Cassazione: può essere licenziato per motivi disciplinari il lavoratore che rifiuta il trasferimento

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


La Cassazione, con sentenza nr. 7045/2010 ha stabilito che il licenziamento del lavoratore che rifiuti di trasferirisi presso una nuova sede lavorativa, ha natura disciplinare; pertanto, non è ammesso il licenziamento in tronco senza preventiva comunicazione alle organizzazioni sindacali.

La Cassazione, con sentenza nr. 7045 del 24 marzo scorso ha stabilito che il licenziamento del lavoratore che rifiuti di trasferirisi presso una nuova sede lavorativa in un’altra città, ha natura disciplinare; pertanto, non è ammesso il licenziamento in tronco senza una preventiva comunicazione alle organizzazioni sindacali di settore.

Il caso ha riguardato una lavoratrice la cui sede operativa era stata spostata da Vicenza a Treviso. A seguito di tale spostamento, la lavoratrice non si era presentata sul nuovo posto di lavoro per un periodo di sette mesi. Persistendo il rifiuto a lavorare presso la nuova sede, la lavoratrice veniva licenziata in tronco.

Nel ricorso presentato al Tribunale, la lavoratrice sosteneva che il licenziamento dovesse considerarsi di natura disciplinare  e quindi illegittimo per palese violazione dell’articolo 7 della legge 300/1970 nonché degli articoli 32 e seguenti del contratto collettivo di categoria.

La Suprema Corte ritiene fondato tale motivo del ricorso; secondo un orientamento costante della Cassazione “ il licenziamento intimato al lavoratore per una qualche mancanza o inadempienza degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro ha,  indipendentemente dalla sua inclusione tra le misure disciplinari, natura disciplinare e, come tale, deve essere assoggettato alle garanzie previste per il lavoratore dal II e III comma dell’art 7 dello Statuto dei lavoratori circa la contestazione dell’addebito e il relativo diritto di difesa”.

Nel caso di specie – continua la Carte – è pacifico che il licenziamento sia avvenuto a seguito della protratta assenza della lavoratrice presso la nuova sede di lavoro di Treviso, assenza che costituisce una tipica inadempienza degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro e ciò è sufficiente per riconoscere la natura disciplinare del licenziamento.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti