Decreto Dignità: novità in materia fiscale, analisi della Fondazione Studi

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro analizza le novità in materia fiscale contenute nel Decreto Dignità dopo la conversione in Legge.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha rilasciato un interessante approfondimento sul Decreto Dignità, soffermandosi in modo particolare sulle novità in materia fiscale.

Si tratta della circolare n.15/2018 con la quale la Fondazione Studi analizza con la solita professionalità e chiarezza il Decreto Legge 12 luglio 2018 n. 87, convertito con modificazioni dalla Legge n. 96 del 9 agosto 2018, soffermandosi come detto sulle novità riguardanti gli aspetti fiscali, economici ed amministrativi della Legge.

Decreto Dignità, novità in materia fiscale

Come già ampiamente detto, anche su questo sito, la Legge di conversione del Decreto Dignità ha confermato in gran parte l’impianto iniziale del Dl 87/2018, ad eccezione di alcune modiche ai singoli provvedimenti ed alcune integrazioni.

Per quanto riguarda il lavoro è noto che le novità principali riguardano il contratto a termine, la somministrazione lavoro, le prestazioni occasionali, il ripristino del reato di somministrazione fraudolenta di manodopera e l’Indennità per licenziamento illegittimo.

Leggi anche: Prestazioni Occasionali: guida ai nuovi voucher dopo il Decreto Dignità

Per quanto riguarda invece le novità sugli aspetti fiscali, economici ed amministrativi del provvedimento, troviamo, come sintetizza la Fondazione Studi:

  • rinvio al 1° gennaio 2019 dell’obbligo di fatturazione elettronica per la vendita di carburanti ai soggetti IVA;
  • restyling di redditometro, spesometro e split payment;
  • proroga al 2018 del regime di compensazione delle cartelle esattoriali da parte delle imprese titolari di crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili nei confronti della PA con le cartelle riferite ai carichi fino al 31 dicembre 2017;
  • ridefinito il regime giuridico e fiscale dello sport dilettantistico;
  • coniata la locuzione “disturbo da gioco d’azzardo” e posto il divieto di pubblicità anche indiretta su giochi e scommesse. Dal 1° gennaio 2019 partirà il divieto sarà esteso anche alle sponsorizzazioni;

Decreto Dignità: l’analisi delle novità fiscali della L. 96/2018

Con il presente lavoro si analizzano gli articoli da 8 a 13 del Decreto Legge 12 luglio 2018, n. 87, convertito con modificazioni dalla Legge 9 agosto 2018, n. 96, pubblicata in Gazzetta Ufficiale 11 agosto 2018, n. 186, soffermandosi sulle novità riguardanti gli aspetti fiscali, economici ed amministrativi del provvedimento.

Nei prossimi giorni, invece, saranno analizzate le novità in materia di lavoro con un’altra circolare.

[…]

Continua a leggere sul sito di Fondazione Studi CdL

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.