Il nuovo ISEE 2015 in Gazzetta Ufficiale

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


La pubblicazione del testo approvato lo scorso 7 novembre, prevista in serata, consente alla nuovo ISEE 2015 di entrare in vigore dal 2015

E’ prevista per questa sera la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e quindi l’entrata in vigore dal 2015 del nuovo ISEE. Il decreto di approvazione del nuovo modello di dichiarazione necessario per ottenere l’ISEE 2015, Indicatore della Situazione Economica Equivalente, insieme alle relative istruzioni per la compilazione è stato approvato lo scorso 7 novembre.

Il successivo 12 novembre il Ministro Poletti, in una nota stampa pubblicata sul sito del Ministero del Lavoro, annunciava che il decreto sarebbe stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 novembre, al fine di rendere pienamente operativa la riforma dell’ISEE a partire dal 1° gennaio 2015.

La normativa, infatti, prevede l’utilizzo del nuovo ISEE 2015 a partire dai trenta giorni successivi all’entrata in vigore del decreto (cioè, complessivamente, il 45° giorno dopo la pubblicazione).

Novità nel nuovo modello ISEE 2015

Le principali novità del nuovo modello DSU, ovvero dichiarazione sostitutiva unica, per il calcolo dell’ISEE 2015 sono:

  • si potrà presentare una dichiarazione semplificata, il modello MINI, che riguarderà la gran parte delle situazioni ordinarie;
  • si potrà inoltre utilizzare, in tutti gli altri casi una dichiarazione a moduli, ciascuno specifico di una particolare prestazione o condizione del beneficiario (es, richiesta di prestazioni socio-sanitarie con un nucleo ristretto per facilitare la persona con disabilità, prestazioni universitarie quando lo studente non è nel nucleo familiare di origine, ecc.).

Con le nuove regole inoltre sarà possibile aggiornare la propria situazione economica quando si perde il lavoro (più in generale quando il reddito diminuisce di almeno il 25%) senza dover necessariamente aspettare che il peggioramento delle condizioni venga prima registrato dalle dichiarazioni fiscali, così come avveniva purtroppo nel vecchio ISEE; si potrà in questi casi presentare una dichiarazione particolare per ottenere l’ISEE corrente.

Infine molte informazioni non saranno più richieste al cittadino in sede di dichiarazione (es. il reddito complessivo o altre informazioni già presenti negli archivi dell’INPS o dell’Agenzia delle entrate), ma direttamente recuperate negli archivi.

  ISEE 2015 scheda tecnica (360,5 KiB, 2.219 download)
  Istruzioni DSU, dichiarazione sostitutiva unica (740,1 KiB, 1.540 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • Max

    I modelli presenti nella pagina sono quelli definitivi?

    • sono presi dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, a meno di ulteriori modifiche sono quelli definitivi

      • spartacus

        Fatti apposta per mettere in difficoltà i contribuenti.

  • maurizio

    VORREI SAPERE A CHI MI DOVREI RIVOLGERE SE LAVORO TRE GIORNI A SETTIMANA E IN TOTOLE ORE DILAVORO FACCIO 16 ORE DI LAVORO PERO CE UN PROBLEMA CHE LA COPERATIVA CHE IN CUI LAVORO MI A REGGISTRATO X 7 ORE SETTIMANALE X INCASTRARLO COME DOVREI FARE . CHIAMARE L ISPETTORI DEL LAVORO

  • Italo43

    Gradirei sapere se la pensione AVS-Svizzera PERCEPITA IN ITALIA, con tassazione all’estero, considerato un reddito esente da IRPEF,và dichiarata nell’Isee oppure nò come negli altri anni.