Inail, rapporto annuale 2011

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Presentazione ufficiale del rapporto INAIL relativo al 2011 da parte del Presidente De Felice alla Camera dei deputati.

Dopo le anticipazioni di qualche settimana fa del Presidente De Felice, il 9 luglio è stato presentato ufficilamente alla Camera il rapporto annuale dell’INAIL relativo al 2011.

Secondo il rapporto nel 2011 sono state censite dall’INAIL circa 3 milioni e 800 mila posizioni assicurative (territoriali) e non c’è stata diminuzione rispetto al 2010, né al 2009 nonostante la crisi. Anche la massa delle retribuzioni di riferimento, sulla quale si calcolano i premi dovuti all’INAIL dalle aziende, è stata di circa 334 miliardi di euro, in aumento rispetto al precedente biennio.

I numeri dicono che il sistema di assicurazione è sostanzialmente rimasto saldo anche in questo anno di crisi; in particolare, è stata confortante a detta dell’Ente la tenuta in percentuale dei premi incassati sugli accertati, a testimonianza che è ormai radicato nelle imprese il rispetto dell’obbligo assicurativo che non si è incrinato nonostante le difficoltà finanziarie.

Per quanto concerne gli infortuni nel 2011 ne sono stati denunciati circa 725 mila, con una riduzione del 6,6% rispetto al 2010. Gli incidenti mortali sono stati 925. I decrementi maggiori si sono avuti nel settore costruzioni (-14,7%) e trasporti (-11,3%), probabilmente anche a causa della sfavorevole congiuntura economica che ha visto aumentare di molto la percentuale degli inoccupati.

Leggi anche: Inail, nel 2011 in Italia 920 morti sul lavoro

In aumento invece le denunce di malattie professionali, nel 2011 sono state più di 46 mila con un aumento di quasi il 10% rispetto al 2010, e del 60% rispetto all’inizio dell’ultimo quinquennio.

Per quanto riguarda infine l’attività finanziaria dell’Ente assicurativo, si è avuto nel 2011 un risultato finanziario positivo pari 785 milioni, si sono avute entrate di competenza per 10 miliardi e 500 milioni di euro (con un incremento dell’1,30% delle entrate contributive rispetto al 2010); le uscite di competenza si sono attestate a poco più di 9 miliardi e mezzo (con prestazioni istituzionali in lieve diminuzione, rispetto all’anno precedente)

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti