Bonus 200 euro decreto Aiuti-bis: niente proroga ad agosto e settembre

Tutti si aspettavano la proroga del bonus 200, ma alla fine non è arrivata. Approvate tuttavia alcune novità sugli aventi diritto.


Alla fine non è arrivata l’attesa proroga del bonus 200 euro, infatti, nel decreto Aiuti-bis, il Governo uscente ha deciso di non estendere il bonus anche per i prossimi mesi.

Tuttavia si estende la platea dei beneficiari a chi non ha ricevuto il bonus in qualità di lavoratore dipendente perché non rispettava i requisiti richiesti dal primo decreto Aiuti. Inoltre, il nuovo decreto Aiuti-bis estende l’indennità anche ai collaboratori sportivi.

Ecco cosa cambia con il decreto Aiuti-bis.

Bonus 200 euro lavoratori dipendenti

Per capire meglio le novità introdotte sul bonus 200 euro dal nuovo decreto Aiuti-bis, è necessario riprendere i requisiti previsti dal precedente decreto Aiuti (DL 50/2022) per i lavoratori dipendenti. Che siano a tempo determinato o indeterminato poco importa.

In particolare il bonus si trova nella busta di paga  di luglio (per alcuni nella busta paga di Agosto, competenza luglio) ai lavoratori dipendenti che nel primo quadrimestre dell’anno 2022 hanno beneficiato dell’esonero contribuivo di cui al comma 121 della Legge 234/2021, Legge di bilancio 2022.

Dunque, il bonus è riconosciuto ai lavoratori dipendenti ai quali, anche in un solo mese del primo quadrimestre 2022:

  • spetta l’esonero contributivo sui contributi IVS (0,80%),
  • perché titolari di una retribuzione imponibile previdenziale non eccedente mensilmente l’importo di 2.692 euro (imponibile previdenziale-circa 35.000 euro annui compresa la tredicesima).

Considerato che l’INPS ha fornito chiarimenti sul bonus con forte ritardo, nella circolare n° 73/2022, lo stesso Istituto di previdenza, sentito il Ministero competente,  ha ampliato la platea dei beneficiari. Nel senso che, il bonus 200 euro è esteso anche a chi ha avuto diritto all’esonero contributivo a maggio o a giugno. Dunque anche dopo il primo quadrimestre 2022 come previsto invece dalla norma.

Bonus 200 euro, cosa cambia con il decreto Aiuti-bis?

Fatta tale doverosa ricostruzione, veniamo alle novità del decreto Aiuti-bis.

In particolare, il nuovo decreto estende il bonus ai lavoratori dipendenti che erano stati esclusi dal precedente decreto Aiuti, in quanto:

  • non beneficiari del suddetto esonero contributivo nel primo semestre ( in tal modo la bozza del decreto sembra allinearsi al parere Inps-Ministero del lavoro e delle politiche sociali riportato nella circolare n°73/2022),
  • perché interessati da eventi con copertura di contribuzione figurativa integrale dall’INPS.

Il bonus sarà loro  riconosciuto, in via automatica, dal datori di lavoro, nella retribuzione erogata nel mese di ottobre 2022. Sarà sempre necessaria l’autodichiarazione del lavoratore con la quale attesta il rispetto dei requisiti richiesti dalla norma. L’autodichiarazione dovrà essere consegnata al proprio datore di lavoro.

Bonus 200 euro per i collaboratori sportivi

Il bonus 200 euro verrà riconosciuto anche ai collaboratori sportivi. In particolare l’accredito sarà effettuato direttamente da Sport e Salute S.p.a. in favore dei collaboratori sportivi che in precedenza hanno beneficiato di almeno una delle indennità previste in loro favore durante la pandemia da Covid-19.

Per ricevere il bonus non sarà necessario presentare alcuna domanda. Le risorse a disposizione sono pari a 30 milioni.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email