Lavori usuranti: presentazione della domanda per accedere al pensionamento anticipato

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Come presentare domanda e documenti da allegare per il pensionamento anticipato, previsto dal decreto lavoro usuranti.

Abbiamo già parlato del decreto legislativo, recante norme in materia di accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti (lavori usuranti).

L’art. 2 del decreto in questione, disciplina le modalità di presentazione della domanda e la documentazione necessaria. In particolare, è previsto che, ai fini dell’accesso al beneficio di cui all’articolo 1, il lavoratore interessato deve trasmettere la relativa domanda e la necessaria documentazione:

  • entro il 30 settembre 2011 qualora abbia già maturato o maturi i requisiti agevolati di cui all’articolo 1 entro il 31 dicembre 2011;
  • entro il 1° marzo dell’anno di maturazione dei requisiti agevolati qualora tali requisiti siano maturati a decorrere dal 1° gennaio 2012.

La domanda va presentata all’Istituto previdenziale presso il quale il lavoratore è iscritto e, deve essere corredata da copia o estratti della documentazione prevista dalla normativa vigente al momento dello svolgimento delle attività e dagli elementi di prova in data certa da cui emerga la sussistenza dei requisiti necessari per l’anticipo del pensionamento, con riferimento sia alla qualità delle attività svolte sia ai necessari periodi di espletamento riferibili a:

  • prospetto di paga;
  • libro matricola, registro di impresa ovvero il libro unico del lavoro;
  • libretto di lavoro;
  • contratto di lavoro individuale indicante anche il contratto collettivo nazionale, territoriale, aziendale e il livello di inquadramento;
  • ordini di servizio, schemi di turnazione del personale, registri delle presenze ed eventuali atti di affidamento di incarichi o mansioni;
  • documentazione medico-sanitaria;
  • comunicazioni che il datore di lavoro tenuto a fare alla DPL a mente dell’art 5 del decreto;
  • carta di qualificazione del conducente di cui all’articolo 18 del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286, e certificato di idoneità alla guida;
  • documento di valutazione del rischio previsto dalle vigenti disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • comunicazioni di assunzione ai sensi dell’articolo 9-bis, comma 2, del decreto-legge 15 ottobre 1996, n. 510, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 1996, n. 608, e successive modificazioni;
  • dichiarazione di assunzione ai sensi dell’articolo 4-bis, comma 2, del decreto legislativo 21 aprile 2000, n.181, contenente le informazioni di cui al decreto legislativo 26 maggio 1997, n. 152;
  • altra documentazione equipollente.

L’ente previdenziale dal quale deve essere erogato il trattamento pensionistico comunica all’interessato, nel caso in cui l’accertamento abbia avuto esito positivo, la prima decorrenza utile del trattamento pensionistico, la quale resta subordinata alla presentazione all’ente medesimo della domanda di pensionamento dell’interessato ai fini della verifica dell’integrazione dei requisiti previsti.

La presentazione della domanda oltre i termini, comporta, in caso di accertamento positivo dei requisiti, il differimento del diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico anticipato pari a:

  • un mese, per un ritardo della presentazione compreso in un mese;
  • due mesi, per un ritardo della presentazione compreso tra un mese e due mesi;
  • tre mesi per un ritardo della presentazione di tre mesi ed oltre.

Obblighi di comunicazioni  (art.5)

L’art 5 prevede degli obblighi di comunicazioni in capo al datore di lavoro che, è tenuto anche per il tramite dell’associazione cui aderisca o conferisca mandato, esclusivamente per via telematica, a comunicare alla Direzione provinciale del lavoro competente per territorio e ai competenti istituti previdenziali, con periodicità annuale, l’esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici, nel caso in cui occupi lavoratori notturni così come definiti all’articolo 1, comma 1, lettera b).

