Bonus condizionatori 2020: cos’è e come funziona, la guida completa

Cos'è e come funziona il bonus condizionatori 2020? Quant'è la percentuale di detrazione e l'importo massimo spettante? Ecco cosa sapere.

Nell’ultima legge di bilancio è stato confermato il bonus condizionatori 2020 che garantisce una detrazione fiscale pari al 50% o al 65% dell’importo speso per l’acquisto e l’installazione di impianti di climatizzazione. Questo sconto sarà applicato su acquisti per i condizionatori a pompa di calore a risparmio energetico. Ci sono inoltre, dei requisiti da dover rispettare per poter usufruire del bonus in questione.

Quindi vediamo qui di seguito, quali sono le condizioni necessarie per poter usufruire del bonus e chi può richiedere lo sconto del 50% o del 65% sull’acquisto di un nuovo condizionatore per la propria abitazione.

Bonus condizionatori 2020: come funziona lo sconto

Bisogna sottolineare in primis che il bonus per l’acquisto di condizionatori è valido non solo con la ristrutturazione, ma anche con la semplice sostituzione, come detto in precedenza, dell’impianto di climatizzazione con uno A+ o superiori.

Ci sono però degli ambiti da tenere presente per poi procedere con gli acquisti scontati e di seguito saranno elencati per rendere chiara la situazione:

  • lo sconto del 50% sarà applicato a tutti coloro che acquisteranno condizionatori per la ristrutturazione della propria abitazione o del condominio. L’importo massimo è di 96.000 divisibili in rate;
  • il bonus sarà disponibile al 50% anche per la semplice sostituzione dell’impianto di climatizzazione per passare ad almeno uno di categoria A+. L’importo massimo è di 48.000 euro divisibili in rate;
  • la detrazione del 65% sarà disponibile per gli acquisti su condizionatori a pompa di calore che andranno a sostituire quelli di classe inferiore. L’importo massimo per la detrazione è di 46.154 euro, sempre divisibili in rate.

Detto ciò, è importante sapere anche che lo sconto è valido per gli acquisti che saranno effettuati entro il 31 dicembre 2020, mentre per i condomini lo sconto sui condizionatori si estende fino al 2021.

A chi spetta il bonus condizionatori e su quali prodotti

I soggetti che possono usufruire del bonus sono: le persone fisiche, i condomini, le cooperative con abitazioni e proprietà indivise, case popolari, enti pubblici o privati, attività commerciali, associazioni di professionisti; oppure ancora diverse tipologie di società ed altri esercenti.

Il bonus condizionatori 2020 però, non spetta solo ai proprietari delle strutture, ma anche a coloro che godono di diritto al loro utilizzo o che devono sostenere periodicamente delle spese per la manutenzione degli immobili in questione. Pensiamo ad esempio agli affittuari o a coloro che subentrano nell’acquisto dell’immobile dopo la sostituzione dell’impianto di climatizzazione.

Questo bonus si può richiedere attraverso la dichiarazione dei redditi: ad esempio il modello 730 per quanto riguarda i lavoratori dipendenti, oppure tramite modello Redditi PF quando si tratta di lavoratori con partita IVA.  Dunque, dopo aver effettuato l’acquisto, il pagamento dovrà essere fatto con Bonifico parlante, e poi sarà molto importante dichiarare l’acquisto su uno dei modelli sopra citati.

Il bonus condizionatori 2020 con e senza ristrutturazione

Il bonus condizionatori, si potrà avere sia nel caso di ristrutturazione che senza. Nel primo caso si parla di realizzazione di opere edilizie con una detrazione del 50%, considerando sempre il Bonus ristrutturazioni 2020. Ovviamente tutto questo avviene solo ed esclusivamente se le opere e la stessa sostituzione dei condizionatori, avviene per un miglioramento degli immobili. Dunque, è necessario dimostrare che questi interventi sono mirati ad un eventuale risparmio energetico. Per dimostrare ciò, è necessaria la dichiarazione del produttore o dell’installatore.

Quando si parla di una sostituzione che avviene durante una ristrutturazione, è necessario inviare una comunicazione ENEA entro 90 giorni dal termine dei lavori. Il tutto è molto semplice, basta collegarsi al sito www.detrazionifiscali.enea.it e compilare il modulo online. A questo punto non resta che conservare la scheda descrittiva e firmata che è stata inviata all’ENEA e le schede tecniche del condizionatore con le dovute certificazioni.

Quando invece si parla di semplice sostituzione dei condizionatori, quindi senza la ristrutturazione dell’immobile, si può comunque beneficiare dello sconto, ma la detrazione avverrà del 50% per l’importo che comprende le spese di consegna, di installazione e ovviamente l’importo dell’acquisto.

Come ottenere il Bonus Condizionatori: il bonifico parlante

Ottenere il bonus condizionatori 2020 è molto semplice, basta effettuare l’acquisto con un pagamento rateale oppure con un semplice bonifico parlante. Questo perchè dovranno essere spiegati tutti i motivi della spesa nella causale del pagamento da effettuare. Non sono ammessi pagamenti con Carta di credito, Bancomat, PostaPay, Assegni ed infine in contanti, questo perchè i metodi in questione, non certificano le motivazioni dell’acquisto.

Nella causale del bonifico o del finanziamento, bisogna inserire quindi:

  • l’acquisto del bene,
  • il numero della fattura emessa,
  • il riferimento alla legge che concede il bonus e soprattutto,
  • codice fiscale oppure partita IVA dell’acquirente.

Bonus condizionatori 2020 al 110%, si può?

Si, questa detrazione però può essere applicata solo per l’impianto che andrà a sostituire e migliorare quello precedente, ma congiuntamente ad altri interventi come:

  • il rifacimento dei cappotti termici degli immobili;
  • la sostituzione della caldaia con impianti centralizzati a condensazione, con spese non superiori a 30.000 euro per ogni appartamento in caso di condomini;
  • la sostituzione delle caldaie con impianti centralizzati con spese non superiori a 30.000 euro per le unità unifamiliari.

Tutti questi vantaggi però devono essere sempre certificati da coloro che effettuano i lavori, in modo tale da non riscontrare problemi con eventuali mancate detrazioni.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679