoratori dipendenti, partite IVA e pensionati.

In realtà l’elenco dei beneficiari è piuttosto lunga e comprende anche i percettori del reddito di cittadinanza nonchè i disoccupati percettori dell’indennità di disoccupazione (NASpI e DIS-COLL).

Ecco la lista completa di coloro che riceveranno l’una tantum di 200 euro, ma prima andiamo a rivedere insieme cos’è e come funziona il bonus.

Bonus 200 euro, cos’è e come funziona

Il bonus 200 euro è stato introdotto dal Governo con l’intento di dare una mano alle famiglie contro il caro bollette degli ultimi mesi. In realtà, rispetto all’aumento delle bollette, il bonus rappresenta un semplice contentino. Considerato che verrà riconosciuto una sola volta e basta.  Detto ciò, le modalità di riconoscimento del bonus sono abbastanza chiare per pensionati e dipendenti. Infatti, tali soggetti riceveranno il bonus rispettivamente sulla pensione di luglio e sulla busta paga dello stesso mese.

Le modalità di accredito sono abbastanza scontate per i percettori di reddito di cittadinanza che riceveranno l’accredito sulla carta Rdc.

Per i lavoratori autonomi si dovranno attendere specifiche indicazioni da parte dell’Inps e/o del Ministero del Lavoro.

Bonus 200 euro, a chi spetta: ecco la lista completa dei beneficiari

Rispetto alla prime bozza del decreto Aiuti, la lista dei beneficiari del bonus si è allargata notevolmente nel testo finale.

Detto ciò, è possibile fare un elenco di tutti coloro che prenderanno il bonus 200 euro. In linea di massima, tutti devono avere un reddito 2021 non superiore a 35.000 euro.

Rientrano tra i beneficiari:

  • pensionati con decorrenza entro il 30 giugno 2022, residenti in Italia e a carico dell’Inps o di altre gestione previdenziali no Inps;
  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori domestici (Colf e badanti);
  • percettori del reddito di cittadinanza;
  • beneficiari dell’indennità di disoccupazione (NASpI e DIS-COLL);
  • percettori dell’indennità di disoccupazione agricola;
  • titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (Co.co.co);
  • lavoratori dipendenti stagionali del settore del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dipendenti stagionali.

Hanno altresì diritto al bonus:

  • lavoratori in somministrazione;
  • i lavoratori autonomi occasionali se iscritti alla gestione separata e senza partita iva;
  • soggetti incaricati alle vendite a domicilio;
  • lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo.

Le indennità di 200 euro saranno erogate successivamente all’invio delle denunce Uniemens da parte dei datori di lavoro.

Lo contemporaneità dello status di pensionato e lavoratore non danno diritto ad un bonus doppio. L’accredito sarà sempre di 200 euro. La stessa indicazione vale nel caso in cui il lavoratore abbia doppia busta paga.

Bonus 200 euro lavoratori autonomi, professionisti e altre partite iva

I lavoratori autonomi, le partite IVA e i professionisti iscritti alle gestioni previdenziali INPS (gestione autonomi artigiani, commercianti e agricoli e gli iscritti alla gestione separata) nonchè i professionisti iscritti alle casse private di appartenenza (commercialisti, architetti, consulenti del lavoro ecc.), i limiti reddituali da rispettare per ottenere il bonus saranno individuati con apposito decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali. Lo stesso decreto definirà i criteri e le modalità per la concessione del bonus.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email