Tredicesima pensionati 2018: a chi e quanto spetta

Breve guida contenente le informazioni utili per capire a chi spetta e a quanto ammonta la tredicesima pensionati 2018 e il giorno in cui viene pagata.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il periodo natalizio è alle porte ormai, e con esso anche l’erogazione della tanto agognata tredicesima mensilità per i pensionati e i lavoratori dipendenti. L’emolumento aggiuntivo, chiamato anche gratifica natalizia, spetta ogni anno non soltanto ai lavoratori dipendenti ma anche a chi percepisce un trattamento previdenziale, e dunque per le pensioni. Pertanto, generalmente entro e festività natalizia i pensionati si ritroveranno sul cedolino pensionistico uno stipendio in più, che rappresenta appunto la 13a.

Ma a chi spetta questa mensilità aggiuntiva? A quanto ammonta l’importo della gratifica natalizia? Come si calcola ed entro quali termini deve essere erogato l’importo aggiuntivo? Andiamo quindi in ordine e vediamo nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere sulla tredicesima mensilità 2018 per i pensionati.

Tredicesima mensilità pensionati: a chi spetta

La tredicesima mensilità, in particolare, spetta:

  • ai pensionati titolari di pensione di vecchiaia;
  • ed ai pensionati titolari di pensione anticipata (o ex pensione di anzianità).

Ma non solo. L’importo è riconosciuto anche a coloro che sono titolari di prestazioni assistenziali ed ai titolari della pensione ai superstiti indiretta e di reversibilità.

Leggi anche: tredicesima lavoratori dipendenti 2018

Pagamento tredicesima pensionati INPS 2018

Pagamento tredicesima pensionati INPS 2018Se per i lavoratori dipendenti non vi è una data precisa prevista dalla legge (prima della vigilia di Natale), poiché bisogna far riferimento a quanto indicato nel contratto collettivo di categoria applicato al lavoratore, per i pensionati invece la tredicesima viene già pagata all’inizio di dicembre.

In pratica, la tredicesima il pagamento della tredicesima ai pensionati avviene insieme all’assegno pensionistico, ossia il primo giorno bancabile. Laddove il primo giorno del mese sia un festivo o un giorno non bancabile, ossia domenica, l’accredito slitta al giorno successivo.

Ma andiamo più nel dettaglio e vediamo esattamente il giorno in cui viene pagata nel 2018. La tredicesima quest’anno verrà accreditata:

  • il 1° dicembre 2018, che è sabato, per coloro che hanno l’accredito della pensione su conto corrente postale;
  • il 3 dicembre 2018, che è lunedì, per coloro che hanno l’accredito della pensione su conto corrente bancario.

Si ricorda, a tal proposito, che i giorni bancabili sono tutti i giorni compresi dal lunedì al sabato, esclusi i festivi. Tuttavia, per la banca il sabato non è considerato bancabile. Ecco perché chi si fa accreditare la pensione sul conto corrente bancario riceverà la pensione, e quindi anche la tredicesima, con qualche giorno di ritardo.

Leggi anche: Calendario pagamenti pensioni Inps 2018

A quanto ammonta la tredicesima pensionati 2018?

Ma quanto spetta di tredicesima ai pensionati? L’importo corrisponde esattamente alla mensilità accreditata normalmente? La risposta è negativa. La tredicesima viene accreditata secondo un meccanismo differente, e quindi sconta una tassazione diversa rispetto all’importo pensionistico. Per questo motivo la tredicesima non corrisponde all’importo pensionistico.

Innanzitutto bisogna sapere che la tredicesima maturi in mesi. Quindi è prevista una suddivisione della stessa in tanti ratei mensili quanti sono i mesi di pensionamento trascorsi all’interno di un anno. Se il pensionato ha ricevuto la pensione da gennaio a dicembre, riceverà la tredicesima per intero. Diversamente, se si tratta di neo pensione, che ha ricevuto per esempio la pensione dal 1° maggio 2018, spetteranno tanti ratei quanto sono i mesi di fruizione della pensione (quindi da maggio a dicembre).

L’importo lordo della tredicesima si calcola moltiplicando lorda mensile per il numero di mesi di pensionamento effettivo (nell’anno di riferimento) e dividere il tutto per 12. Si ottiene in questo modo la pensione lorda mensile.

Ad esempio, si ipotizzano due pensione entrambi con una pensione annua lorda di 25.000 euro; uno dei due, però, riceve la pensione già dal 2017, l’altro invece soltanto dal 1° maggio 2018.

Nel primo caso la tredicesima sarà riconosciuta per l’intero anno, quindi per un importo lordo pari a 2.083,33 euro. Nel secondo caso, invece, questa sarà riconosciuta per sole 8 mensilità (da maggio a dicembre).

Ma come si passa dal lordo al netto?

Ebbene, se per l’importo della pensione si applica il meccanismo a scaglio dell’Irpef, per la tredicesima si applica direttamente il 27%. Per questo motivo l’importo risulterà più basso.

Ergo, se la pensione su un importo lordo di 2.083,33 euro è pari a 1.570,83 euro, la tredicesima netta invece sarà pari a 1.520,83 euro.

Maggiori Informazioni sulla tredicesima pensioni

Per maggiori dettagli sul conteggio oppure per qualsiasi altro dubbio è possibile contattare il Numero Verde INPS 803164 da fisso oppure 06164164 da mobile; è possibile altresì rivolgersi gratuitamente ad un patronato.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.