Il datore di lavoro che svolge le lavorazioni indicate dall’articolo 1, comma 1, lettera c (addetti alle linee di catena e ad attività in serie) è tenuto a darne comunicazione alla Direzione provinciale del lavoro competente per territorio e ai competenti istituti previdenziali entro trenta giorni dall’inizio delle medesime.

In sede di prima applicazione della presente disposizione, la comunicazione è effettuata entro trenta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto legislativo.

L’omissione di ognuna delle comunicazioni di cui ai commi 1 e 2 è punita con la sanzione amministrativa da 500 euro a 1500 euro.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • moreno

    ho 55 anni -37 di contributi dal 1984 al 2008 come lavoro usurante

  • roberto

    ho 54 anni -39 di contributi dal 1972 al 1979 aprendista falegname , precoce, usufruisco della nuova
    legge per usurante

  • giuseppe

    ho 59 anni e 39 di contributi dal 1979 lavoro come guardia particolare giurata avendo svolto lavori notturni rientro ne lavoro usurante (premetto che ho effettuato le 80 notti all'anno)?

    • Ciao Giuseppe, credo di si, ma per sicurezza ti consiglio di rivolgerti ad un buon patronato e far seguire a loro la pratica per evitare di fare errori che potrebbero costrati caro…

  • giuseppe

    dico e sottolineo dico ma……questi politici invece di pensare come fregare il prossimo che si facciano loro dei tagli al loro misero stpendio non posso dimenticare nel 90 92 credo " italiani abbiamo un buco di svariati miliardi vi chiediamo sacrificiiiiiii bene il giorno dopo LORO si aumentano il mensile di 800mila lire vergognateviiii andate a zappare la terra ladroniiiiiii

  • domenico

    Sono Domenico a giorni compio 57 anni e 37,8mesi di lavoro usurante quando matura la mia pensione e quando posso andare in pensione visto le ultime novità della pensione.Grazie per la risposta

    • Ciao Domenico, rispondere così sul sito è quasi impossibile! Ti consiglio di recarti presso un buon patronato, loro sono esperti della materia.

  • angelo

    sono un autoriparatore di 53 anni lavoro dall eta di 14 anni sono pieno di dolori il mio lavoro rientra nei lavori usuranti? ho avuto a che fare con l amianto dei freni delle auto

    • Ciao Angelo, ti consiglio di rivolgerti ad un patronato. Loro sono abilitati a seguire questo genere di pratiche.

  • Pasquale

    La notte che viene presa in considerazione per i lavori usuranti vengono tolte le ferie,malattie,permessi sindacali,ect..Il datore di lavoro deve rilasciare la documentazione di quali anni precedenti per visionare il numero delle notti?Io faccio il turno di notte dal 09-1980,in più ho fatto il militare e sono di dicembre 1955.In teoria dovrei andare dopo il 2018. Pasquale

  • Ciao pasquale la legge prevede l’ accesso al trattamento pensionistico anticipato per coloro che prestano la loro attività per almeno 6 ore comprendenti l’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino e per un numero minimo di giorni all’anno.
    C’è una differenziazione per chi svolge attività lavorativa nell’orario notturno suindicato per un numero di giorni lavorativi all’anno pari o superiore a 78, a decorrere dal 1° gennaio 2012, e l’altra per i lavoratori che prestano le suddette attività per un numero di giorni lavorativi annui inferiore a 78 e che maturano i requisiti per l’accesso anticipato dal 1° gennaio 2012.
    Ti lascio questo link, dove ci sono elencate tutte le ipotesi https://www.lavoroediritti.com/2012/02/lavori-usuranti-domande-di-pensionamento-entro-il-1-marzo-per-chi-matura-i-requisiti-nel-2012/

  • Pasquale

    Sono di dicembre 1955 e faccio il lavoro notturno da 64 a 72 per quattro turni quindi riduzione di un anno per la pensione per lavoro usurante. Fino ad adesso compreso il militare ho 33 anni di contributi.Quando andrò in pensione?