Bonus psicologo cos’è, come funziona e destinatari: guida completa

Con il via libera in commissione al bonus psicologo 2022, ecco un decisivo passo in avanti verso l'introduzione del contributo economico.


Dopo un periodo di incertezza in merito all’introduzione, o meno, del bonus psicologo 2022, finalmente è giunta la notizia che fa definitiva chiarezza sull’argomento. Le Commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio hanno approvato il bonus appena citato. Il prossimo passaggio è in aula alla Camera, ma siamo di fatto innanzi ad una svolta nei confronti di un beneficio da più parti richiesto.

In gioco è un investimento totale pari a 20 milioni per il 2022, che è stato inserito nel decreto Milleproroghe e appunto approvato nelle ultime ore dalle Commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio della Camera.

Il bonus psicologo 2022 è di fatto un’agevolazione per l’assistenza psicologica, che era già stata oggetto di una proposta dello scorso dicembre. L’emendamento in proposito fu accolto da tutte le forze politiche, ma di fatto si arenò a causa della mancanza dei fondi necessari a sostenerlo. Il bonus appare come un traguardo che giunge a seguito di una battaglia anche civile e non soltanto politica. E’ ben nota infatti la petizione nel sito change.org, mirata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla rilevanza di un contributo economico a favore di chi ha bisogno di assistenza psicologica. Ma il bonus suddetto ha ricevuto anche la spinta di molte società scientifiche, le quali hanno espresso il loro parere positivo all’introduzione del bonus, redigendo un documento ad hoc, inviato alle istituzioni.

Di seguito tutti i dettagli sul bonus psicologo 2022 e sul suo meccanismo.

Bonus psicologo 2022: di che si tratta? I destinatari

Non vi sono particolare dubbi sulla funzione di questo bonus: si tratta di un’agevolazione utilizzabile in relazione alle forme di assistenza psicologica e terapie, la quale avrà un valore massimo corrispondente a 600 euro per persona. Il bonus psicologo 2022 sarà assegnato sulla scorta dei dati Isee, in ragione del fatto che si tratta di uno strumento rivolto ai seguenti destinatari:

  • coloro che hanno un disagio mentale;
  • coloro che non hanno la possibilità economica di pagarsi le sedute da uno psicoterapeuta privato.

Escluse dalla fruizione del bonus le persone con Isee al di sopra dei 50mila euro. 

Leggi anche: bonus idrico 2022, domanda online dal 17 febbraio

Da notare altresì che il contributo in oggetto non presenta limiti di età e la platea potenziali beneficiari – in base alle più recenti stime — è pari a circa 16mila cittadini. Gli aventi diritto potranno chiedere un ristoro a fronte delle spese sostenute per sedute di psicanalisi e terapie.

Quanti incontri saranno coperti dal bonus in oggetto?

La domanda che molti si potrebbero porre è relativa al margine di copertura del contributo in oggetto, ovvero su quante sedute di psicoterapia interviene il citato bonus psicologo 2022? Ebbene, tenendo conto che la tariffa di una seduta si aggira mediamente sui 50 euro, con un bonus da 600 euro il privato potrà contare su un pacchetto di una dozzina di incontri totali, sui quali scatta l’agevolazione.

Ovviamente si tratta di incontri presso specialisti privati iscritti all’albo degli psicoterapeuti.

Bonus psicologo: il ‘pacchetto salute mentale’ e gli stanziamenti previsti

L’intervento in oggetto fa parte del cd. ‘pacchetto salute mentale’ ed è una misura che sarà finanziata con 10 milioni di euro. Il bonus è dunque incluso in un provvedimento più ampio, che implica lo stanziamento di altri 10 milioni:

  • per il rafforzamento della rete pubblica dei servizi di salute mentale (neuropsichiatria per l’infanzia e l’adolescenza a livello sia territoriale sia ospedaliero; assistenza sociosanitaria per le persone con disturbi psichiatrici);
  • per il reclutamento di professionisti di ambito sanitario e assistenti sociali.

Insomma, un investimento totale da circa 20 milioni per il 2022 che – come accennato all’inizio – è stato incluso nel decreto Milleproroghe e approvato recentemente dalle Commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio della Camera. Le menzionate misure per la tutela della salute mentale saranno ora vagliate alla Camera, per poi passare al Senato, al fine di concludere il percorso parlamentare di approvazione.

Leggi anche: SPID minorenni, arrivato il sì del Garante della Privacy

Bonus psicologo come risposta al disagio psicologico da pandemia

In effetti il citato contributo ha una rilevanza pratica del tutto evidente. Esso è frutto dell’analisi dell’aggravamento dei problemi di salute mentale, a seguito della pandemia. Sono aumentati i suicidi, gli episodi di autolesionismo, le dipendenze patologiche, i fenomeni di ansia e depressione tra giovani, ma non soltanto. Inoltre, per quanto attiene ai mesi del lockdown, uno studio della Fondazione The Bridge ha rilevato un peggioramento delle condizioni di vita e di salute degli utenti già curati presso i servizi di salute mentale. Insomma tutti elementi che hanno reso opportuna l’introduzione del contributo economico in oggetto.

Chiaramente sarà fondamentale stabilire i criteri sanitari di accesso al bonus psicologo 2022. Sarà necessaria una valutazione professionale per individuare l’effettivo bisogno di terapia psicologica del candidato. L’indicazione di trattamenti di psicoterapia potrà ad es. essere rilasciata dal medico di medicina generale o dal personale dei consultori familiari, ma proprio in riferimento a ciò sono attese a breve specifiche istruzioni.

Rimarchiamo infine che le modalità di presentazione della domanda di accesso al bonus psicologo 2022 e tutti gli ulteriori dettagli circa il funzionamento del meccanismo (ad es. i requisiti di salute) dovranno essere definiti attraverso un decreto ad hoc del Ministero della Salute di concerto con quello dell’Economia, entro trenta giorni dall’entrata in vigore della legge.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email